I pionieri dell'agriturismo

Già nel 1992 la cascina Caremma, nel parco del Ticino, era attrezzata per ospitalità e ristorazione. Ecco alcuni esempi virtuosi di cascine con spazi dove dormire, mangiare, imparare a conoscere la natura e la vita agreste. Qui la rinascita è già una realtà
 

Oltre 40 cascine che aderiscono all’associazione sono aperte al pubblico, in maniera permanente o in occasione di eventi. Forniscono servizi di ristorazione, ospitalità, vendita di prodotti a chilometro zero, attività didattiche e di scoperta del territorio, spazi per eventi. Le trovate su www.100cascine.it, dove è inoltre possibile scaricare la guida «100 cascine da vivere» che le presenta una a una, indicando anche i servizi e le attività fornite. Eccone alcune selezionate da noi.

Alle porte di Milano e all'interno del parco agricolo Sud Milano, la cascina La Forestina di Cisliano è un esempio di struttura rurale della provincia di Milano ristrutturata e valorizzata. Ampie sale per convegni, meeting o banchetti, camere per il pernottamento, servizi di ristorazione e un elevato numero di attività didattiche all'aperto, nell'orto, nel vicino bosco, fra gli animali della fattoria. Per far riscoprire a grandi e piccini l’anima agricola e rurale di Milano, città di pianura a vocazione agricola.

L’agriturismo Cascina Caremma è un’azienda agricola 25 km a sudovest di Milano, nel territorio comunale di Besate (Mi). La collocazione in una delle zone più incontaminate del parco del Ticino, spiegano i proprietari, ha indotto subito una riflessione: come realizzare un’attività produttiva senza compromettere la bellezza del luogo e attuare il minor impatto ambientale possibile. «Per questo dal 1988, anno in cui abbiamo acquistato la cascina, inseguiamo il sogno dell’autosufficienza alimentare. E siamo stati tra ai pionieri dell’agriturismo in Lombardia, nel 1992.» Oggi la cascina Caremma produce cibi biologici – riso, salumi, marmellata, frutta, vino e birra – che vende nel proprio negozio e ha uno spazio dedicato all’ospitalità, un ristorante e un centro benessere. Inoltre la cascina propone alle scuole iniziative didattiche e visite guidate, con possibilità di pranzo e di pernottamento in loco, e numerose attività legate alla stagione.

AGGIORNAMENTO WEB: qui trovate le proposte mirate per Natale e Capodanno.

L’oasi Wwf di Galbusera Bianca si trova nel parco regionale di Montevecchia e della valle del Curone, il comune è Rovagnate (Lc). La ristrutturazione del complesso è stata fatta seguendo i principi della bioarchitettura e utilizzando energie rinnovabili, creando un borgo agricolo sostenibile. Si coltivano e vendono frutta, ortaggi ed erbe officinali bio, proposte anche nell’osteria. Per gli ospiti ci sono anche 30 posti letto ed è imminente l’apertura di un centro benessere.

AGGIORNAMENTO WEB: sabato 7 e domenica 8 dicembre, corso intensivo di cucina bio-sostenibile, info e iscrizioni qui.

Infine, è il Monferrato e in particolare il Comune di Conzano Monferrato (Al) a ospitare la Tenuta San Rocco, originaria del XVIII secolo, in posizione panoramica su una collina. Oggi è un b&b circondato da alberi secolari e con una cantina, come è d’obbligo
in quest’area, che conserva barbera, freisa e grignolino provenienti dai vigneti della tenuta. Inoltre propone numerose gite sul territorio, alla scoperta di castelli, chiese, palazzi e della sinagoga di Casale Monferrato; tra le attività nella natura spicca la possibilità di pescare nel laghetto della tenuta.