Muoversi. Tutto esaurito per il primo treno da crociera al mondo

Sold out prima ancora del viaggio inaugurale. È il record fatto registrare dal primo treno da crociera al mondo, tenuto a battesimo dalla compagnia ferroviaria giapponese JR-East, contrazione della storica etichetta East Japan Railway Company. Un record assoluto perché il Train Suite Shiki-Shima (ovvero Isola delle Quattro Stagioni) non è uno dei tanti convogli – storici e non – trasformati in lussuoso albergo viaggiante. Nello stesso Giappone circola infatti il Twilight Express Misuzake che propone tour tra Kyoto e Osaka con una decina di vagoni riallestiti per accogliere una trentina di passeggeri tra legni pregiati e cristalli.

Lo Shiki-Shima è un treno da dieci vetture che, per la prima volta dai tempi dei convogli privati allestiti per teste coronate e magnati del petrolio americani, è stato progettato apposta ex-novo per accogliere col massimo comfort 34 passeggeri in 17 tra camere con servizi privati e suite su due piani (con tanto di bagno “alla giapponese” rivestito in cipresso), con due salotti panoramici all’estremità per ammirare il paesaggio, salone da pranzo, bar e una cucina super attrezzata per consentire a chef stellati di lavorare al meglio. Anche la velocità massima, di "soli" 110 chilometri orari, è pensata per offrire spostamenti da sogno, senza che un calice di cristallo possa tintinnare. Tocco finale: per poter offrire ai passeggeri i panorami mozzafiato della costa dell’isola di Honshu il treno è dotato di un innovativo sistema di trazione ibrida diesel elettrica che fa uso sia di tradizionali motori elettrici – utilizzati sulle linee normali e nel tunnel subacqueo Seikan – sia di propulsori diesel, così da riuscire a percorrere alcuni rami secondari non elettrificati del network di JR-East.

Il treno da crociera Shiki-Shima, dalle linee avveniristiche ma dal comfort tipicamente giapponese all’interno, è stato progettato da Ken Kiyoyuki Okuyama, già senior designer per Porsche e design director di Pininfarina; alla costruzione dei vagoni hanno invece provveduto per la parte ferroviaria Kawasaki e le officine interne J-TREC; l’allestimento interno degli arredamenti è stato affidato a uno stuolo di artigiani locali. E la gestione alberghiera è stata affidata a Katshushiro Nakamura, "honorary grand chef" della prestigiosa catena Nippon Hotel di Tokio.
Il viaggio inaugurale dello Shiki-Shima è previsto per il prossimo 1° maggio, ma sul sito di JR-East si può leggere che l’intero calendario dei viaggi in programma fino a novembre è sold out. Anzi, la richiesta è stata tale che la compagnia si riserva di svolgere una sorta di selezione-estrazione tra i potenziali clienti che si sono registrati sull’apposito sito, pronti a pagare poco meno di 6mila euro a testa per quattro giorni di tour.

Info: qui

 

Altri post di Renato Scialpi

23/03/2017 - 23:30
La notizia è finita tra le curiosità della cronaca locale, nei porti di partenza e arrivo. Lo scorso 6 marzo il traghetto per camion e trailer Palermo-Salerno è stato colto da una tempesta molto violenta al largo della Campania, tanto che 21 tra i semirimorchi merci a bordo sono finiti dispersi in...
14/03/2017 - 18:15
Chi è il visitatore del Salone dell’Auto di Ginevra? Difficile dirlo, almeno a dare un’occhiata un po’ critica all’enorme massa di novità, o presunte tali, che offre la manifestazione elvetica, prima passerella dell’anno per il Vecchio Continente. Detto che l’unica defezione registrata nel 2017 è...
03/03/2017 - 12:15
Tradizionale vetrina dell’auto europea, giocata sul campo neutro di una Svizzera dove vetture di fatto non se ne producono, il salone di Ginevra 2017 ha almeno tre motivi d’interesse in più rispetto alla consueta passerella di dream car, concept e nuovi modelli che lo caratterizza da 87 edizioni....
09/02/2017 - 12:15
Secondo un recentissimo studio del centro di ricerche Baum & Associates LLC, nel caso in cui il presidente Trump mettesse in pratica l’annunciata tassazione sulle importazioni nel settore automobilistico, solo il marchio Tesla – californiano al 100 per 100 – non avrebbe nulla da temere. Gli...
30/01/2017 - 14:00
Sarebbe bastato un po’ di buonsenso. Ma, si sa, in Italia se non si mettono regole e sanzioni può succedere di tutto. E i pochi possessori di auto elettriche ne sanno qualcosa: aree di ricarica occupate da mezzi che non c’entrano nulla, colonnine “murate” da furgoni in sosta, utenti che collegano l...