Muoversi. Ginevra, un salone dell’auto dalle molte attese.

Tradizionale vetrina dell’auto europea, giocata sul campo neutro di una Svizzera dove vetture di fatto non se ne producono, il salone di Ginevra 2017 ha almeno tre motivi d’interesse in più rispetto alla consueta passerella di dream car, concept e nuovi modelli che lo caratterizza da 87 edizioni. Entro giovedì 9 marzo, data di apertura dei cancelli, è prima di tutto verosimile (o probabile) che giunga l’annuncio sull’esito del progetto di fusione tra il gruppo francese Psa (Peugeot-Citroën-Ds) e Opel, negletta costola europea di General Motors. E l’uscita di Opel dal gruppo statunitense è da molti vista come la prima conseguenza delle politiche neoprotezionistiche del presidente Trump.

L'Opel Crossland X convide la piattaforma con vari modelli Peugeot e Citroën. È l'antipasto del distacco da General Motors?

Secondo motivo d’interesse, molto sentito in Italia, la designazione dell’Auto dell’Anno 2017. Tra i candidati in pole position c’è l’Alfa Romeo Giulia, come si sussurra in molti backstage, e una vittoria del titolo sarebbe un bel passo avanti nel percorso di recupero dell’italian style. Terzo tema, incandescente, il futuro delle propulsioni a benzina e a gasolio, minacciate (sarà vero?) tanto dagli scandali sulle emissioni quanto dal diffondersi di propulsione elettrica, celle a combustibile, motori a idrogeno e quant’altro. Anche in questo caso le novità presentate a Ginevra potranno dare la misura di quanta concretezza ci sia dietro molti progetti. Che spesso sembrano realizzati più che altro per dare una “mano di verde e di tecnologia” a marchi in difficoltà su questi temi.

La Ferrari 812 Superfast celebra i 70 anni di attività del marchio di Maranello.

Restando a parlare di pure e semplici auto, agli appassionati di supercar il salone di Ginevra 2017 riserva tre debutti da far girare la testa (inavvicinabili in termini di prezzi): la Ferrari 812 Superfast, un giocattolo da più di 800 cavalli che celebra i 70 anni del marchio, la Lamborghini Aventador S, ancora più cattiva del modello “normale”, e l’azzardo degli azzardi, ovvero la Porsche Panamera Sport Turismo, elegante declinazione supercapiente (station wagon non si può dire) dell’iperberlina tedesca. Un esempio della capacità di Porsche di andare in controtendenza, visto che i mercati di Asia e Usa vedono come il fumo negli occhi le auto col portellone. Avvolta nella nebbia, invece, l’annunciata presenza di un nuovo modello Rolls Royce: suv o berlina? Si vedrà.

La Porsche Panamera Sport Turismo, primo esempio di non-station-wagon tra le supercar.

Ottime notizie anche per chi ha portafogli meno gonfi. Ginevra porta in scena, infatti, il totale rinnovo di tre compatte a grande diffusione quali Ford Fiesta, Kia Picanto e Suzuki Swift. Senza trascurare la recente riedizione della Citroën C3, il restyling della popolare Toyota Yaris e il debutto del crossover Opel Crossland X. Altrettanto ricco il parterre delle sorprese tra le vetture più grandi e i marchi premium, con la prima assoluta di tre suv intermedi quale Range Rover Velar, Volvo XC60 e DS7 Crossback; quanto al suv Alfa Romeo Stelvio, dopo la presentazione negli Usa, Ginevra rappresenta comunque la prima passerella europea. Riservati a palati raffinati, invece, sia la nuova limousine ibrida Lexus LS500 sia le versioni cabriolet e station wagon “allroad” della Mercedes Classe E.
 


La nuova Mercedes Classe E cabrio. Come sopravvivere senza?
 

E il resto del salone di Ginevra? Tra meno di una settimana ne sapremo molto di più...

 

Altri post di Renato Scialpi

13/09/2017 - 17:45
Può sembrare un cavillo per appassionati di legal thriller. O civilisti agguerriti. In realtà si tratta di un passo avanti molto importante per la sicurezza stradale. Per la seconda volta in meno di due mesi, infatti, la Corte di Cassazione, ha sancito che l’utilizzo di una calamita (o altro...
31/08/2017 - 00:30
Prima di tutto un coming out: sono da anni utente di Bikemi, il primo bike sharing di Milano, e ho un discreto curriculum con oltre 2400 utilizzi per poco più di 500 ore nel giro di cinque anni. Quindi non sono né un recensore sprovveduto del nuovo sistema Mobike, di origine cinese, né però un...
24/08/2017 - 10:45
Nel gennaio 2013 l’amministratore delegato delle ferrovie belghe Sncb bollò pubblicamente come “allucinanti” i problemi tecnici (guasti, fermo treno, impianti bloccati) riscontrati sui treni ad alta velocità Fyra V250 appena consegnati da AnsaldoBreda. E di lì a pochi giorni i 19 convogli nuovi di...
12/07/2017 - 17:15
Duemilaquattrocentodiciannove veicoli sequestrati, 12 persone arrestate, 45 denunciate. Può sembrare la solita notizia di cronaca nera, infilata nei telegiornali per rimpinguare notiziari poveri di novità, visto l’avvicinarsi delle ferie. Non è così. I 2419 veicoli sono “finiti nella rete” tesa...
22/06/2017 - 17:15
Domenica 25 giugno l’associazione milanese Retake porterà, per la seconda volta nel giro di poche settimane, un gruppo di cittadini volontari a ripulire i muri del terminal bus internazionale di Milano Lampugnano dalle innumerevoli scritte che lo “decorano”. Sia ben chiaro, nulla contro la street...