In viaggio con Gaia. Capodanno in Museo a Londra?

Sarebbe senz'altro un Primo dell'Anno particolare. E sarebbe senz'altro un Capodanno che non si dimentica, quello passato al Natural History Museum di Londra. L'invito c'è, ed è esplicito: Capodanno Sottomarino al museo. Se quindi siete in cerca di qualcosa di nuovo, mirabolante, e magari anche un pizzico educativo, c'è Londra con il suo museo.

Uno dei musei di storia naturale più importanti al mondo, nelle cui sale rieccheggiano i passi di Darwin, Wallace, Huxley ed altri studiosi storici del mondo naturale. Ricco di ben 80 milioni di oggetti. Non ci sono solo oggetti inanimati, con una troppo lunga e troppo piccola didascalia troppo complicata in una sala troppo piena di, appunto, oggetti da museo, ma piuttosto una alternanza vivace tra elementi, aree, oggetti interattivi e creativi, e teche dall'aroma di antico.

All'ingresso, nella Hall principale, verrete accolti da una solenne statua di Darwin, che vi scruta pacamente, da sotto il ventre di un grande scheletro di balenottera. Mentre se sceglierete di entrare dall'ingresso secondario, vi troverete di fronte ad una gigantesca scultura illuminata da luci policrome, che vi inviterà a penetrare fin nel cuore del Pianeta Terra.

In questo periodo poi c'è la bellissima mostra fotografica Wildlife Photography of The Year: le 100 migliori immagini di natura selezionate tra 50000 foto inviate da fotografi da tutto il mondo. C'è poi il Cocoon, una struttura architettonicamente azzardata, a forma ovale, dove i visitatori possono vedere il "dietro le quinte" dei laboratori di conservazione del Museo, e parlare con i conservatori. 

Prima di entrare nel Museo, di esplorare il calduccio dei vari Shop o gustare il T.Rex Grill potreste però voler volteggiare nella patinoire all'esterno dell'antico palazzo del Museo. L'atmosfera natalizia da megalopoli moderna ma nostalgica è garantita.

Altri post di Jacopo Pasotti

Ritratto di jacopolist
19/10/2018 - 16:30
Io capisco i confini geografici. Un fiume è un confine geografico. Un monte può esserlo. Un mare, o un lago possono esserlo. Confini, il più delle volte, sormontabili, in un modo o nell'altro. La storia umana è un racconto in movimento. Un movimento di comunità, intente a superare un confine dopo l...
Ritratto di jacopolist
07/08/2018 - 17:00
I più lo osservano dalla statale, la nota Orientale Sarda, la SS 125. Dalla Cantoniera Bidicolai il canyon di Gorropu appare in tutta la sua imponenza: una porta, no, meglio, uno squarcio nel calcare grigio-ocra-arancione del Supramonte, tra Orgoloso e Urzulei. Ma io mi ci sono voluto addentrare,...
Ritratto di jacopolist
08/03/2018 - 11:45
Mi sono capitati due libri fuori dal comune. Due proposte di viaggio, anzi di esplorazione dell'isola. Due guide, se volete. Ve le segnalo perché se, come me, siete appassionati di quella macchia di basalto e ghiaccio che nei planisferi è piazzata a metà strada tra il continente euroasiatico e la...
Ritratto di jacopolist
03/11/2017 - 10:45
Ecco in un bellissimo video, come l'astronauta italiano Paolo Nespoli vede lo stivale dalla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), in missione per il progetto VITA. La ripresa è stata effettuata in Agosto (2017). Non servono molte parole, buon sorvolo. Qui il video.  
Ritratto di jacopolist
13/10/2017 - 13:30
In questi giorni è stata inaugurata una mostra fotografica che presenta immagini mie e di altri fotografi sul tema del cambiamento climatico, della sostenibilità, e della ricerca. La mostra è stata organizzata dal Venice Climate Lab, una organizzazione di giovani ricercatori che presentano al...