In viaggio con Gaia. Aljezur e lo strano senso delle nostre origini

Io capisco i confini geografici. Un fiume è un confine geografico. Un monte può esserlo. Un mare, o un lago possono esserlo. Confini, il più delle volte, sormontabili, in un modo o nell'altro. La storia umana è un racconto in movimento. Un movimento di comunità, intente a superare un confine dopo l'altro. Per poi magari tornare indietro. E di nuovo avanti. Pulsazioni umane incessanti da centinaia di migliaia di anni. 

Ho più problemi con i confini politici. Ma questa è un'altra storia. Anche se è storia attuale, visto che non si fa che parlare di chi appartiene a questo o quel Paese. Ovviamente io ho difficoltà anche con questo. Forse perché ho una nonna italiana, poi migrata in Argentina, poi tornata. L'altra napoletana, poi vissuta a Milano. Mentre una zia è emigrata da giovane a Londra. E ho un nipote che vive in Olanda. E io sono emigrato in Svizzera.

Ad ogni modo, sono stato ad Aljezur.

No, non è in Palestina. È in Portogallo. Nell'Alentejo, al confine con l'Algarve. Tutte queste Al- indicano chiaramente una origine araba. Il castello di Aljezur fu costruito dagli arabi, nel 10mo secolo. Dai Gharb al-Andalus. Che poi lo hanno ceduto, insomma hanno combattuto e perso, contro armate cristiane nel 1200. Il castello si trova sopra un rilievo intorno a cui il fiume disegna una ansa marcata. Al-Jezur potrebbe proprio discendere da un termine che sinificherebbe "isola". Come un'isola disegnata dal fiume. Ad Aljezur si trovano fondamenta islamiche, poi sfruttate da cristiani. A voler essere precisi, a fondare un villaggio stabile ad Aljezur sono state comunità berbere, quindi insediatesi dal vicino nord-Africa. Ma ad Aljezur sono passati, è bene notarlo, anche i normanni. E quindi, chi è veramente di casa ad Aljezur? Chi ha sangue normanno, arabo, o mitteleuropeo? E bisognerebbe recuperare i miti pagani dei normanni, i riti islamici, o quelli cristiani?

E se, invece, volessimo vedere la meraviglia e la ricchezza di questa diversità, di questa storia?

Altri post di Jacopo Pasotti

Ritratto di jacopolist
29/05/2019 - 12:15
Si dice che in certi casi il viaggio è una neccessità. Ed è anche la base di ogni narrazione fantasiosa che parla di un viaggio. Questa è la storia, e non è fantasiosa, di Naseem che fin dalla sua adozione ha coltivato la curiosità e il desiderio farsi catturare dalle proprie radici, che da Firenze...
Ritratto di jacopolist
06/05/2019 - 13:00
Eccomi di fronte al monumento alla geologia, un monumento un po' funereo, devo dire. Nera e lucida roccia, come la pelle di una foca appena uscita dall'acqua, ma dura come solo la roccia può essere. Qui è dove il continente eurasiatico e il cosiddetto sub-continente indiano si incontrano. O, per...
Ritratto di jacopolist
09/12/2018 - 09:00
Giassudin Saddar è un contadino. Vive nel villaggio di Mugarjo, nel distretto di Pirjopur nel sud del Bangladesh. È un territorio in continua trasformazione il suo. È a poche decine di chilometri dall’oceano, ma non lo si sente e non lo si vede. Però si sentono e si vedono le maree che alzano e...
Ritratto di jacopolist
07/08/2018 - 17:00
I più lo osservano dalla statale, la nota Orientale Sarda, la SS 125. Dalla Cantoniera Bidicolai il canyon di Gorropu appare in tutta la sua imponenza: una porta, no, meglio, uno squarcio nel calcare grigio-ocra-arancione del Supramonte, tra Orgoloso e Urzulei. Ma io mi ci sono voluto addentrare,...
Ritratto di jacopolist
08/03/2018 - 11:45
Mi sono capitati due libri fuori dal comune. Due proposte di viaggio, anzi di esplorazione dell'isola. Due guide, se volete. Ve le segnalo perché se, come me, siete appassionati di quella macchia di basalto e ghiaccio che nei planisferi è piazzata a metà strada tra il continente euroasiatico e la...