Mauro Meli torna al Lirico, che sia musica maestro!

Grazie a lui, a Cagliari, erano arrivati Muti, Metha, Kleiber, Boulez, Vengerov e Rostropovich. Ma anche i Wiener, la Filarmonica della Scala, quella di San Pietroburgo o la New York Philharmonic Orchestra. Una mecca della musica nel bel mezzo del Mediterraneo, con il teatro che in sette anni di gestione firmata Mauro Meli (1996-2003), ex sovrintendente scaligero, ha visto aumentare il numero dei suoi abbonati del seicento per cento facendo del Lirico una delle istituzioni di riferimento nel panorama musicale italiano ed europeo.

Un successo che però porta ben inciso anche un lato B della medaglia: un buco calcolato sui 10 milioni di euro e lunghi anni di crisi, dissidi interni, cda spaccati, lavoratori sul piede di guerra. Poi, con un colpo di scena degno delle miglior pagine del Bardo, destituita Marcella Crivellenti, l’ultima sovrintendente in ordine di apparizione, col favore di tre consiglieri su cinque, Mauro Meli, 60 anni, cagliaritano, la settimana scorsa è stato nominato per la seconda volta a capo della Fondazione cagliaritana.

“Tornare a casa è un’emozione forte” sono state le sue prime parole davanti a una platea composta da musicisti, tecnici, giornalisti e addetti ai lavori. “Mi è stato richiesto di rilanciare il teatro, di farne un modello di gestione, trasparenza e produttività. Non potrà che essere così, perché è la legge che lo vuole, siamo un teatro d’opera e la nostra stagione sarà un fiore all’occhiello, l’inizio di un percorso che ci vedrà premiati”.


 
 
E sarebbe davvero ora che, dopo tante polemiche, a tornare protagonista tra stucchi, legni e ottoni sia davvero la musica. Un teatro gioiello quello di via Sant’Alenixedda “uno dei più bei teatri del mondo” ha sottolineato Meli, che si è impegnato a far partire anche gli spazi attigui del Lirico, col Parco della Musica, l’anfiteatro, il piccolo teatro da camera e i giardini alberati animati dai concerti di classica che neanche a Londra se li sognano. “Mancano solo piccole formalità burocratiche, qualche firma e poche centinaia di euro perché questa parte del teatro venga finalmente restituita alla sua città, penso a spettacoli open-air di lirica ma anche a festival internazionali teatro o di musica jazz, una business factory della cultura che veda coinvolti i giovani con laboratori di creatività e progettualità. Sogno soprattutto una stagione d’opera dedicata ai giovanissimi, come succede a Bologna, con centri di produzione e organizzazione di rassegne per ragazzi, attività pedagogiche e seminari per le scuole. A teatro nei prossimi mesi voglio vedere i sardi, ma anche i turisti e tanti, tanti bambini…”.
 

Altri post di Donatella Percivale

Ritratto di donatellapercivale
22/11/2013 - 15:43
E’ il giorno del lutto nazionale. Delle lacrime mute e fredde, come la pioggia mista a ghiaccio che scende pesante sui volti della gente. Gli angeli del fango da lunedì lavorano senza sosta per far ritornare gli sfollati nelle loro case. Ancora 400 persone sono alloggiate in situazioni di emergenza...
Ritratto di donatellapercivale
19/11/2013 - 17:11
Siamo in ginocchio. L’isola intera è sotto la furia di Cleopatra, il ciclone che dopo 12 ore ininterrotte di acqua, questa mattina ha restituito 18 cadaveri di cui due bambini, mentre sono quasi tremila gli sfollati e i senza tetto in tutta la Regione. Piange la città di Olbia e la Gallura intera,...
Ritratto di donatellapercivale
01/11/2013 - 20:32
  All'improvviso più vicina. Come una zolla di terra sospinta dalle correnti. Come se il letto del mare si fosse fatto più corto. Sì, la Sardegna, dal 27 ottobre, si è fatta più vicina al continente.  E’ la nuova continuità territoriale valida fino a maggio anche per i non residenti. Si vola con...
Ritratto di donatellapercivale
02/10/2013 - 08:41
 E’ il più grande radiotelescopio d’Europa, il secondo al mondo, ed è stato inaugurato il 30 settembre a San Basilio, 40 chilometri da Cagliari, nell’altopiano ‘di sangue’ del Gerrei (Pranu sanguini): ettari di macchia rossa rasata dal vento raccontati da Emilio Lussu nei suoi diari di bordo....
Ritratto di donatellapercivale
14/09/2013 - 17:24
La notizia è di quelle che strappano un sorriso. Anche se è lunedì e, dall'altra parte del Mediterraneo, magari siete in coda sulla tangenziale. Qui, dall'altra parte delle Colonne d'Ercole, Mar di Sardegna, dopo lunga e prolungata assenza, è tornato a sbattere le ali uno strepitoso esempio di...