In Viaggio con Gaia. Due parole sul Cervino

Recentemente ho avuto modo di visitare la cresta del Gornegrat, dall'Hotel Kulm, proprio sopra Zermatt. Dai 3100 metri della stazione di arrivo del trenino a cremagliera rosso, il mitico Gornergrat Bahn, la visuale sul Monte Rosa, il Cervino, ma anche il Dom de Mischabel e Weisshorn è, a dir poco, spettacolare.

Il trenino rigurgita centinaia e centinaia di turisti ogni giorno, durante tutta l'estate. Ci sono visitatori per cui essere immortalati di fronte al Matterhorn è l'esperienza della vita, al pari di una foto in Piazza San Marco a Venezia, o la salita sulla Torre Eiffel a Parigi.

I turisti che giungono fino a qui arrivano da ogni angolo del pianeta, per ritrarre la montagna o per farsi ritrarre con lo sfondo del Cervino, accompagnati dall'immancabile stecca di Toblerone. C'è poco da dire, quel corno netto, stagliato contro il cielo, spesso accompagnato da uno sbuffo di nuvola che dal primo pomeriggio lo ricopre quasi quotidianamente, è un centro di gravità di tutto l'arco alpino.

Ho dunque pensato di fare questo breve post per condividere una curiosità sul Cervino. Niente senza cui non si possa sopravvivere, anche se siete amanti della montagna come lo sono io. Ma è una curiosità che mi sono voluto togliere tempo fa, mentre scrivevo il libro La Scienza in Vetta (Codice edizioni).

 

 

Con la sua forma a piramide il Cervino (Matterhorn come è chiamato nella svizzera tedesca) e' quasi la montagna perfetta. Insomma, mi sono preso la briga di calcolare quanto pesa la montagna-simbolo delle Alpi.
Grazie alla sua caratteristica forma a tetraedro, conoscendo la densità media delle rocce, e' stato facile! Sono 21 bilioni (12 zeri!) di chili di solida roccia.
Il calcolo è stato semplice: ho considerato un tetraedro a partire dalla base, e come base ho considerato l'altezza in cui si collega al più complicato basamento roccioso da cui spicca. Sapendo il volume e la densità media degli gneiss, la roccia metamorfica di cui è composta, ho estratto il peso della montagna.

Questo calcolo lo ho fatto a casa, al Gornergrat non ho potuto fare altro che ammirare un paesaggio che fa parte della mia cultura e della mia storia. Merita un viaggio!

 

 

 

Altri post di Jacopo Pasotti

Ritratto di jacopolist
25/06/2021 - 10:15
Oggi vi mostro il vulcano Melbourne, in Antartide. Ve lo mostro come lo ho visto dal finestrino dell'aeroplano che mi stava trasportando alla base americana di McMurdo. Da Lì mi sarei recato alla base italiana della Stazione Mario Zucchelli. Ai suoi piedi si osserva la costa ghiacciata, ricoperta...
Ritratto di jacopolist
11/02/2021 - 09:15
La novità di oggi è che alcuni archeologi statunitensi hanno trovato delle perline di vetro, di un bellissimo colore azzurro in Alaska. Fino a qui, a noi potrebbe non dire molto. Ma se ci aggiungiamo che sono vetri prodotti a Venezia e che sono stati datati intorno al 1400, ma ben prima dell'arrivo...
Ritratto di jacopolist
30/12/2020 - 11:00
Io ho visitato Banda Aceh nel 2012 e nel 2014 per documentare la ricostruzione, il post-trauma, gli studi per la riduzione del rischio appoggiandomi a studiosi e studiose del centro di ricerca sugli tsunami che fu costruito dopo il maremoto del 26 Dicembre del 2004. Un terremoto di magnitudo 9.0...
Ritratto di jacopolist
25/08/2020 - 15:45
Sono ritratti in quasi ogni opuscolo di promozione turistica della Norvegia, sono i Sami. Li vedrete fotografati in vestiti con colori accesi accanto alle loro amate renne. Ma chi sono veramente i Sami? I Sami norvegesi si considerano una nazione all'interno di una nazione. Anzi, potremmo dire che...
Ritratto di jacopolist
20/07/2020 - 16:45
 Sono passati centocinquanta anni da quando lo scrittore Henry David Thoureau passeggiava nella campagna del Massaschuetts, lungo il fiume Concord. Oggi però i prati fioriti che hanno ispirato lo scrittore americano non sono più quelli di un tempo: un terzo delle specie di fiori si sono estinti,...