Dove osservare

Parco nazionale del Gran Paradiso

FAUNA. Per osservare gli stambecchi nel periodo estivo, quando pascolano sui prati d’alta quota, è consigliata la visita al vallone di Levionaz, in Valsavarenche; qui si trovano anche camosci e marmotte. Anche l’area attorno al rifugio Sella, in Valnontey, garantisce avvistamenti, benché sia molto più frequentata. Le marmotte sono numerose e studiate nei prati attorno alla casa di caccia di Orvieille, in val di Rhêmes, raggiungibile con una bella passeggiata; è facile vederle anche sul piano del Nivolet, accessibile da Ceresole Reale (dove spesso fanno la comparsa anche camosci e marmotte). Per il gipeto, consigliate le valli valdostane; per l’aquila è buona ogni area del parco. In alcune zone le volpi si mostrano particolarmente confidenti: si raccomanda di non nutrirle per non alterare il loro comportamento.

FLORA E AMBIENTE. In tutte le cinque valli del parco si trovano scenari incontaminati e fioriture di prati alpini. Poco frequentate la valle Orco e la valle Soana. Il giardino alpino Paradisia, a Valnontey, offre un ampio panorama della flora locale; il periodo di maggior fioritura va da metà giugno a metà luglio, a seconda della stagione.

 
Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise

FAUNA. L’incontro con l’orso non è facile. All’imbrunire, appassionati con teleobiettivi e binocoli si radunano nel borgo di Gioia Vecchio, affacciato su una conca spesso traversata dal plantigrado. Offrono qualche garanzia in più di vederlo (il 50 per cento dei casi), a fine agosto, le uscite di bearwatching della cooperativa Ecotur. Il cervo compare spesso anche accanto alle strade. I camosci si fotografano dai sentieri della val di Rose, del monte Amaro di Opi e della Meta, l’aquila dalla strada di Forca d’Acero. Funzionano le aree faunistiche dell’orso e del cervo a Villavallelonga, del lupo a Civitella Alfedena, dell’orso a Campoli Appennino, del camoscio a Opi e del capriolo a Bisegna, adatte soprattutto a famiglie con bambini; l’orsa Lauretta è la star dello zoo del parco a Pescasseroli.

FLORA E AMBIENTE. Offrono una piena immersione nella faggeta la val Fondillo, la Macchiarvana, la Difesa di Pescasseroli e la val Canneto. Le orchidee selvatiche, inclusa la rara scarpetta di Venere, fioriscono tra giugno e luglio. L’acqua dà spettacolo nel lago di Scanno, nel lago Vivo e nelle cascatelle della Camosciara.