In viaggio con Gaia. La collina dei mille Buddha

Il Tibet è sempre descritto come una terra santa, il suo spirito, la sua storia, catturano il cuore dei viaggiatori. All'inizio di questa estate ho avuto l'opportunità di visitare Lhasa, in Tibet. La città sta cambiando rapidamente, mi hanno detto, la presenza cinese modifica la società, la cultura, le leggi del Paese. Ma alcuni luoghi di culto o di valore storico e culturale rimangono e sono oggetto di culto e di visita per migliaia di tibetani e di fedeli buddisti da tutto il mondo. Uno di questi è la collina dei mille Buddha (the Buddha Mountain), un templio importante del buddismo e della storia tibetana. La scultura è situata nella montagna di Yaowang (la parte settentrionale della collina di Chakpori) ad un'altitudine di 3.725 metri, vicino al palazzo Potala. Le incisioni policrome sono impressionanti. La zona è meno affollata del centro, ed è quindi più tranquilla e pacifica. La roccia è incisa con migliaia di statue del Buddha ed è un continuo passaggio di pellegrini religiose che vengono a rendere omaggio alle sculture di Buddha e ai ritratti sulla roccia.

Il mille Buddha sono antichissimi, secondo la tradizione hanno più di mille anni. Fedeli scultuori continuano a scalpire la roccia ritraendo immagini del Buddha. Quando un familiare passa a miglior vita (o si reincarna...), specialmente per i poveri, è costume per i credenti del buddismo tibetano acquistare vernici per rinnovare i ritratti scolpiti sulla collina. La tradizionale tradizione antica è ancora conservata ed è stata portata avanti fino ad oggi.

Sul sagrato antistante alla scultura, i credenti compiono riti di preghiera, che consistono in ripetizioni di prostrazioni e alzate, fino allo sfinimento. La roccia con cui è pavimentato il sagrato è levigata dal rituale dei fedeli.

Non tutti i tour includeranno una visita a questo luogo, quindi se vi recate a Lhasa, assicuratevi di poterlo visitare, tra l'altro la Yaowang Mountain è un buon posto per avere una vista panoramica su Lhasa.

Altri post di Jacopo Pasotti

15/09/2017 - 12:15
La novità è abbastanza breve, e aggiunge solo dei numeri a ciò che più o meno già sapevamo: i ghiacciai della catena Himalayana si stanno ritirando ad una velocità allarmante. I numeri sono questi: restando ad un livello di emissioni come quello odierno, il 65% è destinato a scomparire entro il...
12/07/2017 - 13:45
Talvolta le aspettative giocano strani scherzi. Viaggiando in Tibet, mi attendevo di incontrare fiumi limacciosi, montagne immense, elevate, ricoperte di nevi e ghiacciai (pur sapendo che è soprattutto il versante meridionale dell'Himalaya a essere coperto di neve), e ovviamente templi e monaci...
27/06/2017 - 09:00
In questo villaggio di circa duemila anime, Soredrano, i pescatori devono compiere tutti i giorni un tragitto di 4 chilometri per recupare l'acqua neccessaria per le proprie famiglie. La storia, completa, la abbiamo pubblicata su National Geographic. http://www.nationalgeographic.it/multimedia/2017...
16/06/2017 - 10:45
Si chiama Soredrano, è nel Madagascar meridionale, non lontano da Tolear (Toliara). Nel villaggio c'è un solo pozzo, di acqua salmastra. Poco utile, se non per lavare panni e stoviglie. Il villaggio, di 1650 anime, è fondato su una lingua di sabbia che si protende dalla costa verso l'esterno...
12/05/2017 - 10:30
Non potevo non condividere questo magnifico albero, che ho incontrato in un viaggio in Madagascar. Sono rimasto fermo mezz'ora almeno, a studiare queste screziature, il disegno che la esfoliazione della corteccia (credo, ma se siete esperti nel campo, ditemi) creava sul fusto dell'albero. La specie...