Viaggiare per gioco. I Candidati al Gioco dell'Anno 2018

Il 31 maggio si sono chiuse le iscrizioni al Gioco dell’Anno 2018, il più importante premio in Italia dedicato ai giochi da tavolo. Sarà la sesta edizione, la più ricca di sempre (41 giochi iscritti per 20 case editrici, entrambi record). Ci aspetta - a me e agli altri giurati - un’estate caldissima per testare tutti i partecipanti e scegliere i 5 finalisti.
In realtà un buon 30% dei giochi ho già avuto modo di provarli grazie ad anteprime, fiere, amici reduci da Essen, ma verranno comunque ritestati e soprattutto guarderò, guarderemo con particolare attenzione i regolamenti. In un anno che promette molto bene come qualità dei giochi e come design estetico, credo sia fondamentale essere severi sulle rules. Ricordiamoci che stiamo scegliendo giochi da proporre a un pubblico di neofiti, quindi sono necessari regolamenti snelli, chiari, ben illustrati e soprattutto ben tradotti, nel caso di localizzazioni. L’esperienza ci insegna che su questo settore c’è ancora da lavorare e che l’importanza del regolamento è sottovalutata.

L’estate di Viaggiare per gioco sarà anche ricca, perché mai come quest’anno troviamo titoli legati a luoghi, destinazioni, culture del mondo, perfino gare sportive e architetture tradizionali. Ecco, per me sarà un elemento discriminatorio importante perchè oltre la qualità dei materiali, un sistema di gioco immediato ma profondo, la piacevolezza – ovvero quella caratteristica indefinibile che appena finisce una partita ti fa dire "facciamone un'altra" –, ecco, se un gioco sa creare suggestioni di viaggio e sa incuriosire verso un luogo o una cultura, per me ha una marcia in più.
Sono una decina i titoli con queste caratteristiche: avrò modo di raccontarveli uno per uno nelle prossime settimane, per il momento mi limito a citarli, indicando per ognuno di essi il luogo di riferimento.

Due giochi sono legati all’Italia: Barkolana, che ci porta a rivivere la spettacolare regata velistica di Trieste, e Fuorisalone, un viaggio nella Milano più cool e trendy (nella foto, il set up del gioco).

E ancora, andremo in Portogallo con Azul, in Cina con Dragon castle, in Giappone con Kanagawa e Origami, in Argentina con Iquazù, nelle isole greche con Santorini e a Barcellona, in Spagna, con Sagrada.

Il Gioco dell’Anno 2018 – qui trovate l'elenco completo dei candidati – potrebbe essere fra questi? E’ possibile.

 

 

 

Altri post di Luca "sulfureo" Bonora

Ritratto di luca_bonora
01/10/2018 - 09:45
In un’annata straordinariamente ricca, la Giuria del Gioco dell’Anno, di cui faccio parte, ha selezionato, tra i 41 giochi iscritti al concorso, i seguenti cinque finalisti: Azul: da 2 a 4 abili ceramisti si sfidano per decorare il Palazzo Reale di Evora. Un gioco semplice da spiegare, ma...
Ritratto di luca_bonora
03/09/2018 - 15:00
Usciti (quasi) indenni dalle magiche terre di Oz, ma con la soddisfazione di aver nuovamente messo nel sacco il professor Noside*, torniamo a parlare di escape room da tavolo confrontando i tre prodotti usciti negli ultimi anni: Deckscape (3 avventure indipendenti); Unlock! (3 scatole con 3...
Ritratto di luca_bonora
15/05/2018 - 11:45
In queste pagine, su questo blog, dal 2013 vi presento giochi da tavolo che costituiscono spunti di viaggio, legati a città o Paesi vicini e lontani. Lo faccio nella convinzione che il gioco sia parte integrante del nostro dna: in ogni bar di ogni paese d'Italia si gioca a carte, il poker online...
Ritratto di luca_bonora
08/03/2018 - 10:45
Fra i giochi da tavolo che hanno riscosso un grande successo fra gli appassionati negli ultimi anni Pandemia occupa senza dubbio un posto di rilievo. Collaborativo puro - si vince o si perde tutti insieme – Pandemia vede i giocatori impegnati nel debellare epidemie su scala mondiale, prima che...
Ritratto di luca_bonora
01/03/2018 - 00:15
-Che hai portato di nuovo, Lucio? -Shhh. avevamo detto niente nomi. Vediamo di ricordarcelo. Lui ha cento occhi e mille orecchie. -Cheppalle tu e le tue manie… Ok… che hai portato di nuovo?-This war of mine. -Sarebbe? -I giocatori sono persone normali durante l’assedio di una città. E’ un gioco...