Ueli Steck: per non dimenticare l'alpinista più veloce al mondo

Alcuni anni fa al Trentofilmfestival ero rimasto impressionato nel vedere Swiss machine, un incredibile film sulle avventure alpinistiche in grande velocità dello svizzero Ueli Steck. Il documentario documentava (la ripetizione è proprio voluta!) le sue ascensioni da record nelle Alpi su vertiginose pareti fino all'incontro nella valle di Yosemithe con Alex Honnold, altro grandissimo campione dell'arrampicata in free solo, con il quale scala la parete del Capitan.
Da allora le imprese sempre più eclatanti di Steck si sono susseguite, come la parete nord dell'Eiger, numerose vette delle Alpi del Vallese e dell'Himalaya.
Poi purtroppo il 30 aprile 2017, durante una salita al Nuptse, all'età di 41 ann, il fuoriclasse che si stava allenando per compiere la traversata Everest-Lhotse, vola e muore. Non sappiamo esattamente come sia successo: un volo di mille metri a circa quota 7600. Un appoggio che ha ceduto? Un blocco di ghiaccio che si è staccato? Non lo sapremo mai...

Ora è uscito, per Corbaccio editore, nella storica collana Exploits, Il passo successivo, di Ueli Steck, in collaborazione con Karin Steinbach, un puntuale rendiconto delle imprese del grande campione, vincitore per due volte del Piolet d'or nel 2009 e 2014, dall'Everest all'Annupurna, dal Shisha Pangma a tutti gli 82 Quattromila delle Alpi saliti in 62 giorni grazie ai concatenamenti, fino al terribile Eiger, la cui salita lo impegna per sole 2 ore, ventidue minuti e cinquanta secondi. Un record difficilmente superabile! Fanno da contorno al testo una raccolta fotografica a colori che testimonia, solo in parte, l'eccezionale attività alpinistica del campione svizzero.

Il grande Reinhold Messner lo ha definito uno dei migliori scalatori di tutto il mondo negli ultimi 15 anni. “E sarà ricordato non solo come lo scalatore che è riuscito a salire la parete nord dell'Eiger in un tempo incredibilmente breve, ma anche come un alpinista creativo e originale per ascensioni che avrebbe voluto realizzare in futuro”.

Ueli Stech, con Karin Steinbach, Il passo successivo, Corbaccio editore, 224 pagine, 19,90 euro.

Altri post di Piero Carlesi

22/09/2017 - 12:30
Da mercoledì 27 a sabato 30 settembre, presso il Cine Teatro Arca di Milano, in zona 4, si terrà il MIMOFF, Milano Mountain Film Festival. Organizzato da Associazione Montagna Italia, in collaborazione con l’Associazione Edelweiss e il contributo del Municipio 4 di Milano, con il patrocinio del...
18/09/2017 - 15:00
Si terrà nella cittadina valdostana nel finesettimana del 23-24 settembre la 21° edizione della mostra mercato internazionale dei libri antichi di montagna. La rassegna si tiene nel salone Le Murasses, a 200 m dal casello di Verrès dell'autostrada della Valle d'Aosta. La formula è rigida, ma ha...
11/09/2017 - 11:30
Fausto De Stefani, Lorenzo Cremonesi ed Enrico Camanni saranno gli autori protagonisti dei tre incontri sulla letteratura di montagna che il Club alpino italiano organizza quest'anno al festival Pordenonelegge, in programma nella città friulana dal 13 al 17 settembre prossimi. Si inizia venerdì 15...
05/09/2017 - 11:15
Dal 5 al 14 agosto si è tenuta a Valtournenche e a Breuil-Cervinia la ventesima edizione del Cervino cinemountain festival. Non ne avevamo ancora dato conto e ora lo facciamo, anche se è passato quasi un mese. Il massimo premio è stato assegnato a Samuel in the clouds, di Pieter Van Eecke (Belgio...
04/09/2017 - 14:30
Si chiama Corto e Fieno il Festival del cinema rurale giunto all'ottava edizione che si tiene a Omegna e a Miasino, sul Lago d'Orta (Vb) dal 15 al 17 settembre. Il festival continua le sue esplorazioni e incursioni agricole e cinematografiche, tra film di animazione, finzione e documentari. I film...