CHIKUSENSO: LE TERME SOTTO IL VULCANO

Sendai. Erano trent'anni che non rimettevo piede nella città fondata da Date Masamune, il leggendario samurai monocolo, nel 1600, oggi capitale della regione del Tohoku, trecento chilometri a nord di Tokyo. Sendai, anche se la mia visita è stata rapida non mi è parsa molto cambiata dall`ultima volta: è sempre la stessa, indistinguibile da tuttele le altre città giapponesi che si sdipanano attorno alle stazioni dei treni veloci con il loro corredo di centri commerciali, grandi magazzini, supermercati alimentari, caffè, fastfood chioschi di giornali e bibite. Più o meno prospere, ma tutte perfettamente in ordine, pulite, educatamente animate da gente indaffarata e benvestita,gli edifici dall`architettura qualsiasi, dai colori beigeastri, uniformi e noiosi.

Sendai ha oltre un milione di abitanti ed è sede di una delle più rinomate università del Paese (la prima ad aprire alle donne nel 1913!) specie per le facoltà scientifiche. Duramente bombardata durante la guerra in quanto importante obiettivo militare e sede della  Seconda divisione di fanteria, la Sendai, distintasi in molte campagne ed in particolare in quella per la difesa di Guadalcanal, la citta è oggi sede della prefettura di Miyagi dove ero diretto per un fine settimana di cure termali e gastronomiche.

Destinazione: Terme di Togatta (ovvero Togatta Onsen, mezz'ora d`auto da Sendai) a ridosso dei monti (vulcani) Zao. La zona termale oggi parte di un vasto un parco naturale è conosciuta da secoli, sin dall`inizio dell`epoca Edo per le qualità terapeutiche delle acque sulfuree che vi sgorgano.

Curiosità: le bambole Kokeshi, un prodotto dell`artigianato del Giappone note in tutto il mondo, furono “inventate” in questa zona e sono le antesignane degli odierni souvenir di viaggio: venivano infatti acquistate dai turisti d`antan per portare a casa un ricordo della loro escursione.

A Togatta, dicevo, ho trascorso un breve soggiorno ospite di una dei più rinomati resort della zona il Chikusenso, nomepoetico che può essere tradotto come ”la casa della fonte tra i bambu”.

Il Chikusenso-Mt Zao Onsen Resort&Spa è una via di mezzo tra la locanda tradizionale giapponese, il ryokan e l`hotel a cinque stelle. È noto per aver ospitato in tempi successivi gli ultimi due imperatori ed èoggi parte di un gruppo internazionale di alberghi di lusso. E`stato in anni recentissimi ridisegnato dal celebre architetto Yukyo Hashimoto che ha dato un`interpretazione moderna (e lussuosa) allo stile campagnolo del ryokan storico. Ha trenta stanze, saloni arredati con ricercatezza, una galleria d’arte ed è circondato da un parco di sette ettari. Ci si aggira (se si vuole) vestiti alla giapponese con yukata e sandali.

 

La cucina, raffinatissima è rigorosamente kaiseki cioè l’equivalente dell`alta cucina francese (oggi sarebbe meglio dire occidentale) con piatti, ingredienti, stoviglie  scelti secondo criteri dettati dai prodotti stagionali e dallo stile dello chef. È un modo di mangiare che trae origine dalla cultura zen,dalla cerimonia del te e dai banchetti aristocratici del passato, complesso, graziato di sapori insoliti, tenui e dall’impeccabile presentazione delle vivande. Insomma, una cosa da provare, ma non proprio tutti i giorni. Le vasche per il bagno comune (con separazione dei sessi) sono immerse in un giardino giapponese e alcune stanze dispongono di un piccolo onsen privato.

In questa stagione invernale gli ospiti più dinamici possono sciare tra un bagno e l`altro sulle piacevoli e non difficili piste della funicolare di Eboshi (1350 m) che dista un quarto d`ora di macchina. Oppure visitare il ” Villaggio delle volpi” nella vicina Shiroishi. Il villaggio è una specie di zoo privato che raccoglie un oltre un centinaio di volpi di sei diversi tipi. È uno strano posto gestito da un eccentrico signore che da giovane faceva il commerciante di pellicce. Le volpi che ho visto non mi sono sembrati animali simpatici. Ogni tanto, mi hanno raccontato, qualche incauto visitarore prova ad accarezzarne una e viene regolaramnente morso. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altri post di Leo Grigliè

Ritratto di lgriglie
18/04/2018 - 14:00
  Tokyo. Avevo una gran voglia di cambiare aria e durante la settimana di Pasqua sono stato a trovare un mio giovane amico, Martino Cappai, nel suo nuovo buen retiro di Yakushima. È una piccola isola, appena sotto il Kyushu, un posto davvero straordinario.    Un castello turrito e galleggiante, si...
Ritratto di lgriglie
18/12/2017 - 10:15
Tokyo. Leggevo su un giornale qualche giorno fa, che in Francia, a Poitiers (città peraltro famosa grazie a Carlo Martello e alla sua vittoriosa battaglia contro i mori) gli organizzatori della tradizionale fiera di Natale, ”Le marché du Noel”, hanno deciso, per essere meno confessionali e suppongo...
Ritratto di lgriglie
25/08/2017 - 13:00
Tokyo.Il nostro Ferragosto corrisponde, in Giappone, all'Obon una  festa, confuciano-buddista, molto importante nel calendario annuale, dedicata ai defunti. Le famiglie, almeno quelle più tradizionali, si riuniscono nelle terre d'origine sulle tombe degli antenati e ne prendono cura nettandole...
Ritratto di lgriglie
16/06/2017 - 13:00
Tokyo. Suona come un luogo comune e forse lo è: gli italiani vivono nelle più belle città del mondo. Questo spiega perchè, quando vengono da turisti in Giappone, siano spesso colpiti dalla generale bruttezza e monotonia dei centri abitati. Ovviamente ci sono eccezioni in certe aree delle grandi...
Ritratto di lgriglie
23/02/2017 - 12:00
Non mi sarebbe mai venuto in mente di fare una gita nella sonnacchiosa Odawara a un`oretta di treno da Tokyo:la fermata subito prima dell` assai piu`mondana Hakone. L`insistenza,gentile, di una giovane amica,Mitsu,che ha curato, di recente, l`allestimento di un  museo nella cittadella del castello...