In viaggio con Gaia. Nel cuore dell'Oberland Bernese - Oeschinensee

Oggi, in questo gelido ma (per ora) soleggiato inverno, vi suggerisco una meta nel cuore delle Alpi, nel cuore della Svizzera, nel cuore dell'Oberland Bernese. Si tratta del lago Oeschinensee, a 1686 metri di altitudine sopra Kandersteg

Il villaggio di Kandersteg lo raggiungete abbandonando la ancor più soleggiata valle del Vallese, dirigendovi verso Berna. Tra l'altro ci si arriva comodamente in treno, quindi perché non concedersi il lusso di lasciare l'auto a riposare nel garage? A Kandersteg uno percepisce immediatamente cosa significa valicare una catena montuosa, passare sul versante settentrionale delle Alpi. Il versante nord. Se il Vallese è ancora caldo, secco, ricoperto di vigneti, ha insomma un sapore quasi meridionale. A Kandersteg si è decisamente con lo sguardo rivolto verso il mare boreale. La scura muraglia di calcare che separa Kandersteg  dal Vallese giunge e supera i 3000 metri di altitudine. Quella muraglia, coperta da chiazze di neve e ghiaccio anche in pieno Agosto incute un certo senso di... chiamatelo timore?

Per noi quella roccaforte rocciosa grigia, macchiata di bianco e celeste per i diversi ghiacciai pensili è impenetrabile, fredda, forse ostile. Ma sappiate che è considerata una mecca per i patiti di salite sulle cascate di ghiaccio.

Molti di voi preferiranno esplorare il lago Oescinensee, piuttosto che appendersi a colonne di ghiaccio sonante. Il lago è gigante per essere incastrato tra montagne tanto ripide ed elevate. Se vi affrettate, vista la rigidità di questo inverno, potrete perfino vivere l'esperienza di pattinare sulla superficie del lago. Un evento, questo, che non è garantito ogni anno. Qui trovate alcune informazioni utili. 

Intorno al lago sono stati preparati alcuni percorsi che si possono compiere nella neve, ma ci si può anche addentrare nei boschi e girare a zonzo, senza alcun pericolo. Chiaro, a voi la scelta: slitta, scarponi (caldi), ciaspole, o perfino sci di fondo. Ce ne è per tutti i gusti.

 

Altri post di Jacopo Pasotti

12/05/2017 - 10:30
Non potevo non condividere questo magnifico albero, che ho incontrato in un viaggio in Madagascar. Sono rimasto fermo mezz'ora almeno, a studiare queste screziature, il disegno che la esfoliazione della corteccia (credo, ma se siete esperti nel campo, ditemi) creava sul fusto dell'albero. La specie...
28/04/2017 - 11:15
Non è certo uno di quei luoghi più facili da visitare, quindi accontentiamoci di ammirare questa immagine da poco scattata (il 26 Marzo) dal satellite Sentinel 3A dei satelliti Copernicus. Lo stretto è ancora coperto dal ghiaccio marino. Al centro della immagine dominano le isole di San Paolo e San...
23/03/2017 - 12:00
Non è certo dei più comodi. Per raggiungerlo bisogna innanzitutto prendere una funivia, il cui salto di circa mille metri di altitudine è già una esperienza. Si chiama Luftseilbahn Sunnbuel e per prenderla dovrete andare in Svizzera, a Kandersteg. Poi bisogna camminare, tra montagne calcaree tutte...
15/03/2017 - 08:15
L'inverno è finito, finalmente. E per festeggiare l'arrivo della primavera, cosa può esserci di meglio di una competizione, una corsa coi cavalli?  Sì, perché l'inverno nei Gobi in Mongolia è rigido, rigidissimo. Le temperature sono intorno ai -20°C, ma non mancano puntate fino a -40°C. E poi c'è...
10/02/2017 - 10:30
Questo è stato un altro inverno anomalo, se di anomalia si può parlare quando si parla del tempo atmosferico. Anomalo si, in una ottica climatica: ha nevicato poco al nord, mentre ci sono state nevicate copiose al centro e al sud. Tutto questo era stato a grandi linee annunciato, ma forse non ci si...