Rovereto: tre mostre celebrano i Cent'anni dalla Prima Guerra Mondiale

Non saranno il freddo e la neve a bloccare, in questi giorni di vacanza natalizi, il temerario viaggiatore alla scoperta di una mostra che in fondo è anche una sorta di omaggio a tutti i caduti in guerra, che di coraggio e sangue freddo avevano bisogno quotidianamente. Al Mart di Rovereto prosegue fino al 20 settembre prossimo “La guerra che verrà non è la prima. Grande Guerra 1914-2014”, l’esibizione che, a partire dalla ricorrenza del Centenario della Prima Guerra Mondiale, propone una riflessione sull’attualità del tema del conflitto, che pare imprescindibile da sempre nella storia dell’umanità. Se l’intero progetto è guidato da Cristiana Collu, che a giorni (il 31 gennaio) lascerà il suo incarico di direttore del Mart, di durata triennale e ora “ha concluso il suo ciclo”, è stata importante anche la collaborazione di diverse persone quali anzitutto Nicoletta Boschiero, Saretto Cincinelli, Gustavo Corni, Gabi Scardi e Camillo Zadra, oltre a vari esperti di arte contemporanea. Sì, perché oltre ai molti reperti bellici esposti, tra armi, divise, fotografie, articoli e testimonianze del tempo, la mostra allarga lo sguardo e offre un’attenzione più complessa al tema ampio e difficile della guerra, trattandola anche attraverso opere di arte contemporanea e capolavori del Novecento: provengono dal Mart e da prestiti di collezioni private o di musei e gallerie, infatti, opere di pittori, fotografi, autori di installazioni e sculture oltre a designers, che attraversano tutto il 1900: dal “Velo di vedova + paesaggio” di Giacomo Balla, al video di Alfredo Jar “Opus 1981, andante disperato” (1981), fino ai Sacchi e le Combustioni di Alberto Burri, tra i disegni di Fortunato Depero e le opere di Fabio Mauri o di Enrico Baj, tutta la mostra concorre a creare nel visitatore una consapevolezza particolare e amara: di quanto cioè sia vana questa ricerca di eroismo che attraverso la Guerra prende piede e investe tutte le energie dell’uomo, di volta in volta in tanti e diversi campi: non solo quelle necessarie in battaglia, ma anche per l’assistenza medica, l’informazione giornalistica, la propaganda pubblicitaria, la ricerca tecnica e scientifica e in tanti altri ambiti. Un grande e funereo affare, che da sempre ha attraversato l’umanità e ne ha determinato il presente condizionandone il futuro.

Il titolo stesso della mostra, “La guerra che verrà non è la prima”, cita la celebre poesia di Bertold Brecht e quindi prende in prestito le parole di un autore e drammaturgo: il viaggio che il Mart propone è un approfondimento attraverso molteplici punti di vista e diverse fonti sempre sul tema del conflitto, arricchito anche da due ulteriori esibizioni sempre a Rovereto: “Calpestare la Guerra”, fino al I marzo 2015, che ospita, alla Casa d’arte futurista Depero, 50 tappeti di guerra provenienti dall’Afghanistan e prodotti dal 1979 a seguito dell’invasione sovietica. In queste opere la narrazione della guerra si intreccia con la tradizione artigianale e artistica, e si vedono come soggetti kalashnikov, carri armati e armi, fino alle Torri Gemelle, soggetti che costituiscono una le nuove iconografie che inneggiano alla guerra e alla jihad. Ultima rassegna facente parte del progetto che il Mart dedica alla Prima Guerra Mondiale è “Afterimage, rappresentazioni del conflitto”, a cura di Valeria Mancinelli, Chiara Nuzzi e Stefania Rispoli: alla Galleria Civica di Trento fino al I febbraio sono esposte le opere di quasi trenta artisti, diversi e di varie nazioni, che abbracciano un arco temporale dagli anni Cinquanta ai giorni nostri, che insieme dialogano attraverso le proprie opere sulla produzione di immagini che riguardano la guerra. www.mart.tn.it

Altri post di Marta Calcagno Baldini

Ritratto di jula
15/09/2017 - 17:00
Intervista a Giandomenico Di Marzio che con Paolo Manazza ha creato e cura Wopart: l'arte su carta in fiera a Lugano alla sua seconda edizione dal 15 al 17 settembre  “Il mercato del collezionismo dei quadri è come quello delle figurine ormai: ce l’ho, non ce l’ho. Qui è diverso, si tratta di un...
Ritratto di jula
30/05/2016 - 17:30
Si tratta di vero e proprio mecenatismo: il Duomo di Milano ha commissionato all'artista spagnolo Jorge R. Pombo (Barcellona, 1973) la mostra "Relegare", 15 opere di arte contemoporanea collocate nella Chiesa di San Gotardo in Corte e nel Grande Museo del Duomo fino al 31 agosto 2016. Non si tratta...
Ritratto di jula
02/12/2015 - 14:30
Il Brasile è entrato a far parte della sua vita per caso più di trent'anni fa, ma da quel momento è del tutto imprescindibile: siamo al “Lapa”, il ristorante brasiliano nascosto nelle vie vicine a piazza Risorgimento e lontano dalle strade più trafficate, disegnato, arredato e aperto neòl 2014 in...
Ritratto di jula
25/11/2015 - 16:30
  Sarà anche l'ennesima mostra di arte contemporanea, ma è la prima da tempo in cui finalmente compare una sezione dedicata alla Performance. Ha aperto questa mattina, e prosegue fino al 6 marzo, alla Triennale di Milano proprio "Ennesima", "una mostra di mostre", come la definisce lo stesso...
Ritratto di jula
11/10/2015 - 15:30
Lunedì 12 ottobre nell’Università Statale di Milano, in via Festa del Perdono 3, alle ore 16.45 aula 211, Emma Dante, regista, drammaturga e attrice teatrale (Palermo, 1967) incontrerà studenti e pubblico (ingresso libero). Coordinerà il convegno Paolo Inghilleri, Professore Ordinario di Psicologia...