In viaggio con Gaia. Aljezur e lo strano senso delle nostre origini

Io capisco i confini geografici. Un fiume è un confine geografico. Un monte può esserlo. Un mare, o un lago possono esserlo. Confini, il più delle volte, sormontabili, in un modo o nell'altro. La storia umana è un racconto in movimento. Un movimento di comunità, intente a superare un confine dopo l'altro. Per poi magari tornare indietro. E di nuovo avanti. Pulsazioni umane incessanti da centinaia di migliaia di anni. 

Ho più problemi con i confini politici. Ma questa è un'altra storia. Anche se è storia attuale, visto che non si fa che parlare di chi appartiene a questo o quel Paese. Ovviamente io ho difficoltà anche con questo. Forse perché ho una nonna italiana, poi migrata in Argentina, poi tornata. L'altra napoletana, poi vissuta a Milano. Mentre una zia è emigrata da giovane a Londra. E ho un nipote che vive in Olanda. E io sono emigrato in Svizzera.

Ad ogni modo, sono stato ad Aljezur.

No, non è in Palestina. È in Portogallo. Nell'Alentejo, al confine con l'Algarve. Tutte queste Al- indicano chiaramente una origine araba. Il castello di Aljezur fu costruito dagli arabi, nel 10mo secolo. Dai Gharb al-Andalus. Che poi lo hanno ceduto, insomma hanno combattuto e perso, contro armate cristiane nel 1200. Il castello si trova sopra un rilievo intorno a cui il fiume disegna una ansa marcata. Al-Jezur potrebbe proprio discendere da un termine che sinificherebbe "isola". Come un'isola disegnata dal fiume. Ad Aljezur si trovano fondamenta islamiche, poi sfruttate da cristiani. A voler essere precisi, a fondare un villaggio stabile ad Aljezur sono state comunità berbere, quindi insediatesi dal vicino nord-Africa. Ma ad Aljezur sono passati, è bene notarlo, anche i normanni. E quindi, chi è veramente di casa ad Aljezur? Chi ha sangue normanno, arabo, o mitteleuropeo? E bisognerebbe recuperare i miti pagani dei normanni, i riti islamici, o quelli cristiani?

E se, invece, volessimo vedere la meraviglia e la ricchezza di questa diversità, di questa storia?

Altri post di Jacopo Pasotti

Ritratto di jacopolist
13/10/2017 - 13:30
In questi giorni è stata inaugurata una mostra fotografica che presenta immagini mie e di altri fotografi sul tema del cambiamento climatico, della sostenibilità, e della ricerca. La mostra è stata organizzata dal Venice Climate Lab, una organizzazione di giovani ricercatori che presentano al...
Ritratto di jacopolist
15/09/2017 - 12:15
La novità è abbastanza breve, e aggiunge solo dei numeri a ciò che più o meno già sapevamo: i ghiacciai della catena Himalayana si stanno ritirando ad una velocità allarmante. I numeri sono questi: restando ad un livello di emissioni come quello odierno, il 65% è destinato a scomparire entro il...
Ritratto di jacopolist
28/08/2017 - 09:45
Il Tibet è sempre descritto come una terra santa, il suo spirito, la sua storia, catturano il cuore dei viaggiatori. All'inizio di questa estate ho avuto l'opportunità di visitare Lhasa, in Tibet. La città sta cambiando rapidamente, mi hanno detto, la presenza cinese modifica la società, la cultura...
Ritratto di jacopolist
12/07/2017 - 13:45
Talvolta le aspettative giocano strani scherzi. Viaggiando in Tibet, mi attendevo di incontrare fiumi limacciosi, montagne immense, elevate, ricoperte di nevi e ghiacciai (pur sapendo che è soprattutto il versante meridionale dell'Himalaya a essere coperto di neve), e ovviamente templi e monaci...
Ritratto di jacopolist
27/06/2017 - 09:00
In questo villaggio di circa duemila anime, Soredrano, i pescatori devono compiere tutti i giorni un tragitto di 4 chilometri per recupare l'acqua neccessaria per le proprie famiglie. La storia, completa, la abbiamo pubblicata su National Geographic. http://www.nationalgeographic.it/multimedia/2017...