Il vino dei Borboni - Fieno e Biancolella, il tesoro di Ponza

Era il 1734 quando Carlo di Borbone colonizzò l’isola assegnando a varie famiglie partenopee gli impervi terreni di Ponza. Fra questi vi era Pietro Migliaccio, che in località Pizzicato, sopra Punta Fieno, accessibile ancora oggi solo grazie a una mulattiera, impiantò i vitigni tipici dell’isola da cui proveniva, Ischia (Piedirosso, Forastera, Guarnaccia, Aglianico), e fu il capostipite dell’attuale azienda vinicola Antiche Cantine Migliaccio (nella foto il titolare, Emanuele Vittorio), dove oggi si producono Fieno IGT, bianco,
rosato e rosso, Biancolella doc di Ponza e si organizzano degustazioni. Info: www.antichecantinemigliaccio.it