Viaggiare per gioco. I luoghi (veri) di Grand Budapest Hotel

Fresco vincitore di 4 premi Oscar – miglior scenografia, miglior colonna sonora, miglior costume e miglior trucco – Grand Budapest Hotel è un film deliziosamente anacronistico, ricco di trovate retrò, con un cast stellare e una trama intelligentemente brillante. Ma soprattutto, è un sentito omaggio del regist Wes Anderson alle atmosfere decadenti dei Grand Hotel, appunto, della Vecchia Europa. Chi l’ha visto avrà sicuramente apprezzato le scenografie bidimensionali, da cartolina belle époque, i colori pastello, le situazioni magrittiane. Eppure i luoghi di Grand Budapest Hotel sono quasi tutti reali. A iniziare dal maestoso albergo del titolo.

 

Come potete vedere chiaramente dalla foto, è stato il Bristol Palace Hotel di Karlovy Vary, importante località termale della Repubblica Ceca, a ispirare il Grand Budapest: è bastatato allargarne la facciata e... accentuare il rosa.

Se fuori Karlovy Vary troviamo anche la statua del camoscio immortalato nel film - ed ecco un'altra prova che siamo nel posto giusto -, è però in Germania che troviamo la maggior parte delle location del film: l’Adlon Hotel di Berlino, un gigante di quasi 400 camere, ha prestato diversi spazi per le scene all’interno del Grand Budapest. Frequentato negli anni Trenta prima dalla crème intellettuale e aristocratica della città, poi culla del nazionalsocialismo, ha ospitato fra le altre le scene delle ZZ che inseguono più volte il malcapitato concierge Gustave. La cittadina tedesca di Gorlitz, al confine con la Germania, ha ospitato diverse altre riprese di interni, come la grande sala teatrale e il bagno turco del Grand Budapest.

Anche l’immaginario Schloss Lutz in cui si trova il dipinto Ragazzo con mela è un mix di due castelli reali, entrambi tedeschi: quello di Waldenburg per gli interni e quello di Heinewalde per gli esterni.

Il minuscolo osservatorio in cima alla montagna di un’altra esilarante sequenza è invece la “rivisitazione” dell’osservatorio Sphinx , a 3.571 metri di altitudine sulle Alpi svizzere e raggiungibile con la ferrovia d’alta quota della Jungfrau. Di tutti i luoghi reali del film, probabilmente questo è il più spettacolare - e il primo che vi consigliamo di visitare. E il Bristol Palace Hotel? Chi volesse vederlo di persona organizzando una vacanza a Karlovy Vary, può approfittare degli sconti Touring con Volagratis e con Venere.com (per informazioni, cliccare qui). Ma in ogni caso, non troverà ad accoglierlo nè Monsieur Gustave nè il suo giovane garzoncello.

Altri post di Luca "sulfureo" Bonora

Ritratto di luca_bonora
30/09/2021 - 15:00
Dallo scorso anno ho il piacere di presidere la giuria dell'Etna Comics Efesto Awards, premio ludico collegato alla manifestazione catanese Etna Comics dedicato a originalità e innovazione nei giochi da tavolo.   Per il 2021 la giuria ha selezionato sei titoli che nel panorama italiano dei giochi...
Ritratto di luca_bonora
05/05/2021 - 17:45
Viaggiare per gioco oggi vi porta in America, nelle terre abitate dalle civiltà precolombiane, e in particolare dai popoli Maya e Aztechi, che per diversi secoli si insediarono nella parte più meridionale del Nord America, tra Messico, Guatemala e Belize. Questi popoli hanno da sempre solleticato l...
Ritratto di luca_bonora
30/11/2020 - 12:00
Nel 1925 Percy Fawcett, ufficiale di artiglieria, cartografo e archeologo britannico, partì per la giungla amazzonica alla ricerca di una misteriosa città perduta, che egli battezzò “Z“. Se c'era qualcuno in grado di sopravvivere a un’avventura così pericolosa, era Fawcett. Aveva servito l’esercito...
Ritratto di luca_bonora
13/10/2020 - 12:15
Con i suoi 8.609 metri di altitudine, il K2 è la seconda vetta più alta della Terra (la prima, lo sapete, è l'Everest). Si trova nella catena del Karakorum, al confine tra Pakistan e Cina. La sua cima fu raggiunta per la prima volta da Achille Compagnoni e Lino Lacedelli il 31 luglio 1954, all'...
Ritratto di luca_bonora
07/09/2020 - 12:15
Il 23 ottobre di cent’anni fa nasceva a Omegna Gianni Rodari, probabilmente il più grande scrittore italiano per bambini. I bambini di oggi lo conoscono molto poco, ma la mia generazione (io sono nato negli anni Settanta) lo conosceva bene. Per molte ragioni diverse... Qualcuno era rodariano perchè...