Torino. Info pratiche

Dormire, mangiare e altro ancora
Per cominciare la giornata l’indirizzo storico è il Bicerin, di fronte alla bella e insolita chiesa della Consolata dal 1763 (bicerin.it). Per fare la la spesa, nella Tettoia dell’Orologio si trova il meglio della gastronomia piemontese. A fianco, sotto la tettoia liberty, il sabato ci sono i banchi dei contadini. Affacciano su piazza della Repubblica le vetrine di due istituzioni: la Ditta Ceni, dove comprare semi e legumi (dittaceni.com), e la drogheria Da Marco con i vini del Piemonte (damarco.it). C’è molto da assaggiare al nuovo Mercato Centrale (tutti i giorni dalle ore 8 a mezzanotte; mercatocentrale.it): dagli agnolotti della Farmacia del Cambio a “Le uova, le zuppe e altro” al Carbone Bianco di Davide Scabin, dalla carne piemontese di Marco Martini ai cocktail con il vermouth di birra de La Distilleria.
Per dormire, a due passi dalla piazza, c’è il relais urbano Quadrato, nato dal recupero di un convento (da 96 €, via delle Orfane 20; quadra-to.it). Tocco mediorientale all’Hammam Al Bab, il più antico della città, con cucina e bagni di vapore (via Fiocchetto 15; daralhikma.it).

Mondo tci
Ottimi strumenti per scoprire la città la Guida Verde Torino e il suo territorio (168 pag. + 72 di info pratiche, 23 €, 18,40 € ai soci Tci) e la Cartoville Torino (9,90 €, 7,92 € ai soci Tci).
Due i siti Aperti per Voi a Torino: i Giardini Reali e la chiesa Spirito Santo (touringclub.it/i-luoghi-aperti-per-voi).