In viaggio con Gaia. Capodanno in Museo a Londra?

Sarebbe senz'altro un Primo dell'Anno particolare. E sarebbe senz'altro un Capodanno che non si dimentica, quello passato al Natural History Museum di Londra. L'invito c'è, ed è esplicito: Capodanno Sottomarino al museo. Se quindi siete in cerca di qualcosa di nuovo, mirabolante, e magari anche un pizzico educativo, c'è Londra con il suo museo.

Uno dei musei di storia naturale più importanti al mondo, nelle cui sale rieccheggiano i passi di Darwin, Wallace, Huxley ed altri studiosi storici del mondo naturale. Ricco di ben 80 milioni di oggetti. Non ci sono solo oggetti inanimati, con una troppo lunga e troppo piccola didascalia troppo complicata in una sala troppo piena di, appunto, oggetti da museo, ma piuttosto una alternanza vivace tra elementi, aree, oggetti interattivi e creativi, e teche dall'aroma di antico.

All'ingresso, nella Hall principale, verrete accolti da una solenne statua di Darwin, che vi scruta pacamente, da sotto il ventre di un grande scheletro di balenottera. Mentre se sceglierete di entrare dall'ingresso secondario, vi troverete di fronte ad una gigantesca scultura illuminata da luci policrome, che vi inviterà a penetrare fin nel cuore del Pianeta Terra.

In questo periodo poi c'è la bellissima mostra fotografica Wildlife Photography of The Year: le 100 migliori immagini di natura selezionate tra 50000 foto inviate da fotografi da tutto il mondo. C'è poi il Cocoon, una struttura architettonicamente azzardata, a forma ovale, dove i visitatori possono vedere il "dietro le quinte" dei laboratori di conservazione del Museo, e parlare con i conservatori. 

Prima di entrare nel Museo, di esplorare il calduccio dei vari Shop o gustare il T.Rex Grill potreste però voler volteggiare nella patinoire all'esterno dell'antico palazzo del Museo. L'atmosfera natalizia da megalopoli moderna ma nostalgica è garantita.

Altri post di Jacopo Pasotti

Ritratto di jacopolist
15/06/2022 - 18:45
Si può riuscire a conservare un'atmosfera di altri tempi in una regione turistica, trafficata, nel cuore delle Alpi svizzere? Certamente si, e del resto basta spostarsi dalle mete più gettonate dal grosso pubblico, per calarsi in un'ambiente da lume di candela e vecchie lampade a paraffina, una...
Ritratto di jacopolist
19/05/2022 - 13:30
Il grande deserto del nord o "Norte Grande", che copre un quarto del territorio cileno, è una delle aree più aride e brulle della Terra. Tutta questa regione, che si estende tra Tarapaca e Antofagasta fu incorporata al paese in seguito alla Guerra del Pacifico (1879-83) contro la Bolivia e il Perù...
Ritratto di jacopolist
26/12/2021 - 15:30
Come ho potuto scrivere nel mio post precedente, a Bergen, Norvegia, c'è ben di più da visitare oltre al centro storico della città. E se uno desidera conoscere la storia intima del Paese, non può mancare il Museo norvegese della pesca. Perché, tolte le risorse petrolifere, l'economia centrale...
Ritratto di jacopolist
17/11/2021 - 15:15
Condivido qualche immagine di Longyearbyen, il maggiore insediamento umano alle isole Svalbard, Norvegia. Siamo a 78 gradi di latitudine  - il Polo Nord non è poi così lontano. Qui ho avuto la possibilità di partecipare ad una salita fino ai plateau antichi, segnati dai ghiacciai, e composti di...
Ritratto di jacopolist
08/11/2021 - 13:30
Quando gli opuscoli dell'ente del turismo ti promettono un tuffo nel passato e mantengono la promessa, ti senti veramente coccolato. Così è stato per Gamle Bergen, il villaggio-museo ad un paio di fermate di autobus da Bergen. Gamle Bergen è il termine norvegese per Old Bergen. La parte principale...