Questo piatto è un capolavoro: mettiamolo nel museo

Il sistema dei Musei del Cibo è nato per valorizzare otto prodotti locali che hanno reso unico il territorio di Parma: parmigiano reggiano, pasta, fungo porcino, culatello di Zibello, prosciutto di Parma, salame di Felino, vino e pomodoro.
Ogni museo occupa una dimora storica ed è nato dove è radicata la produzione del prodotto, fra 10 e 60 km da Parma. Il Museo della Pasta condivide la location con il Museo del Pomodoro: mai matrimonio fu più riuscito. Siamo a Collecchio, alla Corte di Giarola, complesso monastico sulle sponde del Taro e punto di passaggio della Via Francigena. Oltre alla pasta e al pomodoro, troviamo il Museo del Parmigiano Reggiano, a Soragna; il Museo del Culatello di Zibello, il Museo del Salame Felino, il Museo del Fungo Porcino di Borgotaro, il Museo del Vino, ospitato nella magnifica Rocca Sanvitale di Sala Baganza, e naturalmente il Museo del Prosciutto di Parma, probabilmente il prosciutto crudo più famoso e apprezzato d’Italia, con sede a Langhirano.
è una ideale Via del Gusto che attraversa da nord a sud tutta la provincia di Parma, un itinerario con tante tappe golose per imparare a conoscere la storia di prodotti enogastronomici d’eccellenza che hanno fatto di Parma la capitale della Food Valley italiana.
Info: www.museidelcibo.it