La nostalgia dell'Uzbekistan?

In giornate di caldo umido, con i vestiti che ti si attaccano addoso, la fronte che cola al primo movimento, la sensazione che anche questa notte non dormirai viene subito voglia di andare in alto, verso nord, cercando posti freschi e meno appiccicosi.
Oppure viene voglia di tornare in posti caldi, caldissimi, ben più caldi dell'Italia, ma secchi. Di quelli in cui il caldo è quello che esce da un phon sempre acceso, ma almeno ti fa respirare, nonostante all'ombra si sia ben oltre i 40 gradi. Ecco, quel posto potrebbe benissimo essere l'Uzbekistan mi è venuto da pensare mentre leggevo questo articolo di viaggio tratto da Granta, il magazine inglese di scrittura creativa che ha dedicato il suo ultimo numero (il 124) alla viaggio. Qui, si possono leggere le note dall'Uzbekistan della scrittore nigeriana Chinelo Okparanta alle prese con la curiosità, a tratti molesta, degli uzbeki.


Altri post di TINO MANTARRO

06/02/2013 - 12:12
Quando si viaggia una delle cose più divertenti (almeno per me) è avere a che fare con le monete dei vari Paesi. Certo, per qualcuno è una scocciatura enorme: prelevare, doversi tarare su una nuova unità di misura, avventurarsi in divisioni con più zeri, raccapezzarsi con monete dai nomi esotici...
30/01/2013 - 17:25
Chicken or meat? Coffee or tea? Quando si viaggia in aereo sulle lunghe distanze è questa la domanda che più si aspetta di sentire. Che cosa si mangerà questa volta in volo? Perché alla fine sarà l'area secca, sarà l'obbligo di stare seduti, sarà che non si sa bene come ammazzare il tempo (trovate...
18/01/2013 - 11:15
Ci sono luoghi che forse non sono stupendi nel senso classico in cui si intende un "bel posto", eppure hanno una forza attrattiva quasi magnetica che spinge ad andare nonostante tutto. Ognuno ha il suo luogo di questo tipo, o forse anche più di uno, dipende dal livello di attrazione per i luoghi...
15/01/2013 - 10:27
Tempo fa a Belgrado una signora simpatica che lavora ai piani alti del ministero del Turismo serbo trovandosi in difficoltà nel raccontare la geografia del suo Paese a un gruppo di giornalisti stranieri non riuscì a dire di meglio che così: "La Serbia è un Paese unitario con due province autonome,...
10/01/2013 - 11:53
In tempi in cui i giornali chiudono, le case editrici alzano bandiera bianca e la carta svanisce come certe nuvole quando arriva il vento, bisogna trovare nuove vie e nuovi mezzi per continuare a raccontare il mondo. Una delle possibilità è utilizzare internet e le tecnologie digitali per fare un...