In Viaggio con Gaia. Nelle gole di Gorroppu.

I più lo osservano dalla statale, la nota Orientale Sarda, la SS 125. Dalla Cantoniera Bidicolai il canyon di Gorropu appare in tutta la sua imponenza: una porta, no, meglio, uno squarcio nel calcare grigio-ocra-arancione del Supramonte, tra Orgoloso e Urzulei. Ma io mi ci sono voluto addentrare, attraversandolo in tutta la sua lunghezza.

Il Supramonte consiste in circa 50 chilometri quadrati di calcare e rocce dolomitiche tutte scavate in gole, forre, doline, codule e grotte dovuti al carsismo, tipico di queste rocce. È una terra aspra, dove l'acqua si infiltra nel terreno, segue percorsi nascosti seguendo i capricci della roccia in bacini ipogei (sotterranei) per sbucare poi in luoghi lontani, dove meno te lo aspetteresti.

È qui che si trova Gorropu, la gola che superando nel punto più alto anche 400 metri si vanta di essere il canyon più profondo d'Europa. Che lo sia davvero o no poco conta, quello che è certo è che quando ci si trova al suo interno, tra contrafforti rocciosi di cui non si vede la fine e che lasciano intravedere appena una fetta di cielo, è facile sentire, almeno per un momento, un istintivo desiderio di uscirsene al più presto. Prima che la magia termini e i contrafforti si chiudano, lasciando appena una cicatrice in superficie, e schiacciando i miseri visitatori.

Fantasie che ti prendono quando sei da solo all'interno della gola.

Cosa che sconsiglierei di fare se non si ha una certa dimestichezza con ambienti difficili e dove gli imprevisti non mancano.

Io mi sono fatto accompagnare dalla guida di Corrado Conca, Torrentismo in Sardegna, della casa editrice Segnavia. Perchè di torrentismo si tratta, visto che l'acqua si incontra più volte (e ancora più volte se il percorso lo si compie in un periodo piovoso), e perché è neccessario avere una certa attrezzatura per compiere delle calate con la corda (in realtà quasi tutte superabili senza mai doverla utilizzare, se ci si sa muovere in questi terreni).

Per percorrerla io sono partito da Campos Bargios, una zona di ovili raggiungibili da Urzulei. Da qui, e non senza sbagliare un paio di volte il mio percorso di avvicinamento, sono andato alla ricerca della valletta dove scorre il timido (qui) riu Flumineddu. Una volta incontrato il torrente, seguirlo è stato un gioco di salti tra le rocce e intorno al rio. Per poi lentamente sprofondare nella gola che diventa, mano a mano che si scende lungo il rio, sempre più stretta e alta. E oscura.

Al termine ho dovuto anche percorrere un lungo e assolato sentiero che mi ha riportato fino alla Cantoniera di Genna Silana, per poi camminare un tratto ancora lungo la SS 125 e poi scovare un passaggio che mi riconducesse a ovest, verso l'altipiano Planu Campu Oddeu, regno di capre, maiali selvatici, e mucche. Ai più consiglierei di organizzarsi con una navetta: lasciando una seconda auto per esempio a Ponte S'Abba Arva, o chiedendo alla associazione delle guide locali.

Oggi ci sono molte guide che offrono visite alla gola. Visite che poi sono per ogni stagione, voglia di perdersi e faticare. Anzi, è difficile districarsi nella selva di siti web che offrono tour, ma anche questo fa parte del gioco. L'importante è non sottovalutarla, la gola di Gorroppu. Del resto è la più profonda d'Europa, e quindi non si lascia avvicinare se non da chi lo fa nella maniera corretta!

Altri post di Jacopo Pasotti

Ritratto di jacopolist
30/10/2019 - 09:15
Recentemente ho avuto modo di visitare la cresta del Gornegrat, dall'Hotel Kulm, proprio sopra Zermatt. Dai 3100 metri della stazione di arrivo del trenino rosso la visuale sul Monte Rosa, il Cervino, ma anche il Dom de Mischabel e Weisshorn è, a dir poco, spettacolare. Ci sono infatti molti...
Ritratto di jacopolist
15/08/2019 - 09:30
Ce lo aspettavamo da tempo, ora è un dato certo: anche l'Artico è contaminato dalle nostre plastiche. Le microplastiche inquinano l'acqua dal rubinetto di casa nostra fino alle profondità il mare. La novità è che ora gli scienziati hanno trovato concentrazioni di plastica nella banchisa dello...
Ritratto di jacopolist
01/08/2019 - 14:30
Sono passati 65 anni da quando, il 31 luglio 1954, Lino Lacedelli e Achille Compagnoni piantarono la piccozza nella neve crostosa che copre la vetta del K2, che con i suoi 8611 è il secondo Ottomila della Terra. Un grande risultato per l'alpinismo italiano, voluto, sostenuto, e organizzato da...
Ritratto di jacopolist
29/05/2019 - 12:15
Si dice che in certi casi il viaggio è una neccessità. Ed è anche la base di ogni narrazione fantasiosa che parla di un viaggio. Questa è la storia, e non è fantasiosa, di Naseem che fin dalla sua adozione ha coltivato la curiosità e il desiderio farsi catturare dalle proprie radici, che da Firenze...
Ritratto di jacopolist
06/05/2019 - 13:00
Eccomi di fronte al monumento alla geologia, un monumento un po' funereo, devo dire. Nera e lucida roccia, come la pelle di una foca appena uscita dall'acqua, ma dura come solo la roccia può essere. Qui è dove il continente eurasiatico e il cosiddetto sub-continente indiano si incontrano. O, per...