In Viaggio con Gaia. L'Etna nelle illustrazioni storiche.

L'Etna è probabilmente uno dei vulcani meglio conosciuti al mondo, e certamente il più studiato. Insieme al Vesuvio (e forse il Monte Fuji in Giappone) è anche quello più ritratto in incisioni, pitture, disegni. L'Etna, un po' per la sua posizione geografica che lo colloca nel cuore del Mediterraneo, lungo le rotte di ogni navigatore di questo mare, un po' per le sue frequenti e imponenti eruzioni, è stato a lungo il vulcano prediletto non solo dagli scienziati (una "popolazione" tutto sommato giovane, visto che l'età relativamente giovane di questa disciplina), ma soprattutto di letterati, poeti, scrittori e, appunto, pittori ed incisori che sono giunti fino alle sue falde da ogni angolo dell'Europa e del Medio Oriente per ammirarlo e descriverlo.

Dal XVI secolo, e fino ai giorni nostri, le rappresentazioni grafiche dell'Etna sono un importantissimo documento storico e scientifico della evoluzione del massiccio. L'Etna è una montagna attiva, in continuo cambiamento, e se oggi gli scienziati usano tecnologie avanzate per monitorarne l'evoluzione, dal XVI fino alla nascita della geologia moderna e della fotografia, il disegno è stato il mezzo prediletto per mostrare e tramandare i maggiori eventi eruttivi del vulcano.

È fresco di stampa un libro di Tiziana Abate (architetto, ricercatrice post-dottorato presso la Sorbona) e Stefano Branca (geologo presso l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Catania) che descrive la storia dell'Etna attraverso disegni ed incisioni, fino alle prime rappresentazioni cartografiche, dal XVI ad oggi. Il libro è fresco di stampa, certamente, ma esce proprio in un momento in cui sono invece ancora calde le ceneri di una delle più spettacolari eruzioni degli ultimi anni.

Non è un libro dal valore puramente estetico: le immagini, dalle incisioni di Münster del 1544, attraverso l'acuarello di Luigi Mayer del 1780, sono descritte e narrate con l'occhio dell'esperto, dello scienziato. Insieme alle immagini pittoriche Abate e Branca mostrano anche una serie di carte topografiche e le rappresentazioni che più fedelmente descrivono le colate e il loro impatto sul territorio o i centri urbani. L'immagine e le antiche carte geografiche diventano uno strumento scientifico e assumono tutto un altro aspetto: gli autori trasportano il lettore nel passato, durante eruzione antiche, e lo aiutano a leggere il territorio come fece l'artista (o il topografo) a suo tempo.

Per noi, abituati a vivere nel presente (e questo è comprensibile), il libro di Abate e Branca è un autentico viaggio nella storia recente dell'Etna. Raccomanderei il libro non solo ai curiosi, ma anche ai docenti, come testo scolastico. Il libro è utile dalle elementari fino alla università. Perché questa è la proprietà delle immagini: non hanno età e sono per ogni età.

[Il Disegno delle Eruzioni Storiche dell'Etna. Tiziana Abate, Stefano Branca. Edizioni Caracol, 2015]

 

Altri post di Jacopo Pasotti

Ritratto di jacopolist
20/04/2020 - 14:00
Questa sera, e forse potremmo dire che non poteva essere più coerente con il momento storico che stiamo vivendo e che ci costringe in casa a causa del COVID-19, c'è una una splendida iniziativa musicale. Alle 20:00, sul canale Facebook #artistsforplants ci sarà in diretta la trasmissione online di...
Ritratto di jacopolist
03/04/2020 - 10:00
Ho sempre avuto una passione per la palma. Mi piacevano fin da bambino quando ero convinto che fosse una pianta tipica della Liguria o del lago di Como. Ora lo sono diventate, ma ho scoperto solo più tardi che in Italia queste piante fossero state importate. E quindi concedetemi di parlarvene un po...
Ritratto di jacopolist
19/12/2019 - 11:15
Il Bangladesh è un Paese inzuppato nell'acqua. È una immensa colossale Venezia di foreste lussurreggianti, campi. E come Venezia, sprofonda ed è soggetta alle inondazioni. Da un lato il livello marino sale, lento ma inesorabile. Dall’altro le alluvioni sono e saranno più aggressive, un po’ per gli...
Ritratto di jacopolist
30/10/2019 - 09:15
Recentemente ho avuto modo di visitare la cresta del Gornegrat, dall'Hotel Kulm, proprio sopra Zermatt. Dai 3100 metri della stazione di arrivo del trenino a cremagliera rosso, il mitico Gornergrat Bahn, la visuale sul Monte Rosa, il Cervino, ma anche il Dom de Mischabel e Weisshorn è, a dir poco,...
Ritratto di jacopolist
15/08/2019 - 09:30
Ce lo aspettavamo da tempo, ora è un dato certo: anche l'Artico è contaminato dalle nostre plastiche. Le microplastiche inquinano l'acqua dal rubinetto di casa nostra fino alle profondità il mare. La novità è che ora gli scienziati hanno trovato concentrazioni di plastica nella banchisa dello...