In viaggio con Gaia. Corse di cavalli nel deserto dei Gobi

L'inverno è finito, finalmente. E per festeggiare l'arrivo della primavera, cosa può esserci di meglio di una competizione, una corsa coi cavalli

Sì, perché l'inverno nei Gobi in Mongolia è rigido, rigidissimo. Le temperature sono intorno ai -20°C, ma non mancano puntate fino a -40°C. E poi c'è il vento, un vento che spazza tutto, che non incontra ostacoli che lo rallentino. Il vento, qui, in genere o non c'è, o è tempesta. "Quando è in grado di sollevare perfino piccoli sassolini, allora è impossibile resistere", mi ha raccontato un pastore nomade. Ha un gregge di percore e capre (per il finissimo cashmere mongolo, uno dei più venduti al mondo). Ha anche cammelli e cavalli. "Se la tempesta è veramente forte, non possiamo uscire dalla nostra ger, gli animali non possono andare al pascolo. Una volta la mia jeep è stata completamente abrasa da un lato, i grani di sabbia hanno asportato via la vernice. Gli animali possono resistere un giorno o due senza pascolare, ma poi, con il freddo gelido, i più deboli cominciano a morire", ha spiegato.

E quindi non c'è da stupirsi se per i nomadi del deserto dei Gobi, l'arrivo della primavera è una festa. La gara è una occasione per incontrare i nomadi vicini, dopo il lungo e difficile inverno. Informarsi su come è stato l'inverno. Come stanno cammelli e capre. Ah... certo, e come stanno anche i famigliari. Ci si scambia doni, si studiano i cavalli delle altre famiglie. Ci si informa sullo stato di pascoli, corsi d'acqua.

Insomma, è più di una semplice gara, di una corsa con i cavalli: è un incontro di genti provate dall'inverno del deserto. Un incontro di genti che ancora vivono a contatto, che ancora dipendono dal mondo naturale. Genti diverse da noi, ma sempre ben disposte a condividere con noi la loro esperienza.

Altri post di Jacopo Pasotti

27/06/2017 - 09:00
In questo villaggio di circa duemila anime, Soredrano, i pescatori devono compiere tutti i giorni un tragitto di 4 chilometri per recupare l'acqua neccessaria per le proprie famiglie. La storia, completa, la abbiamo pubblicata su National Geographic. http://www.nationalgeographic.it/multimedia/2017...
16/06/2017 - 10:45
Si chiama Soredrano, è nel Madagascar meridionale, non lontano da Tolear (Toliara). Nel villaggio c'è un solo pozzo, di acqua salmastra. Poco utile, se non per lavare panni e stoviglie. Il villaggio, di 1650 anime, è fondato su una lingua di sabbia che si protende dalla costa verso l'esterno...
12/05/2017 - 10:30
Non potevo non condividere questo magnifico albero, che ho incontrato in un viaggio in Madagascar. Sono rimasto fermo mezz'ora almeno, a studiare queste screziature, il disegno che la esfoliazione della corteccia (credo, ma se siete esperti nel campo, ditemi) creava sul fusto dell'albero. La specie...
28/04/2017 - 11:15
Non è certo uno di quei luoghi più facili da visitare, quindi accontentiamoci di ammirare questa immagine da poco scattata (il 26 Marzo) dal satellite Sentinel 3A dei satelliti Copernicus. Lo stretto è ancora coperto dal ghiaccio marino. Al centro della immagine dominano le isole di San Paolo e San...
23/03/2017 - 12:00
Non è certo dei più comodi. Per raggiungerlo bisogna innanzitutto prendere una funivia, il cui salto di circa mille metri di altitudine è già una esperienza. Si chiama Luftseilbahn Sunnbuel e per prenderla dovrete andare in Svizzera, a Kandersteg. Poi bisogna camminare, tra montagne calcaree tutte...