Muoversi. Good job, mr. Witt

Ricorrono oggi i 90 anni della prima corsa di un mezzo che è ormai un’icona della mobilità italiana, sebbene sopravvissuto in forze solo a Milano: il tram a carrelli. È infatti dal 20 novembre 1927 che i tram della serie 1500 circolano nella città lombarda. Prima della seconda guerra mondiale ne furono messi in servizio 500, oggi ne circolano ancora 125 e nessuno ipotizza di pensionarli.

Icona di Milano
Le “carrelli” o “28” (da 1928, l’anno in cui cominciarono effettivamente a essere usate) sono ormai, dopo il Duomo, il soggetto preferito per i selfie dai turisti stranieri che rischiano l’investimento – tipicamente in piazza della Scala – per immortalarsi con alle spalle una di queste vetture. E vanno in estasi nello scoprire che ancora oggi gli interni sono di legno (vero!) e le plafoniere di vetro. Solo i comandi di guida, per fortuna, sono stati adeguati agli standard di sicurezza d’oggi.

Un gioiello di tecnologia
Pochi, però, sanno che questi straordinari – in primis per solidità – mezzi pubblici si devono a un ingegnere di Cleveland, Peter Witt, che nel 1911-15 fu responsabile della rete dei mezzi pubblici della città americana. E che ideò lo schema di queste vetture, straordinariamente maneggevoli e felicemente organizzate: due sole porte con predelle ribaltabili, azionate dal sistema pneumatico; davanti un settore con panche longitudinali per i brevi percorsi, dietro un settore con sedili trasversali per chi faceva tratti più lunghi.

Idea di successo
I tram a carrelli Peter Witt, riconoscibili per la carrozzeria “chiodata”, trovarono rapidamente impiego in una ventina di grandi città statunitensi, da Baltimora a Saint Louis, in Europa a Madrid e Milano (poi anche a Torino, Roma e Napoli). Il senso pratico dei milanesi, però, rapidamente portò alla modifica del settore posteriore: aggiunta una terza porta in coda, quello che era nato come “salottino fumatori” divenne un secondo spazio a panche longitudinali e ben presto si trovò la soluzione vincente. Ovvero salita anteriore per gli abbonati, controllati “a vista” dal manovratore; dietro invece i passeggeri che avrebbero acquistato il biglietto dall’addetto, posto tra loro e la porta centrale di discesa.

Il futuro?
Guai a chi tocca le “carrelli” ai milanesi. Il cielo della città risuona ancora degli insulti ai pubblici amministratori che accompagnarono un decennio fa la vendita all’asta di una decina di vetture. E il paradosso è che, tra i passeggeri più affezionati, ci sono proprio quegli anziani che più fanno fatica a inerpicarsi su queste vetture: le nuove tecnologie tentano di mitigarne rumorosità e scossoni, ma nulla possono contro i due gradini che bisogna superare per salirvi.

 

Altri post di Renato Scialpi

13/09/2017 - 17:45
Può sembrare un cavillo per appassionati di legal thriller. O civilisti agguerriti. In realtà si tratta di un passo avanti molto importante per la sicurezza stradale. Per la seconda volta in meno di due mesi, infatti, la Corte di Cassazione, ha sancito che l’utilizzo di una calamita (o altro...
31/08/2017 - 00:30
Prima di tutto un coming out: sono da anni utente di Bikemi, il primo bike sharing di Milano, e ho un discreto curriculum con oltre 2400 utilizzi per poco più di 500 ore nel giro di cinque anni. Quindi non sono né un recensore sprovveduto del nuovo sistema Mobike, di origine cinese, né però un...
24/08/2017 - 10:45
Nel gennaio 2013 l’amministratore delegato delle ferrovie belghe Sncb bollò pubblicamente come “allucinanti” i problemi tecnici (guasti, fermo treno, impianti bloccati) riscontrati sui treni ad alta velocità Fyra V250 appena consegnati da AnsaldoBreda. E di lì a pochi giorni i 19 convogli nuovi di...
12/07/2017 - 17:15
Duemilaquattrocentodiciannove veicoli sequestrati, 12 persone arrestate, 45 denunciate. Può sembrare la solita notizia di cronaca nera, infilata nei telegiornali per rimpinguare notiziari poveri di novità, visto l’avvicinarsi delle ferie. Non è così. I 2419 veicoli sono “finiti nella rete” tesa...
22/06/2017 - 17:15
Domenica 25 giugno l’associazione milanese Retake porterà, per la seconda volta nel giro di poche settimane, un gruppo di cittadini volontari a ripulire i muri del terminal bus internazionale di Milano Lampugnano dalle innumerevoli scritte che lo “decorano”. Sia ben chiaro, nulla contro la street...