In viaggio con Gaia. Nel cuore dell'Oberland Bernese - Oeschinensee

Oggi, in questo gelido ma (per ora) soleggiato inverno, vi suggerisco una meta nel cuore delle Alpi, nel cuore della Svizzera, nel cuore dell'Oberland Bernese. Si tratta del lago Oeschinensee, a 1686 metri di altitudine sopra Kandersteg

Il villaggio di Kandersteg lo raggiungete abbandonando la ancor più soleggiata valle del Vallese, dirigendovi verso Berna. Tra l'altro ci si arriva comodamente in treno, quindi perché non concedersi il lusso di lasciare l'auto a riposare nel garage? A Kandersteg uno percepisce immediatamente cosa significa valicare una catena montuosa, passare sul versante settentrionale delle Alpi. Il versante nord. Se il Vallese è ancora caldo, secco, ricoperto di vigneti, ha insomma un sapore quasi meridionale. A Kandersteg si è decisamente con lo sguardo rivolto verso il mare boreale. La scura muraglia di calcare che separa Kandersteg  dal Vallese giunge e supera i 3000 metri di altitudine. Quella muraglia, coperta da chiazze di neve e ghiaccio anche in pieno Agosto incute un certo senso di... chiamatelo timore?

Per noi quella roccaforte rocciosa grigia, macchiata di bianco e celeste per i diversi ghiacciai pensili è impenetrabile, fredda, forse ostile. Ma sappiate che è considerata una mecca per i patiti di salite sulle cascate di ghiaccio.

Molti di voi preferiranno esplorare il lago Oescinensee, piuttosto che appendersi a colonne di ghiaccio sonante. Il lago è gigante per essere incastrato tra montagne tanto ripide ed elevate. Se vi affrettate, vista la rigidità di questo inverno, potrete perfino vivere l'esperienza di pattinare sulla superficie del lago. Un evento, questo, che non è garantito ogni anno. Qui trovate alcune informazioni utili. 

Intorno al lago sono stati preparati alcuni percorsi che si possono compiere nella neve, ma ci si può anche addentrare nei boschi e girare a zonzo, senza alcun pericolo. Chiaro, a voi la scelta: slitta, scarponi (caldi), ciaspole, o perfino sci di fondo. Ce ne è per tutti i gusti.

 

Altri post di Jacopo Pasotti

03/11/2017 - 10:45
Ecco in un bellissimo video, come l'astronauta italiano Paolo Nespoli vede lo stivale dalla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), in missione per il progetto VITA. La ripresa è stata effettuata in Agosto (2017). Non servono molte parole, buon sorvolo. Qui il video.  
13/10/2017 - 13:30
In questi giorni è stata inaugurata una mostra fotografica che presenta immagini mie e di altri fotografi sul tema del cambiamento climatico, della sostenibilità, e della ricerca. La mostra è stata organizzata dal Venice Climate Lab, una organizzazione di giovani ricercatori che presentano al...
15/09/2017 - 12:15
La novità è abbastanza breve, e aggiunge solo dei numeri a ciò che più o meno già sapevamo: i ghiacciai della catena Himalayana si stanno ritirando ad una velocità allarmante. I numeri sono questi: restando ad un livello di emissioni come quello odierno, il 65% è destinato a scomparire entro il...
28/08/2017 - 09:45
Il Tibet è sempre descritto come una terra santa, il suo spirito, la sua storia, catturano il cuore dei viaggiatori. All'inizio di questa estate ho avuto l'opportunità di visitare Lhasa, in Tibet. La città sta cambiando rapidamente, mi hanno detto, la presenza cinese modifica la società, la cultura...
12/07/2017 - 13:45
Talvolta le aspettative giocano strani scherzi. Viaggiando in Tibet, mi attendevo di incontrare fiumi limacciosi, montagne immense, elevate, ricoperte di nevi e ghiacciai (pur sapendo che è soprattutto il versante meridionale dell'Himalaya a essere coperto di neve), e ovviamente templi e monaci...