In viaggio con Gaia. L'Islanda come non la avete mai vista

Mi sono capitati due libri fuori dal comune. Due proposte di viaggio, anzi di esplorazione dell'isola. Due guide, se volete. Ve le segnalo perché se, come me, siete appassionati di quella macchia di basalto e ghiaccio che nei planisferi è piazzata a metà strada tra il continente euroasiatico e la Groenlandia, potrebbero offrirvi una prospettiva diversa da quelle offerte dalle guide convinezionali.

Certo, dovrete essere affascinati o dal mondo onirico, mitologico, e spirituale, oppure da quello concreto delle rocce, dei percorsi naturalistici in paesaggi in cui raramente pensereste di addentrarvi senza un accompagnatore esperto del luogo. Due modi apparentemente diversi di affrontare il viaggio, la scoperta, penseranno molti di voi. Se glielo si consente però, il sogno e il concreto si complementano a vicenda. Almeno in Islanda.

Gli altipiani di polveri e ceneri vulcaniche, così come le coste popolate dai Puffin del'Islanda sono il luogo ideale per permettere alla favola ed alla roccia di ispirare qualunque mente, da quella più concreta a quella più sognatrice.

La prima è edita da Iperborea e ha invaso alcune librerie per diverse settimane. Sto parlando dell'Atlante Leggendario delle Strade d'Islanda (Iperborea, 2017). Qui viaggerete tra credenze centenarie, incontrerete la trollessa notturna del lago di Myvatn, sarete tentati di appropriarvi del leggendario baule d'oro nascosto sotto la cascata di Skógafoss, mentre intorno a Geysir scoprirete una misteriosa tomba di epoca pagana dove riposa, forse, il gigante Bergtór.

La seconda guida vi riporterà in terra, sulla dura, calda terra d'Islanda, ribollente di lave, fumante, ma allo stesso tempo ricoperta di spessi muschi e gelidi calotte glaciali. La guida è il risultato di un lungo decennio di esplorazioni del geologo Marco Montecroci e dello storico Christian Roccati, che da anni accompagnano turisti in ogni angolo dell'isola. Islanda Segreta (il Geko, 2017) vi porterà fuori dagli itinerari comuni, vi condurrà in valli isolate, lungo creste battute dal vento, ma soprattutto vi mostrerà, spiegandole con cura perché e dove state camminando lungo una dorsale oceanica, l'origine delle acque termali di Landmannalaugar, i segreti del vulcano di Snaefells (quello in cui ebbe inizio il Viaggio al Centro della Terra di Jules Vernes, per intenderci).

Con queste due guide, garantisco, lascerete l'Isola con la sola speranza di poterci tornare. Il prima possibile.

Altri post di Jacopo Pasotti

Ritratto di jacopolist
15/08/2019 - 09:30
Ce lo aspettavamo da tempo, ora è un dato certo: anche l'Artico è contaminato dalle nostre plastiche. Le microplastiche inquinano l'acqua dal rubinetto di casa nostra fino alle profondità il mare. La novità è che ora gli scienziati hanno trovato concentrazioni di plastica nella banchisa dello...
Ritratto di jacopolist
01/08/2019 - 14:30
Sono passati 65 anni da quando, il 31 luglio 1954, Lino Lacedelli e Achille Compagnoni piantarono la piccozza nella neve crostosa che copre la vetta del K2, che con i suoi 8611 è il secondo Ottomila della Terra. Un grande risultato per l'alpinismo italiano, voluto, sostenuto, e organizzato da...
Ritratto di jacopolist
29/05/2019 - 12:15
Si dice che in certi casi il viaggio è una neccessità. Ed è anche la base di ogni narrazione fantasiosa che parla di un viaggio. Questa è la storia, e non è fantasiosa, di Naseem che fin dalla sua adozione ha coltivato la curiosità e il desiderio farsi catturare dalle proprie radici, che da Firenze...
Ritratto di jacopolist
06/05/2019 - 13:00
Eccomi di fronte al monumento alla geologia, un monumento un po' funereo, devo dire. Nera e lucida roccia, come la pelle di una foca appena uscita dall'acqua, ma dura come solo la roccia può essere. Qui è dove il continente eurasiatico e il cosiddetto sub-continente indiano si incontrano. O, per...
Ritratto di jacopolist
09/12/2018 - 09:00
Giassudin Saddar è un contadino. Vive nel villaggio di Mugarjo, nel distretto di Pirjopur nel sud del Bangladesh. È un territorio in continua trasformazione il suo. È a poche decine di chilometri dall’oceano, ma non lo si sente e non lo si vede. Però si sentono e si vedono le maree che alzano e...