In viaggio con Gaia. Aljezur e lo strano senso delle nostre origini

Io capisco i confini geografici. Un fiume è un confine geografico. Un monte può esserlo. Un mare, o un lago possono esserlo. Confini, il più delle volte, sormontabili, in un modo o nell'altro. La storia umana è un racconto in movimento. Un movimento di comunità, intente a superare un confine dopo l'altro. Per poi magari tornare indietro. E di nuovo avanti. Pulsazioni umane incessanti da centinaia di migliaia di anni. 

Ho più problemi con i confini politici. Ma questa è un'altra storia. Anche se è storia attuale, visto che non si fa che parlare di chi appartiene a questo o quel Paese. Ovviamente io ho difficoltà anche con questo. Forse perché ho una nonna italiana, poi migrata in Argentina, poi tornata. L'altra napoletana, poi vissuta a Milano. Mentre una zia è emigrata da giovane a Londra. E ho un nipote che vive in Olanda. E io sono emigrato in Svizzera.

Ad ogni modo, sono stato ad Aljezur.

No, non è in Palestina. È in Portogallo. Nell'Alentejo, al confine con l'Algarve. Tutte queste Al- indicano chiaramente una origine araba. Il castello di Aljezur fu costruito dagli arabi, nel 10mo secolo. Dai Gharb al-Andalus. Che poi lo hanno ceduto, insomma hanno combattuto e perso, contro armate cristiane nel 1200. Il castello si trova sopra un rilievo intorno a cui il fiume disegna una ansa marcata. Al-Jezur potrebbe proprio discendere da un termine che sinificherebbe "isola". Come un'isola disegnata dal fiume. Ad Aljezur si trovano fondamenta islamiche, poi sfruttate da cristiani. A voler essere precisi, a fondare un villaggio stabile ad Aljezur sono state comunità berbere, quindi insediatesi dal vicino nord-Africa. Ma ad Aljezur sono passati, è bene notarlo, anche i normanni. E quindi, chi è veramente di casa ad Aljezur? Chi ha sangue normanno, arabo, o mitteleuropeo? E bisognerebbe recuperare i miti pagani dei normanni, i riti islamici, o quelli cristiani?

E se, invece, volessimo vedere la meraviglia e la ricchezza di questa diversità, di questa storia?

Altri post di Jacopo Pasotti

Ritratto di jacopolist
15/08/2019 - 09:30
Ce lo aspettavamo da tempo, ora è un dato certo: anche l'Artico è contaminato dalle nostre plastiche. Le microplastiche inquinano l'acqua dal rubinetto di casa nostra fino alle profondità il mare. La novità è che ora gli scienziati hanno trovato concentrazioni di plastica nella banchisa dello...
Ritratto di jacopolist
01/08/2019 - 14:30
Sono passati 65 anni da quando, il 31 luglio 1954, Lino Lacedelli e Achille Compagnoni piantarono la piccozza nella neve crostosa che copre la vetta del K2, che con i suoi 8611 è il secondo Ottomila della Terra. Un grande risultato per l'alpinismo italiano, voluto, sostenuto, e organizzato da...
Ritratto di jacopolist
29/05/2019 - 12:15
Si dice che in certi casi il viaggio è una neccessità. Ed è anche la base di ogni narrazione fantasiosa che parla di un viaggio. Questa è la storia, e non è fantasiosa, di Naseem che fin dalla sua adozione ha coltivato la curiosità e il desiderio farsi catturare dalle proprie radici, che da Firenze...
Ritratto di jacopolist
06/05/2019 - 13:00
Eccomi di fronte al monumento alla geologia, un monumento un po' funereo, devo dire. Nera e lucida roccia, come la pelle di una foca appena uscita dall'acqua, ma dura come solo la roccia può essere. Qui è dove il continente eurasiatico e il cosiddetto sub-continente indiano si incontrano. O, per...
Ritratto di jacopolist
09/12/2018 - 09:00
Giassudin Saddar è un contadino. Vive nel villaggio di Mugarjo, nel distretto di Pirjopur nel sud del Bangladesh. È un territorio in continua trasformazione il suo. È a poche decine di chilometri dall’oceano, ma non lo si sente e non lo si vede. Però si sentono e si vedono le maree che alzano e...