Viaggiare per gioco. La casa che avete sempre sognato

La Rotonda è probabilmente la più famosa villa del Palladio - nonché modello per la Casa Bianca a Washington D.C.– . Pochi sanno che è privata e quindi visibile solo all’esterno, a differenza di altri capolavori di Andrea di Pietro detto Palladio a Vicenza e dintorni. Gli interessati possono rivolgersi al consorzio turistico Vicenzaè oppure all’associazione Ville venete che riunisce oltre 4.000 ville realizzate in Veneto fra il Quattrocento e il Settecento, tra cui quella del Palladio.

Oggi sono gli arredatori e i designer a fare una casa, più degli architetti: gli interni sono diventati importanti quanto e più degli esterni. Arredare casa è anche il tema di un rceentissimo gioco da tavolo, La Casa dei Sogni del polacco Klemens Kalicki, pubblicato da Rebel e in Italia da Asmodee (2-4 giocatori, durata 40 minuti, prezzo 29,90 euro).
Ne La Casa dei Sogni, i giocatori sono chiamati a realizzare una villetta a due piani, scegliendo posizione e dimensione delle varie stanze, arredandole internamente per renderle più belle e più fruttuose in termini di punteggio, escegliere anche il tetto ideale. Ma andiamo con ordine.

Il gioco si sviluppa su 12 turni ed è quindi piuttosto rapido (meno di mezz’ora in due), nell’arco dei quali i giocatori acquisiscono da un display comune coppie di carte per la propria casa. Una carta sarà sempre una stanza (cucina, salotto, camera da letto…), l’altra può essere un elemento del tetto, un oggetto di arredamento interno oppure un bonus di costruzione, dall’operaio specializzato all’impalcatura.
L’ordine di gioco può essere cambiato scegliendo di diventare primi nel turno successivo, ma così facendo si acquisisce una sola carta anziché due. Però si avrà priorità di scelta nel turno seguente, e finché qualcun altro non sceglierà di diventare primo giocatore a sua volta.
Rispettare alcuni requisiti, come la presenza di un bagno per piano (i piani sono due), permette di fare punti extra.

Le illustrazioni sono molto piacevoli, i materiali di qualità, il regolamento è uno dei migliori che abbia avuto modo di leggere: chiaro, preciso, ricco di esempi. Anche se non avete mai preso in mano un gioco da tavolo, vi permetterà di destreggiarvi senza alcuna difficoltà - peraltro il gioco, come dicevamo, non è complesso e l’ambientazione è quanto di più immediato ci sia.

La Casa dei Sogni è un titolo davvero per tutti, in grado di coinvolgere anche i nonni, e che strizza l’occhio a un pubblico femminile fin dalla scatola, anche se poi il gioco è assolutamente… unisex. Seppur breve non è un gioco particolarmente punitivo sugli errori e in genere la forbice di punti fra primo e ultimo è molto bassa. Abilità e fortuna sono ben bilanciate, anche se fra giocatori con una certa esperienza potrebbe subentrare la fortuna di una mano favorevole quando si è primi di turno.

Nel complesso è un titolo che ho particolarmente apprezzato, meritatamente in nomination per il Gioco dell’ Anno 2017 (comunicheremo il vincitore il 26 settembre, stay tuned).

 

Agli amanti delle ville e delle architetture private, segnalo anche Ville aperte in Brianza che dal 16 settembre al 1° ottobre apre le porte di ville e giardini di Monza e di altre località della Lombardia che spesso nascondono palazzi e ville di rara bellezza.
Anche questo è Viaggiare per gioco.

 

Altri post di Luca "sulfureo" Bonora

24/11/2017 - 17:00
Di solito ospita autorevoli compagni, simposi importanti, incontri internazionali. Dal 7 dicembre 2017 al 14 gennaio 2018, invece, Palazzo Giureconsulti a Milano (in piazza Mercanti 2), accanto al Duomo, ospiterà una intera città. Realizzata con oltre 7 milioni di mattoncini di Lego. Più di 6000...
20/10/2017 - 15:00
Quando visitai il Quebec, alcuni anni fa, al seguito di Donnavventura, ebbi la fortuna di ammirare lo straordinario spettacolo delle foreste d’acero in ottobre. Migliaia di piante le cui foglie andavano dal giallo acceso al rosso brunito, in un tripudio di sfumature. Un incendio senza fuoco, uno...
09/10/2017 - 15:15
Visitiamo una misteriosa Piramide, nella Valle dei Re, durante una vacanza in Egitto. Curiosità, spirito di avventura, un pizzico di imprudenza e restiamo separati dal resto del gruppo. Finiamo in una stanza che ha tutta l'aria di essere una camera sepolcrale. La porta alle nostre spalle si chiude...
08/08/2017 - 11:45
Veloci da imparare, divertenti e soprattutto poco ingombranti, così potete portarli dappertutto e… giocarli dappertutto, anche in treno e in spiaggia, basta un piano d'appoggio minimo. Ecco come abbiamo scelto i 10 GIOCHI PER L'ESTATE 2017. Tutti grandi al massimo quanto un libro, e piccoli anche...
14/07/2017 - 12:15
Quest’anno la competizione per il Gioco dell’Anno mi piace meno: pochi, pochissimi i titoli con una forte componente geografica. In compenso devo registrare una interessantissima novità: la nascita della versione da tavolo delle escape room, di cui più volte abbiamo scritto. E' curioso: l’escape...