In viaggio con Gaia. Capodanno in Museo a Londra?

Sarebbe senz'altro un Primo dell'Anno particolare. E sarebbe senz'altro un Capodanno che non si dimentica, quello passato al Natural History Museum di Londra. L'invito c'è, ed è esplicito: Capodanno Sottomarino al museo. Se quindi siete in cerca di qualcosa di nuovo, mirabolante, e magari anche un pizzico educativo, c'è Londra con il suo museo.

Uno dei musei di storia naturale più importanti al mondo, nelle cui sale rieccheggiano i passi di Darwin, Wallace, Huxley ed altri studiosi storici del mondo naturale. Ricco di ben 80 milioni di oggetti. Non ci sono solo oggetti inanimati, con una troppo lunga e troppo piccola didascalia troppo complicata in una sala troppo piena di, appunto, oggetti da museo, ma piuttosto una alternanza vivace tra elementi, aree, oggetti interattivi e creativi, e teche dall'aroma di antico.

All'ingresso, nella Hall principale, verrete accolti da una solenne statua di Darwin, che vi scruta pacamente, da sotto il ventre di un grande scheletro di balenottera. Mentre se sceglierete di entrare dall'ingresso secondario, vi troverete di fronte ad una gigantesca scultura illuminata da luci policrome, che vi inviterà a penetrare fin nel cuore del Pianeta Terra.

In questo periodo poi c'è la bellissima mostra fotografica Wildlife Photography of The Year: le 100 migliori immagini di natura selezionate tra 50000 foto inviate da fotografi da tutto il mondo. C'è poi il Cocoon, una struttura architettonicamente azzardata, a forma ovale, dove i visitatori possono vedere il "dietro le quinte" dei laboratori di conservazione del Museo, e parlare con i conservatori. 

Prima di entrare nel Museo, di esplorare il calduccio dei vari Shop o gustare il T.Rex Grill potreste però voler volteggiare nella patinoire all'esterno dell'antico palazzo del Museo. L'atmosfera natalizia da megalopoli moderna ma nostalgica è garantita.

Altri post di Jacopo Pasotti

Ritratto di jacopolist
29/05/2019 - 12:15
Si dice che in certi casi il viaggio è una neccessità. Ed è anche la base di ogni narrazione fantasiosa che parla di un viaggio. Questa è la storia, e non è fantasiosa, di Naseem che fin dalla sua adozione ha coltivato la curiosità e il desiderio farsi catturare dalle proprie radici, che da Firenze...
Ritratto di jacopolist
06/05/2019 - 13:00
Eccomi di fronte al monumento alla geologia, un monumento un po' funereo, devo dire. Nera e lucida roccia, come la pelle di una foca appena uscita dall'acqua, ma dura come solo la roccia può essere. Qui è dove il continente eurasiatico e il cosiddetto sub-continente indiano si incontrano. O, per...
Ritratto di jacopolist
09/12/2018 - 09:00
Giassudin Saddar è un contadino. Vive nel villaggio di Mugarjo, nel distretto di Pirjopur nel sud del Bangladesh. È un territorio in continua trasformazione il suo. È a poche decine di chilometri dall’oceano, ma non lo si sente e non lo si vede. Però si sentono e si vedono le maree che alzano e...
Ritratto di jacopolist
19/10/2018 - 16:30
Io capisco i confini geografici. Un fiume è un confine geografico. Un monte può esserlo. Un mare, o un lago possono esserlo. Confini, il più delle volte, sormontabili, in un modo o nell'altro. La storia umana è un racconto in movimento. Un movimento di comunità, intente a superare un confine dopo l...
Ritratto di jacopolist
07/08/2018 - 17:00
I più lo osservano dalla statale, la nota Orientale Sarda, la SS 125. Dalla Cantoniera Bidicolai il canyon di Gorropu appare in tutta la sua imponenza: una porta, no, meglio, uno squarcio nel calcare grigio-ocra-arancione del Supramonte, tra Orgoloso e Urzulei. Ma io mi ci sono voluto addentrare,...