Falciatori (di fieno) si diventa e fa bene alla salute

Desidero segnalare questa iniziativa perché travalica il concetto del semplice spot turistico promosso da una località o da un albergo.
Qui si tratta di fare un soggiorno in montagna e godere dei bagni di fieno dopo che il fieno lo si è davvero tagliato con la falce. Certo ci vuole un po' di pratica, ma poter imparare a fare i gesti dei contadini di una volta vuol dire riapppropriarsi di una storia antica.
Falciare il fieno (nel vero senso del termine), e poi creare un letto di fieno dove riposare e rigenerarsi dopo la fatica e magari godersi un pic-ic in alta quota con i sapori autentici del territorio.
La proposta arriva dall’hotel Tyrol di Selva Val Gardena (Strada Puez, 12; tel. +39 0471 774 100; www.tyrolhotel.it) che per l’estate offre un’esperienza che non si limita a vivere il fieno nella spa, con il classico, benefico bagno di fieno, ma invita gli ospiti anche a falciare davvero il fieno, insieme ai contadini altoatesini e immergersi nel profumo del fieno direttamente dove viene raccolto, in quota, in mezzo alla natura.

Si sale dal bellissimo paese di Selva, incastonato tra le Dolomiti e, in compagnia di una guida esperta, si segue un sentiero tra i pendii delle montagne che circondano il paese in un magico abbraccio. Una volta arrivati alla malga, si “incontra” il fieno in tutta la sua purezza. L’esperienza prevede che i “gli ospiti maschi” taglino il fieno, mentre le “signore” si rilassino in un tradizionale percorso kneipp e bagno di fieno direttamente sul posto.
P { margin-bottom: 0.21cm; }

È risaputo: studi scientifici dimostrano che i bagni di fieno stimolano il metabolismo e depurano l’organismo. L’esperienza è giocosa e emozionante: tagliare il fieno è un’arte e in poco tempo si apprende dai contadini come tenere la falce e falciare come si faceva una volta. E’ un ritorno alla tradizione, un riscoprire il rapporto uomo – natura.

Per tutti, alla fine della giornata dedicata al fieno, viene organizzato un pic-nic su un letto di fieno, con prodotti freschi del territorio, come yogurt, formaggi, salumi e pane fresco. Si rinnova la tradizione, quando i contadini, dopo il duro lavoro, pernottavano nel fienile e la mattina successiva si svegliavano pieni di energia e senza dolori. Nel pacchetto non può mancare il Kraxenofen, ovvero la gerla di fieno (con 40 specie di erbe, fiori e foglie che agiscono contro stress ed insonnia) nell’area benessere “Paravis” dell’hotel Tyrol: in coppia, ci si siede in una “gerla” dove il vapore riscalda il fieno in essa contenuto. Il vapore benefico apre i pori e prepara il corpo a ricevere un massaggio.
I benefici sono molteplici: dai reumatismi ai problemi articolari, il fieno regala sollievo e stimola la circolazione. Il fieno scelto per il Kraxenofen è caratterizzato da una particolare biodiversità di erbe e fiori con innumerevoli proprietà.
 Il pacchetto si chiama “Vivere 100 anni – speciale vacanza “super limited wellness & active”. Valido dal 22.07 al 29.07.2017 – 7 notti da € 1.700 a persona

Altri post di Piero Carlesi

15/05/2017 - 12:00
Seguendo i sentieri sulle montagne, non solo in Italia, ma in tutto il mondo, è molto facile imbattersi in speciali segnali che indicano la via giusta: i cosiddetti ometti di pietra. Si tratta, per chi non lo sapesse, di una serie di sassi, uno sopra l'altro, dal più grande, in basso, al più...
12/05/2017 - 10:30
In occasione della chiusura, ieri 11 maggio, della mostra Design for food con protagonista il Compasso d'Oro per il cibo, la sua cultura, i suoi oggetti, che è stata inaugurata lo scorso 5 maggio, Bosca, l'azienda vinicola di Canelli (/At) leader delle bollicine in tutto il mondo ha presentato lo "...
11/05/2017 - 11:15
Nasce da una tavola rotonda del Gruppo italiano scrittori di montagna (Gism) tenutasi la scorsa settimana a Trento in occasione del Trentofilmfestival l'appello a raccogliere i mozziconi di sigaretta sui sentieri. Lo ha lanciato chi scrive, già vicepresidente vicario del Gism, nell'ambito di una...
02/05/2017 - 11:45
Trento. Iniziato lo scorso 27 aprile con una serata di Reinhold Messner continua a macinare successo di critica e di pubblico anche la 65a edizione del Trentofilmfestival, dedicato al mondo della montagna a tutto campo. L'evento, nato nel 1952 per iniziativa del Comune di Trento e del Club alpino...
28/04/2017 - 11:00
Quand'ero ragazzo, ai primi di maggio, erano ancora di moda le narcisate sulle Prealpi lombarde. Ricordo le salite al Monte San Primo, al Bolettone, al Palanzone per ammirare (e raccogliere) un mare di fiori. Purtroppo si dovevano calpestare per procedere sui sentieri, tanti che erano. E poi il...