A Torino: il riordino dell'archivio Bonatti

Il Museo Nazionale della Montagna di Torino lo scorso ottobre, come si ricorderà, è stato protagonista di una straordinaria acquisizione, quella delle collezioni dell’archivio di Walter Bonatti.
Un’eredità fondamentale per la storia dell’alpinismo, dell’esplorazione e dell’avventura. Un patrimonio davvero ingente, il cui ammontare è stimabile in circa 250.000 pezzi, composto da circa 7000 foto di montagna, attrezzature alpinistiche, dattiloscritti, appunti, relazioni tecniche, testi per conferenze, interventi e discorsi pubblici, libri, pellicole e registrazioni audio e video, fotocamere. Circa 70.000 diapositive realizzate da Bonatti nel corso dei viaggi di esplorazione, oltre ai materiali preparatori per le avventure in terre lontane. E ancora, sessant’anni di ritagli stampa e di corrispondenze.
Il riordino delle collezioni, un lavoro lungo e complesso, ha avuto inizio e il “Cantiere Bonatti” è già in piena attività. Da qualche settimana si stanno via via aprendo le casse in cui sono stati riposti i materiali alpinistici, la corrispondenza, i documenti, le fotografie e le diapositive di Walter Bonatti.
In questa fase si sta procedendo a un vero e proprio scavo “stratigrafico” nei contenitori, rispettando con rigore la successione cronologica dei vari elementi imballati. Ogni singolo pezzo viene esaminato, datato, messo in relazione con gli altri e situato nel suo contesto, in attesa di essere digitalizzato (nel caso dei documenti e delle fotografie), e infine sottoposto a catalogazione definitiva.
Parte dei “ritrovamenti” verrà presentata al pubblico durante una serie di piccoli eventi espositivi itineranti che accompagneranno i lavori di studio dei materiali. Anche nel corso di questo lavoro preliminare, il personale del Museomontagna si trova con frequenza di fronte a vere e proprie sorprese: immagini, scritti e oggetti inaspettati che saranno utilissimi, una volta ricostruito il contesto degli anni delle grandi scalate di Bonatti e dei suoi successivi viaggi nelle regioni più selvagge del pianeta, a ricostruire uno dei capitoli più importanti dell’alpinismo contemporaneo e del mondo dell’avventura.
Per permettere a tutti gli appassionati di montagna e di esplorazione di farsi un’idea dei lavori in cantiere, a partire dalle prossime settimane, il Museo posterà sui social e sul Web immagini e brevi filmati, comunicando “in diretta” alcuni dei momenti più significativi delle operazioni in corso, in attesa di organizzare, in tempi relativamente brevi, le prime mostre collegate agli anniversari delle imprese più importanti di Bonatti.

Altri post di Piero Carlesi

22/06/2017 - 14:00
La Val Codera è una valle molto suggestiva, unica in Lombardia, collocata in provincia di Sondrio, distante solo 100 chilometri da Milano, nel comune di Novate Mezzola, all'imbocco della Valle di Chiavenna. La sua particolarità è che i suoi borghi non sono raggiungibili che a piedi, attraverso una...
20/06/2017 - 12:30
Giovedì 22 giugno 2017 ore 18,30 presso la Libreria Monti in città, Viale Monte Nero 15, angolo giardini, Milano. L'Associazione Overlaps ci presenterà Alto Lario 2017Ri-pensare paesaggi - Disegnare con il tosaerba Un grande evento che si svolgerà dal 18 al 29 luglio sui crinali erbosi del Monte...
14/06/2017 - 13:30
Una nuova collana di libri di montagna (libri, non guide!) fa sempre notizia. A maggior ragione se l'editore è uno di peso come Ulrico Hoepli. La collana, dal titolo Stelle alpine esordisce con un classico come Il giorno delle Mesules, di Ettore Castiglioni, volume già uscito anni fa (nel 1993) per...
30/05/2017 - 14:15
Un convegno da non perdere: l'8 giugno 2017, alle ore 15.30 
Aula magna, Università della Montagna, via Morino 8  a Edolo (BS).Agro-ecologia per la gestione della biodiversità:
Il caso dell’alta Valtellina Relatore: Mario Pierik, dottore di ricerca Università degli Studi di Milano I prati...
26/05/2017 - 15:00
La mostra sulle quattro generazioni di guide alpine Lenatti, dopo essere stata a Chiareggio (So) lo scorso anno è giunta a Milano e resta aperta fino al 10 giugno 2017 nel Chiostro Orientale del Palazzo delle Stelline in corso Magenta 59 (ingresso libero). La mostra prende spunto da un "unicum" a...