A Torino: il riordino dell'archivio Bonatti

Il Museo Nazionale della Montagna di Torino lo scorso ottobre, come si ricorderà, è stato protagonista di una straordinaria acquisizione, quella delle collezioni dell’archivio di Walter Bonatti.
Un’eredità fondamentale per la storia dell’alpinismo, dell’esplorazione e dell’avventura. Un patrimonio davvero ingente, il cui ammontare è stimabile in circa 250.000 pezzi, composto da circa 7000 foto di montagna, attrezzature alpinistiche, dattiloscritti, appunti, relazioni tecniche, testi per conferenze, interventi e discorsi pubblici, libri, pellicole e registrazioni audio e video, fotocamere. Circa 70.000 diapositive realizzate da Bonatti nel corso dei viaggi di esplorazione, oltre ai materiali preparatori per le avventure in terre lontane. E ancora, sessant’anni di ritagli stampa e di corrispondenze.
Il riordino delle collezioni, un lavoro lungo e complesso, ha avuto inizio e il “Cantiere Bonatti” è già in piena attività. Da qualche settimana si stanno via via aprendo le casse in cui sono stati riposti i materiali alpinistici, la corrispondenza, i documenti, le fotografie e le diapositive di Walter Bonatti.
In questa fase si sta procedendo a un vero e proprio scavo “stratigrafico” nei contenitori, rispettando con rigore la successione cronologica dei vari elementi imballati. Ogni singolo pezzo viene esaminato, datato, messo in relazione con gli altri e situato nel suo contesto, in attesa di essere digitalizzato (nel caso dei documenti e delle fotografie), e infine sottoposto a catalogazione definitiva.
Parte dei “ritrovamenti” verrà presentata al pubblico durante una serie di piccoli eventi espositivi itineranti che accompagneranno i lavori di studio dei materiali. Anche nel corso di questo lavoro preliminare, il personale del Museomontagna si trova con frequenza di fronte a vere e proprie sorprese: immagini, scritti e oggetti inaspettati che saranno utilissimi, una volta ricostruito il contesto degli anni delle grandi scalate di Bonatti e dei suoi successivi viaggi nelle regioni più selvagge del pianeta, a ricostruire uno dei capitoli più importanti dell’alpinismo contemporaneo e del mondo dell’avventura.
Per permettere a tutti gli appassionati di montagna e di esplorazione di farsi un’idea dei lavori in cantiere, a partire dalle prossime settimane, il Museo posterà sui social e sul Web immagini e brevi filmati, comunicando “in diretta” alcuni dei momenti più significativi delle operazioni in corso, in attesa di organizzare, in tempi relativamente brevi, le prime mostre collegate agli anniversari delle imprese più importanti di Bonatti.

Altri post di Piero Carlesi

Ritratto di pierocarlesi
12/06/2018 - 10:45
Domenica 17 giugno, in 45 località di 15 regioni, CAI e CNSAS organizzano presidi di sentieri, ferrate e falesie con momenti informativi sugli accorgimenti da prendere per ridurre il rischio di incidenti, escursioni guidate e dimostrazioni di soccorso Accrescere la consapevolezza dei rischi e dei...
Ritratto di pierocarlesi
06/06/2018 - 16:30
A Fisciano (SA), venerdì 8 giugno 2018 dalle 8.30, Aula Consiliare G. Sessa Geologi, meteorologi, chimici e agronomi, insieme per parlare de' “L’importanza della meteorologia nelle attività antropiche”. Questo il titolo del convegno, organizzato da Ordine dei Geologi della Campania con A.I.S.A.M. (...
Ritratto di pierocarlesi
30/05/2018 - 13:45
Conosco abbastanza la montagna ligure. Qualcuno osserverà: “Come? E il mare?”. Già il mare in Liguria è importante, ma è la montagna che domina il territorio. Una montagna vissuta, terrazzata, coltivata e ricca di storia, come documentano tanti borghi sparsi sulle pendici. Tra il Levante e il...
Ritratto di pierocarlesi
21/05/2018 - 10:30
La Fiera di S. Bernardo, giunta alla sua XXXII edizione, come ogni anno si svolgerà a Macugnaga il primo fine settimana di luglio - 6, 7, 8 luglio 2018. Nata con l’intento di far rinascere l’antica Fiera che si svolgeva già in epoca medievale, la Fiera di S. Bernardo richiama ogni anno un numero...
Ritratto di pierocarlesi
08/05/2018 - 16:45
Dal 1952 si tiene a Trento a cavallo tra la fine di aprile e i primi di maggio il Festival di Trento, oggi chiamato Trentofilmfestival. Di queste 66 edizioni ne ho viste 44 e credo quindi di avere una certa esperienza per commentare la manifestazione. Certo, di acqua sotto i ponti ne è passata...