ESCLUSIVA WEB - Shopping sulla Prospettiva Nevskij

Si sono rinnovate, le Guide Verdi del Touring, seguendo l’evoluzione dei gusti, dei consumi e del modo di viaggiare. Fra i contenuti troverete approfondimenti e consigli d’autore su musica, cinema e vita quotidiana, focus su piatti, festival e sapori locali, proposte di turismo all’aria aperta, naturalistico e sportivo. Vi proponiamo un estratto dalla Nuova Guida Verde Mosca San Pietroburgo, con un approfondimento legato allo shopping sulla Prospettiva Nevskij, da scaricare (con contenuti aggiuntivi) anche in pdf.

 

Da sempre sulla prospettiva Nevskij si concentrano i negozi più rinomati della città; se fino a qualche anno fa l’area degli acquisti era limitata al tratto fra il canale Griboedov e il fiume Fontanka, oggi tutto il viale offre possibilità di acquisti di ogni genere, raramente a buon prezzo ma spesso originali, talora perfetti per un ricordo del proprio viaggio in Russia.

Le gallerie commerciali storiche
La passeggiata fra i negozi della Nevskij può iniziare dal sontuoso edificio al N. 28, che accoglie la storica libreria dom Knigi, con libri illustrati su San Pietroburgo, guide della città in numerose lingue (italiano compreso), atlanti, cartoline, qualche souvenir e, al piano superiore, un’elegante sala da caffè, con mirabile vista sulla prospettiva e sulla cattedrale di Nostra Signora di Kazan’.
Seguendo il corso, poco più in là si incontrano le più lussuose gallerie commerciali della città. Dapprima il Grand Palace (N. 44), con boutique dei più noti marchi dell’alta moda. All’ultimo piano si trova il Seven Sky, bar ristorante alla moda con vista sui tetti della Nevskij (ingresso dal N. 15 della retrostante via Ital’janskaja). Al N. 48 della prospettiva si trova l’edificio dei grandi magazzini Passaž. Questa lunga galleria a tre piani, adibita a negozi, fu costruita tra il 1846 e il 1848 seguendo la tipologia dei nuovi centri commerciali che si andavano diffondendo in Europa. L’intero complesso deve le sue forme attuali al lavoro di completa ristrutturazione compiuto da Kozlov nel 1899-1900. Nonostante i molti anni trascorsi e il totale rifacimento, le caratteristiche più significative del Passaž si sono conservate, come l’elevata qualità delle merci in vendita. Nulla di paragonabile con il Grand Palace, comunque: negli articoli proposti e nello stesso allestimento delle vetrine prevale un gusto più greve. Come da tradizione, il piano interrato è tutt’oggi adibito al commercio dei prodotti alimentari: nell’Ottocento questa era una necessità, al fine di preservarli a una temperatura fresca e costante.
Proseguendo fino al successivo incrocio, nel palazzo d’angolo (N. 50), al primo piano si trova una fornitissima farmacia omeopatica (gomeopatičeskaja apteka), che vende tutte le preparazioni possibili e immaginabili a prezzi decisamente più bassi rispetto all’Italia.
Sul lato opposto della Nevskij si trova il Gostinyj dvor (N. 35; nella foto in basso), o casa dei Mercanti, costruito da Vallin de la Mothe nel 1761. Questo immenso magazzino di vendita, il cui perimetro è di circa 1 km, è circondato da un porticato. In origine esso fungeva, durante la notte, da luogo di concia del pellame e da bivacco per i mercanti che giungevano dalle varie province della capitale. Negli ultimi anni, il Gostinyj dvor ha cessato di essere il punto di riferimento canonico per gli acquisti dei ceti più popolari, anche se le merci in vendita non sono paragonabili per qualità (e per prezzo) con quelle offerte dai negozi sull’altro lato della prospettiva. Al pianterreno, a ridosso dell’ingresso alla stazione della metropolitana, si trovano i banchi più interessanti, con articoli di artigianato di alta qualità e a prezzi convenienti, dalle scatolette in cartapesta laccata, alle matrioske, alla biancheria in lino per la casa e oggetti e monili in ambra. (continua nella pagina successiva)


