Joan Jonas all'Hangar Bicocca

I viaggi sono stati fondamentali per la formazione della sua poetica. Joan Jonas, l’artista newyorkese settantanovenne pioniera della performance, è oggi in mostra all’Hangar Bicocca (in via Chiese 2, www.hangarbicocca.org ), l’ex stabilimento Pirelli alle porte di Milano e ora luogo aperto alla città e al territorio: fino al I febbraio gli ampi spazi dell’ex fabbrica ospitano Light Time Tales, un’antologica sull’opera della Jonas a cura di Andrea Lissoni.

Il viaggio in Arizona, nella seconda metà degli anni Sessanta, in cui entra in contatto con la comunità Hopi e assiste alla Snake Dance (la “danza del serpente”, un rituale durante il quale sacerdoti e serpenti entrano in sintonia attraverso dei movimenti). O quello intrapreso fino a Creta, nel 1966, in cui assiste ad un matrimonio della durata di tre giorni. O, ancora, quello in Giappone (1970), quando scopre il teatro No: il viaggio per la Jonas è un percorso di avventure in cui incanalare, accogliere sensazioni nuove e poter realizzare diverse esperienze. Ogni spunto ricavato da un viaggio diventa, poi, materiale per la sua arte, e non solo: l’arte stessa è per lei anzitutto esperienza: “dovete disperdervi della mostra, non cercate di capire opera per opera: bisogna cogliere le emozioni che tutto l’ambiente vi restituisce” dice la sera dell’inaugurazione all’Hangar.

Teatro, danza e cinema sono i generi da cui la Jonas parte per creare le sue opere: le dieci installazioni, nove video e una nuova opera (“Beautiful dog”, i cani sono spesso protagonisti delle performance della Jonas), sparsi all’interno dell’Hangar, permettono di capire come sia possibile accostare tutti questi spunti insieme simultaneamente e creare una mostra in cui non è il rapporto dialogico tra l’opera e il visitatore ad essere protagonista ma, al contrario, è l’insieme delle installazioni, dei video, dei rumori e delle luci che dà il senso completo del percorso museale. E’ necessario, insomma, diventare dei visitatori-performer per capire esattamente lo spirito di avventura che interessa alla Jonas: lo spazio intero è una “materia” artistica, e lo spettatore ha un ruolo attivo nell’accostarsi ad esso. Il tema dello specchio, degli animali, della femminilità e il ruolo della donna nella società sono i concetti principali che guidano la poetica della Jonas, ma, prima ancora, forse ad ispirare l’artista c’è l’idea stessa di arte come fusione tra i generi (cinema, musica, teatro, pittura, scultura), che crea un’occasione di esperienza e permette di uscire dagli schemi abituali in cui viviamo.

 

Hangar Biccocca presentazione mostra Joan Jonas
MartaMartaMarta

Altri post di Marta Calcagno Baldini

Ritratto di jula
03/12/2021 - 20:00
Oggi a Milano nell’Auditorium Testori in piazza Città di Lombardia è stato un giorno di festa. Si è svolta la prima edizione del “Festival dell’Inclusione” (https://eventi.regione.lombardia.it/it/festival-dellinclusione), ideato e organizzato da Alessandra Locatelli, assessora alla Famiglia,...
Ritratto di jula
10/04/2019 - 17:15
Domani sera, giovedì 11 aprile, dalle 18, nel quartiere Isola a Milano “Anche i muri parlano”. Una conseguenza dello stress a cui sta arrivando la città invasa da designer multicolor? Non proprio. Si tratta anzi del titolo del progetto di decorazione ideato da “Piano Rialzato”, il laboratorio d’...
Ritratto di jula
31/03/2019 - 16:15
I prossimi 5-7 aprile si avrà l’occasione di fare il giro per le gallerie d’arte di tutto il mondo e di conoscere meglio la città di Milano. Il motivo è Miart, la Fiera d’arte contemporanea che si svolge a Fieramilanociy, padiglione 3 gate 5, ma non solo. Le 186 gallerie presenti in Fiera...
Ritratto di jula
21/09/2018 - 20:15
Da oggi a domenica 23 settembre Lugano è la città del disegno. Non solo per le 85 gallerie provenienti da 16 paesi da tutto il Mondo che partecipano a Wopart, la fiera delle opere su carta che si svolge in questo weekend al Centro Esposizioni della città svizzera, ma anche per le mostre parallele...
Ritratto di jula
28/06/2018 - 02:45
Da tutt’Italia e non solo provengono le più di 90 gallerie e musei che partecipano, quest’anno, alla terza edizione di Wopart- Work on paper art fair, la fiera internazionale d’arte dedicata non al digitale e al tecnologico, ma alle opere su carta. La fiera si svolge in Svizzera dal 2016 e si...