Sul Lago d'Orta il festival del cinema rurale : 15, 16 e 17 settembre 2017

Si chiama Corto e Fieno il Festival del cinema rurale giunto all'ottava edizione che si tiene a Omegna e a Miasino, sul Lago d'Orta (Vb) dal 15 al 17 settembre. Il festival continua le sue esplorazioni e incursioni agricole e cinematografiche, tra film di animazione, finzione e documentari. I film arrivano da tanti Paesi diversi: dall’Afghanistan al Perù, passando per Russia, Messico, Madagascar, Colombia, Etiopia ed Europa (Italia, Francia, Norvegia, Svizzera, Serbia solo per citarne alcuni). Saranno 36 i titoli per una tre giorni dedicata a tradizioni e stravaganze rurali per offrire uno spaccato del mondo contemporaneo, in dialogo con la natura e la campagna, attraverso scelte di vita e azioni quotidiane di pura sopravvivenza.

Apre il festival il 15 settembre alle ore 21 una carrellata di cortometraggi al Cinema Sociale di Omegna, tra cui segnaliamo l’italiano Vacche ribelli, dedicato a una mandria di mucche che, agili come caprioli e tornate allo stato brado, continuano a vivere libere nei boschi di Mele e Masone, in provincia di Genova. Sabato 16 dal pomeriggio e domenica 17 per tutta la giornata, le proiezioni animeranno i vari spazi nei comuni coinvolti: si potranno così scoprire, tra i tanti titoli in programma, le tradizioni del popolo Guaraní in Brasile (Em busca da terra sem males); antiche leggende scandinave sulle anime (Sredi chernih voln - Among the Black Waves), la sorte di immigrati siriani in cerca di un futuro diverso nella campagna francese (Soury); gli ultimi testimoni di comunità agricole delle Marche (La terra dopo la terra); cooperative peruviane che contrastano con il proprio lavoro il narcotraffico (Tierra Virgen); una commedia brillante con una canzone dedicata al primo uomo nello spazio, nata da un’idea nel cuore della campagna serba (Ringo Rocket Star and his song for Yuri Gagarin); il taglio della legna nei mesi invernali su una ripida montagna sopra il lago di Ägeri, in Svizzera (Ins Holz - In the Woods); il duro lavoro del capo dei sub delle acque nere di Città del Messico (El Buzo - The Diver).

La giuria di Corto e Fieno premia a fine festival i primi classificati di ogni sezione in concorso con uno speciale “ruralès”. Consegna il Rastrello d’oro per Frutteto e lo Zappino d’oro, Premio Speciale della Giuria dedicato a Maria Adriana Prolo, nata a Romagnano Sesia e fondatrice del Museo Nazionale del Cinema di Torino. Il pubblico del festival, la giuria popolare, consegna la Vanga d’oro. I più piccoli l'Innaffiatoio d’oro per Germogli.

Tutte le proiezioni di Corto e Fieno sono a ingresso libero.

Info: cortoefieno.it

Altri post di Piero Carlesi

10/01/2018 - 13:45
Anche questa 2a edizione di NATURÆ vuole essere un’occasione speciale per riflettere sul tema del rapporto fra uomo e natura, prendendone in esame diversi aspetti. Dall’emozione avventurosa, al valore della conoscenza e della salvaguardia ambientale. Aspetti diversi ma riconducibili tutti ad un...
22/12/2017 - 14:15
Si, si, oggi è solo il 22 di dicembre, ma sta per arrivare il Natale e tutte le feste dopo. Saremo travolti fino al 6 gennaio. Solo l'8 si riprenderà a pieno ritmo (in realtà noi della redazione Tci anche ben prima...). Quindi.. non sembri fuori luogo un annuncio per il 18 gennaio... è già dietro l...
04/12/2017 - 15:00
In occasione della Giornata Internazionale delle Montagne, lunedì 11 e martedì 12 dicembre all'Università statale di Milano si parlerà di ricerca, innovazione, reti e coinvolgimento dei giovani per lo sviluppo dei territori montani. Lunedì 11 dicembre, a partire dalle 11, cento studenti e i...
01/12/2017 - 13:15
È nata il 25 novembre 2017, a Monaco di Baviera, alla presenza di 24 associazioni alpinistiche rappresentanti di altrettanti paesi europei l’EUMA, European Union Mountaineering Association. Un importante traguardo al quale il Club Alpino Italiano stava lavorando da tempo. Scopo dell'EUMA sarà...
30/11/2017 - 11:30
Sabato 2 dicembre alle ore 16,30 al Museo Nazionale della Montagna, Sala degli Stemmi, a Torino nell'ambito degli appuntamenti autunnali di Leggere le Montagne si terrà un pomeriggio dedicato a Giorgio Bertone, uno dei più forti alpinisti italiani, scomparso quarantanni fa. Saranno presenti Roberto...