Dai palloni da calcio alle icone
Sul lato opposto al Gostinyj dvor, al N. 54 si trova il negozio Zenit Arena, che attirerà gli appassionati di calcio. Vi si trovano magliette, tute, palloni, scarpe e un’infinità di gadget, tutti con l’effige della squadra di calcio di San Pietroburgo.
Subito oltre, al N. 56, il negozio Eliseevskij è la rivendita di generi alimentari più celebre della città. Costruito con grande sfarzo nel 1903 come simbolo della ricchezza della dinastia dei mercanti Eliseev, conserva arredi e illuminazione dell’epoca. Sempre affollato, per lo più da curiosi, il negozio è una divertente commistione fra lo sfarzo e il kitsch, tra commessi in uniforme, banchi in cui si trovano prodotti alimentari di lusso (ostriche vive, caviale, nella foto in alto, e raffinatezze gastronomiche da tutto il mondo), e un’orchestra che suona musica dal vivo. All’interno dell’Eliseevskij (e d’estate anche all’esterno), si trovano alcuni tavolini dove si possono consumare i prodotti di pasticceria e spuntini salati di produzione propria. A differenza dei prodotti in vendita, i prezzi non sono esorbitanti. Un costo ragionevole ha anche la vodka con il marchio Eliseevskij, appositamente imbottigliata per il negozio in eleganti confezioni.
Il tratto che dalla Fontanka conduce in piazza Vosstanija non ha negozi particolarmente interessanti; ospita però due ottimi alberghi (il Radisson e soprattutto il Corinthia Palace) e alcuni ristoranti di nome, primo fra tutti il Palkin, all’angolo con la prospettiva Vladimirskij.

Si giunge così in piazza Vosstanija, il grande piazza spazio su cui affaccia la principale stazione ferroviaria della città. Vi si trovano anche due grandi centri commerciali di recente apertura. Sulla lato sinistro della Nevskij, all’angolo con la piazza, è Stockmann (N. 114), il grande magazzino della nota catena finlandese, con merci di alta qualità dai prezzi vertiginosi; all’inizio della prospettiva Ligovskij, sulla sinistra del corso, si trova invece l’enorme Galereja (Ligovskij prospekt N. 30A), realizzata sul modello degli shopping mall americani. Accoglie negozi di tutti i tipi, appartenenti alle grandi catene internazionali, numerosi caffè e un buon ristorante, il Baklažan (melanzana).
Nel grande negozio Imperatorskij farfor, al N. 160 della Nevskij, si trova la collezione completa delle produzioni della storica fabbrica di porcellana russa, fondata nel 1744. Si possono acquistare servizi da tè e da caffè con i decori più classici, a losanga blu e fregi in oro, ma ci sono anche riproposizioni di pezzi più originali, in stile liberty e costruttivista.

Nel tratto finale della prospettiva, si succedono le boutique delle più prestigiose marche di moda italiana. La visita a questi negozi vale più come curiosità perché in Russia i prezzi dell’alta moda sono più del doppio di quelli italiani. Se si desidera comprare un capo di abbigliamento o biancheria per la casa, è meglio fare un salto da Russkij lën, al N. 151; si tratta di uno dei maggiori punti vendita di questa catena di moda russa, che si caratterizza per creazioni con il più tipico dei tessuti nazionali, il lino. I prezzi sono ragionevoli e i prodotti sono di qualità. Infine, proprio in fondo alla Nevskij, sulla destra, c’è il Provoslavnij juvelirnij Centr dove si trovano oklady (coperture per icone), gioielli, vere nuziali e anelli di altro genere, sempre benedetti dai monaci della vicina lavra di Aleksandr Nevskij. Il negozio è infatti di proprietà della Chiesa ortodossa.

SCARICA IL PDF dalla Nuova Guida Verde Mosca San Pietroburgo (336 pagine + 72 di informazioni pratiche)