In viaggio con Gaia. Il mercato sull'acqua

Giassudin Saddar è un contadino. Vive nel villaggio di Mugarjo, nel distretto di Pirjopur nel sud del Bangladesh. È un territorio in continua trasformazione il suo. È a poche decine di chilometri dall’oceano, ma non lo si sente e non lo si vede. Però si sentono e si vedono le maree che alzano e abbassano il livello del dedalo di canali che drenano il territorio. Un dedalo che meglio si raffigura come arterie e capillari di acqua. Un complesso sistema che risente del mare, ma anche degli immensi fiumi Gange (qui chiamato Padma) e Brhamaputra.

Il terreno è composto da limo fine che lentamente si comprime sotto il proprio peso al ritmo di 2.9-5.6 millimetri all’anno. A questo sprofondamento si aggiungono i 1.7-3.0 millimetri annui di risalita del livello marino legati al riscaldamento climatico. Più a Sud nel paese, livello marino e subsidenza hanno già reso salinizzati e quindi incoltivabili da 83 a 105 milioni di ettari di terreni dal 1973 ad oggi.
In un ambiente così mutevole. Giassudin e I contadini di Mugarjo il terreno su cui vivono e coltivano se lo sono letteralmente costruito sotto i piedi, alzandolo da una palude che non interessava a nessuno.

“È stato mio nonno a trovare questo posto. Ha comperato il terreno per pochi thaka”, dice con una certa soddisfazione. “L’intera area era una palude allagata!”

Arrivato qui, il nonno di Giassudin, come altri contadini, aveva un progetto. Ha acquistato e trasportato terra per depositarla in questo che era un acquitrino inondato da maree di un metro, fino a quando finalmente ha potuto costruire una casa.

I nuovi arrivati hanno continuato a trasportare terra (e continuano a farlo oggi), hanno piantato alberi, drenato il terreno, e poi hanno cominciato a coltivare. Nel giro di una generazione in questo angolo del Bangladesh sorgeva un villaggio contadino, produttivo e colorato.
Ancora oggi si ricavano il loro territorio in un luogo considerato di nessun interesse, perfino ostile. Alcuni parlerebbero di resilienza ai cambiamenti ambientali. Perché qui clima e ambiente stanno cambiando rapidamente.

Il villaggio di Giassudin è attraversato da un dedalo di canali. È una Venezia verdeggiante, con alberi e liane al posto di palazzi. Ci sono mille ponti di bambù invece di ponti in mattoni e pietra. C’è un silenzio interrotto dalle voci delle famiglie, dai bambini che si tuffano nei canali, o da qualche rara lancia a motore.
Sembra una giungla, ma è una foresta interamente domesticata.
“Nei villaggi vicini non hanno i canali, qui non abbiamo bisogno di auto o ricksaw. Io ho la mia barca, trasporto grandi quantità di riso o frutta, senza troppa fatica. Due volte la settimana vendo i miei prodotti ai commercianti, e con questo mantengo la famiglia e alcuni braccianti. Mangiamo bene, abbiamo una doccia di fronte a casa. Siamo fortunati”, conclude.
“Abbiamo piante di cocco, mango, guava, amrha, chambol”, dice. “Anche se eravamo poveri ce la siamo cavata e qui stiamo bene, ci siamo adattati alle inondazioni. Abbiamo un mercato di frutta e verdura sul fiume, ce la faremo”, spiega accennando alle incertezze future.
Il mercato ortofrutticolo di Pirojpur (si raggiunge da Khulna) è vivace, attivo. Sta diventando una attrazione turistica per i locali.
  

Altri post di Jacopo Pasotti

Ritratto di jacopolist
30/10/2019 - 09:15
Recentemente ho avuto modo di visitare la cresta del Gornegrat, dall'Hotel Kulm, proprio sopra Zermatt. Dai 3100 metri della stazione di arrivo del trenino rosso la visuale sul Monte Rosa, il Cervino, ma anche il Dom de Mischabel e Weisshorn è, a dir poco, spettacolare. Ci sono infatti molti...
Ritratto di jacopolist
15/08/2019 - 09:30
Ce lo aspettavamo da tempo, ora è un dato certo: anche l'Artico è contaminato dalle nostre plastiche. Le microplastiche inquinano l'acqua dal rubinetto di casa nostra fino alle profondità il mare. La novità è che ora gli scienziati hanno trovato concentrazioni di plastica nella banchisa dello...
Ritratto di jacopolist
01/08/2019 - 14:30
Sono passati 65 anni da quando, il 31 luglio 1954, Lino Lacedelli e Achille Compagnoni piantarono la piccozza nella neve crostosa che copre la vetta del K2, che con i suoi 8611 è il secondo Ottomila della Terra. Un grande risultato per l'alpinismo italiano, voluto, sostenuto, e organizzato da...
Ritratto di jacopolist
29/05/2019 - 12:15
Si dice che in certi casi il viaggio è una neccessità. Ed è anche la base di ogni narrazione fantasiosa che parla di un viaggio. Questa è la storia, e non è fantasiosa, di Naseem che fin dalla sua adozione ha coltivato la curiosità e il desiderio farsi catturare dalle proprie radici, che da Firenze...
Ritratto di jacopolist
06/05/2019 - 13:00
Eccomi di fronte al monumento alla geologia, un monumento un po' funereo, devo dire. Nera e lucida roccia, come la pelle di una foca appena uscita dall'acqua, ma dura come solo la roccia può essere. Qui è dove il continente eurasiatico e il cosiddetto sub-continente indiano si incontrano. O, per...