L'equipaggio di Team Touring

Andrea ForlaniAndrea ForlaniAndrea ForlaniAndrea Forlani

Andrea Forlani
Girovago professionista e batterista mancato, non ha trovato di meglio che imbrattare i giornali di tutto il globo con foto e racconti di viaggio, che sta raccogliendo in un libro. Quando non scrive legge, quando non cammina corre, quando non fotografa guarda serie tv neozelandesi e film polacchi degli anni Cinquanta. Si nutre di musica e di app per iPhone, e si diverte a cambiare queste note biografiche. Documenterà il viaggio per immagini. Se volete vedere le foto che fa iniziate a guardare qui: www.andreaforlani.com.

Michele Mazzanti
Quando Mario, il meccanico della carrozzeria Prada che ha rimesso a nuovo l'auto, l'ha visto non ha neanche fatto finta di interessarsi agli altri. Era lui il suo uomo. E a lui ha spiegato tutto quel che c'era da spiegare sulla manutenzione dell'automobile e anche qualcosina sullo zen. Di mestiere scultore, più milanese che valtellinese, ha una passione per le fabbriche abbandonate e i Paesi dimenticati dalla storia. Si è scoperto che è quasi parente di uno dell'equipaggio, ma questo non vuole dire niente. L'unica cosa certa è che sarà lui a cambiare le gomme. 

Ludovico Rossari
Nella vita ha due bandiere: quella del Toro, da sempre, e quelle che da qualche anno pianta metaforicamente sull'atlante cercando di visitare più stati possibili. In questo viaggio è felice di poterne piante altre sette e passare agilmente quota cinquanta. Milanese come non se ne trovano quasi più, nella vita lavora all'Università Bicocca di Milano, il cui colore istituzionale non a caso è granata. Essendo il più responsabile dei quattro nel viaggio si occuperà di custodire i documenti e mantenere la rotta. L'idea di passare da Trebisonda è sua.

Tino Mantarro
L'ultima volta che era stato da quelle parti, mentre con la febbre e una forte intossicazione alimentare attraversava deserto del Korzhem seduto in una macchina dotata di aria condizionata (spenta nonostante i 47 gradi), aveva giurato a se stesso che l'estate successiva l'avrebbe trascorsa spiaggiato a Sestri Levante. Quella estate è arrivata e invece di andare a Sestri Levanti la passa tra il Caspio e il Pamir in una macchina in cui, gli hanno assicurato quelli dell'assicurazione, l'aria condizionata c'è (doppia) e funziona. Se dovesse avere un'altra intossicazione alimentare (cosa assai probabile visti i precedenti) è pregato di non fare giuramenti che non ha la capacità di mantenere. Oltre a procurarsi intossicazioni alimentari, di mestiere fa il giornalista a Touring, il mensile del Touring Club Italiano. E tiene il blog di queste pagine.

Fotografie di: Andrea Forlani,Tino Mantarro