I verdetti dei cinefestival di Temù e Lessinia

Al festival ALPS tenutosi a Temù, in valle Camonica, concluso  lo scorso 1° settembre e organizzato dall'associazione Montagna Italia ha vinto il Premio ALPI il film Hansjörg Auer - no turning back, di Damiano Levati, Italia.
Grazie a un’estrema accuratezza nell’aspetto tecnico e registico il film ripercorre le ultime imprese di Hansjörg Auer, che dopo il free solo della leggendaria “Via attraverso il pesce” sulla Sud della Marmolada è entrato definitivamente nella storia dell’alpinismo mondiale. L'opera riesce a coniugare in maniera esemplare immagini potenti; intime e personali testimonianze e puntuali informazioni tecniche su un particolare genere di alpinismo.

Il Premio speciale della giuria è stato assegnato invece a K2, une journée particulière, di François Damilano, Francia.
Girare un film sul K2, la montagna degli italiani, è sempre una grande avventura a causa delle difficoltà oggettive che sa riservare la seconda vetta più alta del mondo. In quest'opera si vuole sottolineare, con sequenze verticali di climbing molto ardite e spettacolari, l'emozionante vicenda umana degli alpinisti alle prese con un gigante quasi invincibile.

Al Film Festival della Lessinia di Boscochiesanuova ha trionfato invece il documentario Sengirė – La foresta antica del regista Mindaugas Survila: si è aggiudicato la Lessinia d’Oro, il più ambito riconoscimento della XXIV edizione della rassegna cinematografica dedicata a vita, storia e tradizioni in montagna.
La macchina da presa è entrata in una delle foreste più antiche d’Europa, in Lituania, per seguire le danze delle falene nella fitta vegetazione, i duelli dei galli cedroni e la lotta di un ragno sommerso dalla neve, lasciando all’incanto delle immagini e alle sorprendenti interazioni tra i tanti animali che abitano il bosco il compito di guidare una narrazione che dal minuscolo dettaglio trasporta nella vastità di una fragile bellezza, in cui la fauna selvatica è l’unica protagonista. 
Il premio Lessinia d’Argento per la migliore regia è stata attribuita a Suleiman Gora – Monte Suleiman, lungometraggio d’esordio di Elizaveta Stishova presentato in anteprima italiana al Festival scaligero. Un road movie ambientato nell’odierno Kirghizistan, luogo sacro in cui riposano le spoglie del re Salomone. È il punto d’origine e approdo del viaggio di Karabas, piccolo truffatore che attraversa il Paese su un camion assieme al figlio Uluk e alle sue due mogli.

 

Altri post di Piero Carlesi

Ritratto di pierocarlesi
06/05/2019 - 15:15
Trento, 5 maggio. Si sono appena spenti i fari di questa grandiosa, splendida 67a edizione del Trentofilmfestival e sono pronto a darvi i miei commenti su questo evento che anno dopo anno sta crescendo sempre di più. Basta dare qualche numero: 127 film proiettati, 144 eventi realizzati,...
Ritratto di pierocarlesi
15/04/2019 - 11:00
Un itinerario di sette tappe per scoprire un pezzo di Alto Adige inedito, nel cuore del Parco nazionale dello Stelvio L’Alto Adige presenta la nuova Alta Via dell’Ortles: un bellissimo percorso escursionistico che permetterà ai suoi percorritori di toccare davvero il cielo con un dito: 119 km di...
Ritratto di pierocarlesi
10/03/2019 - 19:00
Sabato 9 marzo presso la prestigiosa sede del Palazzo della Gran Guardia di Verona si sono tenute, davanti a una sala gremita di appassionati, le premiazioni della 4° edizione del Verona Mountain Film Festival 2019. La serata, presentatra dal presidente dell'associazione Montagna Italia Roberto...
Ritratto di pierocarlesi
05/03/2019 - 11:15
Inizia oggi al Palazzo della Gran Guardia, alle ore 20.30, a ingresso libero, la quarta edizione del Verona Mountain film festival organizzato dall'associazione Montagna Italia di Roberto Gualdi, con la partecipazione delle Sezioni CAI del territorio veronese, patrocinato da vari enti e istituzioni...
Ritratto di pierocarlesi
05/03/2019 - 10:30
Sabato 2 marzo 2019 ho partecipato a Cuneo, nell'ambito del Festival della montagna, alla presentazione in conferenza stampa del progetto D'acqua e di ferro. Percorsi per la valorizzazione delle risorse culturali, urbane e territoriali. Promosso dall'Unione montana alta valle del Tanaro vuole...