Viaggiare per gioco. Ai Caraibi per il gioco più bello del mondo

C'è un isola dei Caraibi che i giocatori conoscono bene, senza averci mai messo piede. Ne conoscono il nome, la capitale, e le principali coltivazioni. L'interno, più delle acque cristalline.

Seguiamoli nella scoperta.

Siamo su un'isola-Stato delle Grandi Antille, tra la Repubblica Dominicana e le Virgin Island, con una capitale, San Juan, fondata dagli Spagnoli nel 1521 e che oggi sfiora i due milioni di abitanti. Puertorico.
Dal 2012 sogna di diventare il 51° stato degli Usa, nel frattempo è andato in default (a luglio 2015) e ha debiti per 66 miliardi di euro. Comprensibilmente, Obama prende tempo. Insomma, nonostante il mare sia cristallino, i portoricani navigano in pessime acque. Il Paese galleggia nel misterioso mondo della macro-economia globale senza per fortuna andare a picco, con il turismo fra le sue principali voci d’entrata (5 milioni di persone l’anno, per 1,8 miliardi di dollari di introiti), e la coltivazione della canna da zucchero come fiore all’occhiello.

Appunto, canna da zucchero. Più tabacco (siamo ai Caraibi…), caffè, mais e indigo, pianta tropicale da cui si ricava il colorante indaco, quello dei jeans. Le coltivazioni di PuertoRico. Il Paese? Certo, ma anche – soprattutto – il boardgame, o gioco da tavolo, da molti ritenuto il più bello del mondo. Perché per chi gioca da tavolo, se si parla di PuertoRico si parla del gioco. Il Paese, l’isola, perfino quel mare che più blu non si può… tutto in secondo piano.

 

PuertoRico esce nel 2002 in Germania, l’autore è Andreas Seyfarth. Il gioco si impone subito all’attenzione degli appassionati per la sua complessa eleganza. Senza addentrarci troppo nelle regole, vi diremo che si tratta di gestire ognuno una propria isola, con piantagioni ed edifici. Si devono coltivare le materie prime – canna da zucchero e le altre succitate – per venderle e per esportarle.

Ma soprattutto, PuertoRico è un gioco a ruoli dove a turno si sceglie quale azione fare, garantendo a tutti gli avversari di farla a loro volta, ma assicurandosi però un bonus. Questo significa che, a differenza di altri giochi german precedenti e successivi, scegliere un’azione non la toglie agli avversari. Ma gliela limita. Questo rende molto raffinato il meccanismo, e spinge a scegliere con cura non l’azione più utile a sé (lo sono tutte), ma quella che in quel momento è meno utile per gli altri.

Per anni PuertoRico ha dominato la classifica di BoardGameGeek, la Bibbia degli appassionati, che sancisce, tra l’altro, qual è il gioco più apprezzato di sempre, sulla base dei voti medi degli utenti (30/40mila persone). Poi è stato scalzato, ma resta comunque nelle prime posizioni. E soprattutto, nel cuore degli appassionati.

Il suo successo è stato tale da generare un fratello minore, San Juan (la capitale di Puerto Rico), un gioco di carte, edito in Italia da GiochiUniti (così come Puerto Rico), che riprende in maniera semplificata le meccaniche del gioco, con i ruoli e gli edifici di produzione. San Juan è più semplice, dura meno (30 minuti a partita, contro le due ore di Puerto Rico) ed è giocabile anche in due. Ha una componente di fortuna, come tutti i giochi di carte che prevedono una pesca, ma resta ugualmente un gioco strategico di buon livello. In comune con il fratellone ha un altro pregio: la duttilità. La possibilità di portare avanti strategie diverse a ogni partita.

Non lasciatevi spaventare dalla complessità di Puerto Rico. È solo apparente, si tratta semplicemente di assimilare, con i propri tempi, la ricchezza di regole, edifici, mosse, opportunità che questo gioco contiene. Il mio consiglio è di iniziare con San Juan, per prendere dimestichezza con il sistema di gioco. E poi fare il grande salto. Sarà amore a prima vista, come quando vedi per la prima volta il mare dei Caraibi, e non lo dimentichi più. Buon gioco.

LE SCHEDE
PuertoRico
Numero di giocatori: 3-5
Durata media: 90/140 minuti  
Autore: Andreas Seyfarth
Editore: RioGrandeGames (in Italia GiochiUniti)
Prezzo al pubblico consigliato: 44,90 euro

 

San Juan
Numero di giocatori: 2-4
Durata media: 20/30 minuti  
Autore: Andreas Seyfarth
Editore: RioGrandeGames (in Italia GiochiUniti)
Prezzo al pubblico consigliato: 34,90 euro

 

Altri post di Luca "sulfureo" Bonora

Ritratto di luca_bonora
22/11/2018 - 11:15
Questo finesettimana, da venerdì 23 a domenica 25 novembre, FieraMilanoCity ospita l’edizione 2018 di G! come Giocare, la grande manifestazione dedicata soprattutto, ma non esclusivamente, ai bambini da 2 a 12 anni. Questa undicesima edizione dell’evento occupa due interi padiglioni della Fiera,...
Ritratto di luca_bonora
01/10/2018 - 09:45
In un’annata straordinariamente ricca, la Giuria del Gioco dell’Anno, di cui faccio parte, ha selezionato, tra i 41 giochi iscritti al concorso, i seguenti cinque finalisti: Azul: da 2 a 4 abili ceramisti si sfidano per decorare il Palazzo Reale di Evora. Un gioco semplice da spiegare, ma...
Ritratto di luca_bonora
03/09/2018 - 15:00
Usciti (quasi) indenni dalle magiche terre di Oz, ma con la soddisfazione di aver nuovamente messo nel sacco il professor Noside*, torniamo a parlare di escape room da tavolo confrontando i tre prodotti usciti negli ultimi anni: Deckscape (3 avventure indipendenti); Unlock! (3 scatole con 3...
Ritratto di luca_bonora
11/06/2018 - 17:15
Il 31 maggio si sono chiuse le iscrizioni al Gioco dell’Anno 2018, il più importante premio in Italia dedicato ai giochi da tavolo. Sarà la sesta edizione, la più ricca di sempre (41 giochi iscritti per 20 case editrici, entrambi record). Ci aspetta - a me e agli altri giurati - un’estate...
Ritratto di luca_bonora
15/05/2018 - 11:45
In queste pagine, su questo blog, dal 2013 vi presento giochi da tavolo che costituiscono spunti di viaggio, legati a città o Paesi vicini e lontani. Lo faccio nella convinzione che il gioco sia parte integrante del nostro dna: in ogni bar di ogni paese d'Italia si gioca a carte, il poker online...