Viaggiare per gioco. Correndo tra i giardini con le forbici in mano

L’arte di potare le piante per ricreare forme precise, geometriche oppure legate alla natura (figure umane, animali…) si chiama arte topiaria, dal latino ars topiaria.
A dare popolarità a questa meravigliosa arte ha contribuito il regista Tim Burton, quando nel 1990 realizzò il film Edward Mani di Forbice con Jhonny Depp.  Il film era una moderna versione di Frankenstein dove un ragazzo “artificiale” dal cuore gentile ma privo di mani, sostituite da affilatissime e paurose forbici, dimostrava al mondo la sua dolcezza ritagliando meravigliose sculture di erba.

Siamo tornati da Play Modena, la più importante fiera dedicata al gioco in Italia, con un altro bellissimo omaggio a quest’arte: non più un film ma un gioco da tavolo che si chiama, semplicemente, Topiary. Titolo per 2-4 giocatori di Danny Devine, anche autore delle illustrazioni, Topiary è un gioco che in 15/30 minuti vi invita a realizzare e visitare un piccolo giardino comune a tutti i player, nel quale dovete posizionare le sculture di erba in maniera che i vostri omini (da piazzare anch’essi) ne vedano e quindi ammirino il più possibile.

Ovviamente le sculture grandi coprono le piccole, quindi è importante scegliere bene la visuale, cioè dove piazzarsi, intorno al giardino e anche ostacolare gli avversari piazzando qualche tessera in maniera carogna al momento giusto. Per fare punti non basta avere una linea di vista ampia, l’ideale sarebbe anche “vedere” tessere dello stesso tipo. Sta quindi a voi decidere se giocare in maniera buonista e costruttiva o feroce e distruttiva: il mio consiglio è di alternare le due strategie.

A pubblicare Topiary è Fever Games, una piccola casa editrice di giochi nata nel 2014 a Pescara, forse per compensare il fatto che l’Abruzzo aveva dato al mondo dei giochi Luigi Tencar Carafa. I ragazzi di FG erano già fatti notare con Boss Monster, gioco di carte che riprendeva la grafica 8bit dei primissimi videogame, e che anche nel concept prevedeva eroi impegnati a bonificare caverne/schermo dai mostri. Solo che i giocatori gestivano le caverne e i boss di fine livello, e per vincere occorreva far fuori più eroi possibili.
Tanta passione quindi, ma anche tanta cura dei dettagli, sia dal punto di vista editoriale sia da quello del game design. Giochi semplici ma non banali, accattivanti, veloci da imparare e che si rigiocano volentieri.

Dove è possibile vedere di persona, in Italia, opere di arte topiaria? Per cominciare in Alto Adige: in questi giorni si svolge infatti la Primavera meratese, l’iniziativa con cui la bella cittadina altoatesina di Merano festeggia il ritorno della bella stagione: Il Campanile del Duomo, La Ballerina, Colombe in volo (nella foto sopra), I due panda sono alcune delle sculture in erba e installazioni di land art realizzate ad hoc che si possono ammirare nelle vie e nelle passeggiate del centro storico dal 7 aprile (per saperne di più, www.meran.eu).

Dicesi giardino all’italiana quando piante, siepi e cespugli sono disposti simmetricamente e modellati in forme, mentre il giardino all’inglese mira a essere quanto più possibile spontaneo e selvaggio. Effetto bosco, insomma. E’ quindi evidente che le opere di arte topiaria siano fra le caratteristiche dei giardini all’italiana. Che però in Italia non sono particolarmente diffusi. Possiamo segnalarvi quello de La Cervara, abbazia di S. Girolamo al Monte di Portofino, Liguria (nella foto sopra), in meravigliosa posizione panoramica sul mar Tirreno, e il giardino di Villa Gamberaia a Settignano, in Toscana.
Anche i parchi di alcuni palazzi storici come la Reggia di Venaria Reale in Piemonte o Villa d’Este a Cernobbio, sul Lago di Como, hanno un’impronta all’italiana. Molti di questi luoghi sono riuniti nell’associazione Grandi Giardini Italiani che li promuove e tutela. E in alcuni casi è possibile anche pernottare in strutture collegate (comunque, non nell’erba).

Buon viaggio, e buon gioco a tutti.

Altri post di Luca "sulfureo" Bonora

15/05/2017 - 16:00
Siamo onesti: quando pensiamo a un Paese ricco di parchi di divertimento e di parchi avventura, non ci viene in mente l’Austria. E sbagliamo. Oggi Viaggiare per gioco vi racconta alcune destinazioni per famiglie proprio in Austria, a poca distanza dal confine (massimo due ore di auto dal Brennero,...
09/05/2017 - 12:00
Grotte e caverne mi hanno sempre affascinato. Quel mondo sotterraneo così diverso dal nostro, fatto di dungeon purtroppo senza dragons, di stalattiti e stalagmiti, in bilico fra realtà, fiaba e incubo (per chi è claustrofobico o ha paura del buio). Sono tornato dentro quelle che reputo le grotte...
28/03/2017 - 18:45
In questi giorni sta circolando in rete il decalogo della Play, ovvero 10 buoni motivi per andare a Modena dal 31 marzo al 2 aprile al Festival del gioco. Premesso che Play è ormai il più importante appuntamento ludico in Italia, con spazi pari se non superiori a quelli di Lucca Comics & Games...
28/02/2017 - 15:30
Sarà una edizione speciale di Cartoomics quella che sta per aprire i battenti a Fiera Milano Rho. Giunta al 24° anno, la fiera milanese di fumetti, cinema, giochi, videogames e cosplay – dal 3 al 5 marzo – presenta un parterre di ospiti assolutamente eccezionali. Per la sezione fumetto, l’ospite...
15/02/2017 - 11:45
Il fascino dell'Egitto non è solo senza tempo, ma si estende anche a tutti i campi, compreso quello dei giochi da tavolo: sono davvero numerosi i titoli ispirati al Paese dei faraoni, fra templi, piramidi, divinità e viaggi lungo il Nilo. Ecco i titoli più belli di ieri e di oggi, secondo il mio...