Sudafrica. Info pratiche

COME ARRIVARE
Con una notte di volo dall’Europa e senza fuso orario (1 ora di fuso con l’ora solare), il Sudafrica è comodo da raggiungere. L’aeroporto di Johannesburg è servito da più di 70 compagnie aeree, compresa la compagnia di bandiera, South African Airways (flysaa.com). Nessun visto e nessuna vaccinazione obbligatoria. Le stagioni sono invertite rispetto all’Italia; gli inverni sono miti e soleggiati.

DOVE ANDARE
Nella regione del Limpopo è facile muoversi in automobile, noleggiandola all’aeroporto di Johannesburg (si guida a sinistra): le strade verso il Kruger National Park sono in perfetta condizione e ben segnalate. Per raggiungere i luoghi descritti dall’articolo, però, è bene affidarsi a tour operator locali e a guide specializzate: i vari campi dell’African Ivory Route (africanivoryroute.co.za) sono spesso remoti e vi si accede con veicoli 4x4. 
Cesvi (cesvi.org), l’organizzazione umanitaria italiana che collabora al progetto, ha messo a punto due pacchetti turistici con il tour operator sudafricano Zatrax (zatrax.com), comprendenti molte delle esperienze descritte nell’articolo, con soggiorno nei campi dell’African Ivory Route ed estensioni nel Kruger e nelle riserve private adiacenti. Per informazioni, cesvi@cesvi.org. Per la parte culturale attorno a Elim, ci si può rivolgere anche a Lisa, che gestisce un ecolodge e promuove la Ribola Art Route (krm.co.za; openafrica.org).

ENTE DEL TURISMO
South African Tourism: southafrica.net (in italiano). 

VIAGGI TCI
I Viaggi del Club propongono tour del Sudafrica con partenza il 5 agosto e il 21 ottobre (16 giorni/14 notti); info su viaggidelclub.it