In Viaggio con Gaia. La plastica non risparmia l'Artico.

Ce lo aspettavamo da tempo, ora è un dato certo: anche l'Artico è contaminato dalle nostre plastiche. Le microplastiche inquinano l'acqua dal rubinetto di casa nostra fino alle profondità il mare. La novità è che ora gli scienziati hanno trovato concentrazioni di plastica nella banchisa dello Stretto di Fram, il passaggio che collega l'Oceano Artico al resto degli oceani del mondo. Le loro scoperte, pubblicate oggi su Science Advances, offrono nuove prove del fatto che l'aumento della produzione di plastica sta influenzando l'ambiente, perfino in luoghi remoti, che considereremmo incontaminati.

Come avverrebbe tutto ciò? Durante il suo passaggio attraverso l'atmosfera, i leggerissimi cristalli di neve si legano con particelle sospese nell'aria e dunque anche con sostanze inquinanti, che alla fine si depositano sulle superfici terrestri per esempio durante una nevicata. Così, le microplastiche liberate dall'Europa, e da altri continenti dell'emisfero boreale viaggiano fino al polo nord e qui vengono depositate negli strati di neve.

È un pianeta più piccolo di quanto sembri, il nostro. Le nostre azioni qui, a casa nostra, influenzano l'intera superficie terrestre, e chi ci vive.

Altri post di Jacopo Pasotti

Ritratto di jacopolist
20/04/2020 - 14:00
Questa sera, e forse potremmo dire che non poteva essere più coerente con il momento storico che stiamo vivendo e che ci costringe in casa a causa del COVID-19, c'è una una splendida iniziativa musicale. Alle 20:00, sul canale Facebook #artistsforplants ci sarà in diretta la trasmissione online di...
Ritratto di jacopolist
03/04/2020 - 10:00
Ho sempre avuto una passione per la palma. Mi piacevano fin da bambino quando ero convinto che fosse una pianta tipica della Liguria o del lago di Como. Ora lo sono diventate, ma ho scoperto solo più tardi che in Italia queste piante fossero state importate. E quindi concedetemi di parlarvene un po...
Ritratto di jacopolist
19/12/2019 - 11:15
Il Bangladesh è un Paese inzuppato nell'acqua. È una immensa colossale Venezia di foreste lussurreggianti, campi. E come Venezia, sprofonda ed è soggetta alle inondazioni. Da un lato il livello marino sale, lento ma inesorabile. Dall’altro le alluvioni sono e saranno più aggressive, un po’ per gli...
Ritratto di jacopolist
30/10/2019 - 09:15
Recentemente ho avuto modo di visitare la cresta del Gornegrat, dall'Hotel Kulm, proprio sopra Zermatt. Dai 3100 metri della stazione di arrivo del trenino a cremagliera rosso, il mitico Gornergrat Bahn, la visuale sul Monte Rosa, il Cervino, ma anche il Dom de Mischabel e Weisshorn è, a dir poco,...
Ritratto di jacopolist
01/08/2019 - 14:30
Sono passati 65 anni da quando, il 31 luglio 1954, Lino Lacedelli e Achille Compagnoni piantarono la piccozza nella neve crostosa che copre la vetta del K2, che con i suoi 8611 è il secondo Ottomila della Terra. Un grande risultato per l'alpinismo italiano, voluto, sostenuto, e organizzato da...