In viaggio con Gaia. Corse di cavalli nel deserto dei Gobi

L'inverno è finito, finalmente. E per festeggiare l'arrivo della primavera, cosa può esserci di meglio di una competizione, una corsa coi cavalli

Sì, perché l'inverno nei Gobi in Mongolia è rigido, rigidissimo. Le temperature sono intorno ai -20°C, ma non mancano puntate fino a -40°C. E poi c'è il vento, un vento che spazza tutto, che non incontra ostacoli che lo rallentino. Il vento, qui, in genere o non c'è, o è tempesta. "Quando è in grado di sollevare perfino piccoli sassolini, allora è impossibile resistere", mi ha raccontato un pastore nomade. Ha un gregge di percore e capre (per il finissimo cashmere mongolo, uno dei più venduti al mondo). Ha anche cammelli e cavalli. "Se la tempesta è veramente forte, non possiamo uscire dalla nostra ger, gli animali non possono andare al pascolo. Una volta la mia jeep è stata completamente abrasa da un lato, i grani di sabbia hanno asportato via la vernice. Gli animali possono resistere un giorno o due senza pascolare, ma poi, con il freddo gelido, i più deboli cominciano a morire", ha spiegato.

E quindi non c'è da stupirsi se per i nomadi del deserto dei Gobi, l'arrivo della primavera è una festa. La gara è una occasione per incontrare i nomadi vicini, dopo il lungo e difficile inverno. Informarsi su come è stato l'inverno. Come stanno cammelli e capre. Ah... certo, e come stanno anche i famigliari. Ci si scambia doni, si studiano i cavalli delle altre famiglie. Ci si informa sullo stato di pascoli, corsi d'acqua.

Insomma, è più di una semplice gara, di una corsa con i cavalli: è un incontro di genti provate dall'inverno del deserto. Un incontro di genti che ancora vivono a contatto, che ancora dipendono dal mondo naturale. Genti diverse da noi, ma sempre ben disposte a condividere con noi la loro esperienza.

Altri post di Jacopo Pasotti

03/11/2017 - 10:45
Ecco in un bellissimo video, come l'astronauta italiano Paolo Nespoli vede lo stivale dalla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), in missione per il progetto VITA. La ripresa è stata effettuata in Agosto (2017). Non servono molte parole, buon sorvolo. Qui il video.  
13/10/2017 - 13:30
In questi giorni è stata inaugurata una mostra fotografica che presenta immagini mie e di altri fotografi sul tema del cambiamento climatico, della sostenibilità, e della ricerca. La mostra è stata organizzata dal Venice Climate Lab, una organizzazione di giovani ricercatori che presentano al...
15/09/2017 - 12:15
La novità è abbastanza breve, e aggiunge solo dei numeri a ciò che più o meno già sapevamo: i ghiacciai della catena Himalayana si stanno ritirando ad una velocità allarmante. I numeri sono questi: restando ad un livello di emissioni come quello odierno, il 65% è destinato a scomparire entro il...
28/08/2017 - 09:45
Il Tibet è sempre descritto come una terra santa, il suo spirito, la sua storia, catturano il cuore dei viaggiatori. All'inizio di questa estate ho avuto l'opportunità di visitare Lhasa, in Tibet. La città sta cambiando rapidamente, mi hanno detto, la presenza cinese modifica la società, la cultura...
12/07/2017 - 13:45
Talvolta le aspettative giocano strani scherzi. Viaggiando in Tibet, mi attendevo di incontrare fiumi limacciosi, montagne immense, elevate, ricoperte di nevi e ghiacciai (pur sapendo che è soprattutto il versante meridionale dell'Himalaya a essere coperto di neve), e ovviamente templi e monaci...