In viaggio con Gaia. Corse di cavalli nel deserto dei Gobi

L'inverno è finito, finalmente. E per festeggiare l'arrivo della primavera, cosa può esserci di meglio di una competizione, una corsa coi cavalli

Sì, perché l'inverno nei Gobi in Mongolia è rigido, rigidissimo. Le temperature sono intorno ai -20°C, ma non mancano puntate fino a -40°C. E poi c'è il vento, un vento che spazza tutto, che non incontra ostacoli che lo rallentino. Il vento, qui, in genere o non c'è, o è tempesta. "Quando è in grado di sollevare perfino piccoli sassolini, allora è impossibile resistere", mi ha raccontato un pastore nomade. Ha un gregge di percore e capre (per il finissimo cashmere mongolo, uno dei più venduti al mondo). Ha anche cammelli e cavalli. "Se la tempesta è veramente forte, non possiamo uscire dalla nostra ger, gli animali non possono andare al pascolo. Una volta la mia jeep è stata completamente abrasa da un lato, i grani di sabbia hanno asportato via la vernice. Gli animali possono resistere un giorno o due senza pascolare, ma poi, con il freddo gelido, i più deboli cominciano a morire", ha spiegato.

E quindi non c'è da stupirsi se per i nomadi del deserto dei Gobi, l'arrivo della primavera è una festa. La gara è una occasione per incontrare i nomadi vicini, dopo il lungo e difficile inverno. Informarsi su come è stato l'inverno. Come stanno cammelli e capre. Ah... certo, e come stanno anche i famigliari. Ci si scambia doni, si studiano i cavalli delle altre famiglie. Ci si informa sullo stato di pascoli, corsi d'acqua.

Insomma, è più di una semplice gara, di una corsa con i cavalli: è un incontro di genti provate dall'inverno del deserto. Un incontro di genti che ancora vivono a contatto, che ancora dipendono dal mondo naturale. Genti diverse da noi, ma sempre ben disposte a condividere con noi la loro esperienza.

Altri post di Jacopo Pasotti

23/03/2017 - 12:00
Non è certo dei più comodi. Per raggiungerlo bisogna innanzitutto prendere una funivia, il cui salto di circa mille metri di altitudine è già una esperienza. Si chiama Luftseilbahn Sunnbuel e per prenderla dovrete andare in Svizzera, a Kandersteg. Poi bisogna camminare, tra montagne calcaree tutte...
10/02/2017 - 10:30
Questo è stato un altro inverno anomalo, se di anomalia si può parlare quando si parla del tempo atmosferico. Anomalo si, in una ottica climatica: ha nevicato poco al nord, mentre ci sono state nevicate copiose al centro e al sud. Tutto questo era stato a grandi linee annunciato, ma forse non ci si...
30/01/2017 - 14:00
Il CNR ci informa che il ghiacciaio dell'Ortles (3905 metri di altitudine nelle Alpi Orientali) ha cominciato a muoversi a causa del cambiamento climatico. Non accadeva, o almeno il movimento non era tanto evidente, negli ultimi 7000 anni. Anzi, lo studio ha dimostrato che il ghiaccio più profondo...
02/01/2017 - 12:30
Oggi, in questo gelido ma (per ora) soleggiato inverno, vi suggerisco una meta nel cuore delle Alpi, nel cuore della Svizzera, nel cuore dell'Oberland Bernese. Si tratta del lago Oeschinensee, a 1686 metri di altitudine sopra Kandersteg.  Il villaggio di Kandersteg lo raggiungete abbandonando la...
09/11/2016 - 09:45
Immaginate un villaggio, in scandinavia, in Norvegia, per essere precisi. Un villaggio nel cuore della tundra, non sul mare, ma in un territorio di granito, licheni, praterie, laghi, boschi di betulle, salici, e abeti. Un villaggio Sámi, per essere ancora più precisi. Ma no, non che abitano in...