ARREDO URBANO: Quando sono i cittadini a colorare il suolo pubblico (e grigio)

Siamo a Milano, sopra i binari del treno che va verso Bergamo e Brescia, sui 300 metri del Cavalcavia Buccari, la desolante e ingombrante strada che da viale Argonne conduce verso Linate. Da domenica scorsa sulle fiancate laterali di questo ponte di cemento brillano, alleggerendo notevolmente lo skyline del paesaggio, graffiti di street art che riportano parole colorate come “dignità”, “lealtà”, “consapevolezza”, “amore”, “fiducia”, “pace”, “istruzione”, “condivisione”, “memoria” e spicca, nel punto più alto della salita, un eloquente je suis Charlie in bianco e nero, monito alla difesa della libertà d’espressione. Infatti di intervento libero, o quasi, si tratta: per arrivare a questo allegro risultato di arte muraria non ci sono voluti giorni di blocco del traffico, cartelli di “lavori in corso” e nemmeno contribuiti economici da parte di alcuno. Si tratta dell’iniziativa privata e ideata da un pugno di associazioni e tanti ragazzi e cittadini perdipiù del quartiere che, durante lo scorso weekend, sono riusciti a disegnare e colorare tutto il Cavalcavia in accordo col Comune: 150 persone all’opera per 48 ore no-stop. “Parole a colori per il cavalcavia dell 'Ortica!” questo il monito che ha unito il Nuovo Liceo Artistico di via Benini 76, il gruppo scout CNGEI Milano, le associazioni di quartiere “Non uno di meno” e “Ortica Noodles”, e l’Anpi Ortica, tutte coordinate dal Consiglio di Zona 3 con il Patrocinio del Comune. Graffiti concordati, non abusivi, che hanno reso finalmente belle delle mura che erano continuamente imbrattate da “tag” insensate, ripulite dal Comune e di nuovo, pochi mesi dopo, sporcate. Se in questo caso lo spunto per migliorare il quartiere è stato fornito dalla volontà di commemorare il 70° anniversario della Liberazione, l’idea s’inserisce in un piano di riqualificazione dell’area che era già partito da qualche anno, con la riduzione da due ad una corsia per lato in modo da rallentare la circolazione sul Cavalcavia, l’inserimento della pista ciclabile e dell’area verde per i cani.

 

Cavalcavia Buccari1
MartaMarta

Altri post di Marta Calcagno Baldini

Ritratto di jula
15/09/2017 - 17:00
Intervista a Giandomenico Di Marzio che con Paolo Manazza ha creato e cura Wopart: l'arte su carta in fiera a Lugano alla sua seconda edizione dal 15 al 17 settembre  “Il mercato del collezionismo dei quadri è come quello delle figurine ormai: ce l’ho, non ce l’ho. Qui è diverso, si tratta di un...
Ritratto di jula
30/05/2016 - 17:30
Si tratta di vero e proprio mecenatismo: il Duomo di Milano ha commissionato all'artista spagnolo Jorge R. Pombo (Barcellona, 1973) la mostra "Relegare", 15 opere di arte contemoporanea collocate nella Chiesa di San Gotardo in Corte e nel Grande Museo del Duomo fino al 31 agosto 2016. Non si tratta...
Ritratto di jula
02/12/2015 - 14:30
Il Brasile è entrato a far parte della sua vita per caso più di trent'anni fa, ma da quel momento è del tutto imprescindibile: siamo al “Lapa”, il ristorante brasiliano nascosto nelle vie vicine a piazza Risorgimento e lontano dalle strade più trafficate, disegnato, arredato e aperto neòl 2014 in...
Ritratto di jula
25/11/2015 - 16:30
  Sarà anche l'ennesima mostra di arte contemporanea, ma è la prima da tempo in cui finalmente compare una sezione dedicata alla Performance. Ha aperto questa mattina, e prosegue fino al 6 marzo, alla Triennale di Milano proprio "Ennesima", "una mostra di mostre", come la definisce lo stesso...
Ritratto di jula
11/10/2015 - 15:30
Lunedì 12 ottobre nell’Università Statale di Milano, in via Festa del Perdono 3, alle ore 16.45 aula 211, Emma Dante, regista, drammaturga e attrice teatrale (Palermo, 1967) incontrerà studenti e pubblico (ingresso libero). Coordinerà il convegno Paolo Inghilleri, Professore Ordinario di Psicologia...