Albanaia: dal romanzo di Bianchi Rizzi, a teatro

Non vorrei essere monocorde con gli argomenti di questo blog ma, nonostante quello appena pubblicato parlasse di arte albanese, anche questo tratterà un argomento che riguarda la Terra delle Aquile (così detta per la bandiera, che raffigura due rapaci, in segno di unione, su sfondo rosso, colore che deriva dall'occupazione turca): per l'esattezza, si parla di "Albanaia", lo spettacolo in scena in prima nazionale al Filodrammatici a Milano ancora fino al I febbraio, dal 27 gennaio. La drammaturgia è tratta dall’omonimo romanzo di Augusto Bianchi Rizzi, lo stesso anfitrione dell'ultimo salotto letterario e cenacolo milanese: avvocato, ma anche regista e scrittore, tutti i giovedi' sera nel suo salotto di corso Venezia si trovavano intellettuali, artisti e persone di mondo (nel 2012 gli è stato conferito anche l'Ambrogino per i suoi meriti culturali). E' morto da pochi mesi: in Albanaia, Bianchi racconta la storia di Vittorio Bellei, tenente medico. Siamo durante il Fascismo: appena nato suo figlio, Bellei parte con le truppe Alpine per la guerra in Albania. Da Brindisi, a Tirana e poi tutte le montagne albanesi fino a raggiungere il monte Guri i Topit, dove gli italiani devono al gelo sfidare le truppe greche molto meglio attrezzate. Bellei vorrebbe tornare da sua moglie e da suo figlio che ha lasciato in culla, ma essendo l'unico medico al fronte sente anche la forte responsabilita' di dover restare li'.

Lo spettacolo racconta le testimonianze della vita al fronte del medico, ben interpretato da Tommaso Amadio per la regia di Bruno Fornasari: sul palco con Amadio si trova, poi, un vero e proprio coro di Alpini diretti da Massimo Marchesotti (anche direttore della Cantoria Musicale del Duomo di Milano), che intervengono in un nuovo e interessante, ritmato e colto scambio continuo tra parole e musica. L'intero racconto sulla vita al fronte (tra trincee, feriti etc)  del tenente medico Vittorio Bellei e' basato su testimonianze che Bianchi ha letto in prima persona: alla morte di sua madre, infatti, ha ritrovato il diario di guerra che il padre aveva scritto quando era partito appunto per la guerra in Albania. Su queste reali testimonianze l’autore si è basato per scrivere il suo romanzo da cui ora e' stato tratto lo spettacolo. Un'opera davvero profonda, sensibile e ben realizzata, che non assume dichiarate posizioni politiche, se non quella necessariamente condivisibile della la crudelta' e la violenza della guerra in se'.

Info. www.filodrammatici.eu

Albanaia

Altri post di Marta Calcagno Baldini

Ritratto di jula
10/04/2019 - 17:15
Domani sera, giovedì 11 aprile, dalle 18, nel quartiere Isola a Milano “Anche i muri parlano”. Una conseguenza dello stress a cui sta arrivando la città invasa da designer multicolor? Non proprio. Si tratta anzi del titolo del progetto di decorazione ideato da “Piano Rialzato”, il laboratorio d’...
Ritratto di jula
31/03/2019 - 16:15
I prossimi 5-7 aprile si avrà l’occasione di fare il giro per le gallerie d’arte di tutto il mondo e di conoscere meglio la città di Milano. Il motivo è Miart, la Fiera d’arte contemporanea che si svolge a Fieramilanociy, padiglione 3 gate 5, ma non solo. Le 186 gallerie presenti in Fiera...
Ritratto di jula
21/09/2018 - 20:15
Da oggi a domenica 23 settembre Lugano è la città del disegno. Non solo per le 85 gallerie provenienti da 16 paesi da tutto il Mondo che partecipano a Wopart, la fiera delle opere su carta che si svolge in questo weekend al Centro Esposizioni della città svizzera, ma anche per le mostre parallele...
Ritratto di jula
28/06/2018 - 02:45
Da tutt’Italia e non solo provengono le più di 90 gallerie e musei che partecipano, quest’anno, alla terza edizione di Wopart- Work on paper art fair, la fiera internazionale d’arte dedicata non al digitale e al tecnologico, ma alle opere su carta. La fiera si svolge in Svizzera dal 2016 e si...
Ritratto di jula
15/09/2017 - 17:00
Intervista a Giandomenico Di Marzio che con Paolo Manazza ha creato e cura Wopart: l'arte su carta in fiera a Lugano alla sua seconda edizione dal 15 al 17 settembre  “Il mercato del collezionismo dei quadri è come quello delle figurine ormai: ce l’ho, non ce l’ho. Qui è diverso, si tratta di un...