Muoversi. Auto elettriche: nuove regole per la sosta

Sarebbe bastato un po’ di buonsenso. Ma, si sa, in Italia se non si mettono regole e sanzioni può succedere di tutto. E i pochi possessori di auto elettriche ne sanno qualcosa: aree di ricarica occupate da mezzi che non c’entrano nulla, colonnine “murate” da furgoni in sosta, utenti che collegano l’auto per rifornirla e la lasciano in sosta intere giornate.

A mettere un po’ di ordine normativo – finora il punto di riferimento erano ordinanze sindacali, spesso contestate dai giudici di pace – è un’integrazione all’articolo 158 del Codice della strada entrata in vigore lo scorso 14 gennaio che prevede una multa di 85 euro per chi parcheggia la propria auto sulle aree dedicate alla ricarica dei veicoli elettrici o, comunque, rende impossibile provvedere al rifornimento. Sanzionati, quindi, anche i veicoli elettrici in sosta sulle aree di rifornimento senza essere collegati alla colonnina: passa il principio che gli spazi delimitati non sono stalli di sosta riservati a questa tipologia di mezzi, ma di fatto “aree di servizio” a bordo strada.

Smart elettriche in ricarica a Berlino.

Una buona notizia, perciò, per i proprietari di auto elettriche. Ma con un risvolto da non sottovalutare. La stessa norma stabilisce infatti che è soggetto a sanzione anche chi lascia il veicolo elettrico in sosta, collegato alla colonnina, dopo che la ricarica è conclusa. Un trucco piuttosto diffuso nei centri storici delle città: arrivi alla colonnina, colleghi l’auto col cavo bene in vista e vai a farti i fatti tuoi, godendo di sosta gratuita e del tempo che ti fa comodo. Tanto, diversamente dal caso della benzina, non è che l’elettricità trabocchi dal serbatoio e tutte le colonnine sono dotate di sistemi di protezione che “staccano” a batteria carica.

Un'area di ricarica in Italia.

Tutti sistemi di ricarica più recenti sono però dotati di un allarme visivo che segnala il fine carica: i furbi del rifornimento elettrico sappiano perciò che rischiano pure loro gli 85 euro di verbale. Anzi, sarebbe utile sapere se e qual è la tolleranza è prevista, visto che i tempi di ricarica indicati dai display – sulle auto come sulle borchie di collegamento – sono sempre e soltanto indicativi.

Altri post di Renato Scialpi

24/05/2017 - 13:45
Game over per Hellö, la compagnia austriaca di bus scesa in campo meno di un anno fa per fare concorrenza a FlixBus, il leader europeo del trasporto passeggeri su gomma. Nata da una costola delle ÖBB Österreichische Bundesbahnen, le ferrovie federali austriache, Hellö aveva come obiettivo offrire...
18/05/2017 - 17:15
La notizia è di questi giorni. Mentre l’ufficio stampa di Fca annuncia la sponsorizzazione a marchio Lancia della 30esima edizione del Salone internazionale del Libro, in scena dal 18 al 22 maggio al Lingotto Fiere di Torino, uno dopo l’altro i siti internet stranieri di Lancia spariscono dalla...
09/05/2017 - 11:45
Sono bastati un nome e poche parole. Ma quando escono dalla bocca di Elon Musk, guru della tecnologia e fondatore del marchio Tesla, anche le sillabe valgono oro. Quindi l’annuncio che il costruttore californiano di auto elettriche intende far debuttare entro il prossimo settembre il truck Tesla...
27/04/2017 - 00:15
La notizia arriva da Berlino, dalla fiera specializzata Bus2Bus: FlixBus ha un nuovo concorrente, targato Ferrovie dello Stato italiano. A partire da giugno col servizio Fast, la società controllata Busitalia Simet proporrà collegamenti quotidiani a media-lunga distanza con autobus di ultima...
19/04/2017 - 22:45
“Acquistare un navigatore satellitare è un metodo infallibile per gettare quattrini dalla finestra”. Non è la provocazione di un comico da dozzina, ma un dato di fatto. Documentato da un recente e accurato test svolto dal quindicinale tedesco Auto Motor und Sport, la bibbia dell’auto a livello...