HONGKONG TRA I BLACKBLOC E L`EREDITA` DEL GOVERNATORE

Hongkong.Dicono che i recenti violenti moti giovanil-studenteschi abbiano seriamente danneggiato l`immagine e il business( 60 milioni di presenze annue) del turismo nell`ex colonia britannica.Una recente visita, infrasettimanale , non mi ha dato questa impressione.Nel  distretto degli affari e dello shopping,dall`uno e dall`altro capo dell`MTR,la modernissima metropolitana sottomarina,Tsim Sha Tsui , sulla penisola e Central,sull`isola ,il “business”sembra davvero essere”usual”.Le uniche anomalie che possono sorprendere chi come me ha lungamente frequentato questi luoghi,sono le scritte nere spruzzate   dalle bombolette su qualche muro della zona elegante e l`assetto guerresco dei poliziotti appostati in vari punti del centro. Sorprendentemente giovani, aitanti e in un modernissimo assetto di guerra.

       

 Gli scontri piu` violenti ( Politecnico ,ecc)si sono svolti,comunque, dopo la mia partenza, in zone lontane da dove mi trovavo  e durante i giorni festivi.Non ho , semplicemente ,visto nulla.Le mie note di viaggio non paiano ,quindi,ciniche o edulcorate.Premessa politicamente corretta per arrivare a raccontare del piacere edonistico provato nel visitare uno degli ultimi nati  tra i grandi alberghi di Hongkong:The Murray.

     

Posto nel cuore della vecchia Victoria coloniale a picco sui Botanical gardens,la cattedrale(anglicana)di St.John,l`Helena May,un austero albergo vittoriano ,un tempo ,puritannicamente riservato”solo”alle donne,il consolato americano e la partenza del tram per il Peak,il Murray ,costruito nel 1969 dall`architetto inglese Ron Philips,fino a dieci anni fa, ha ospitato nei suoi ventisette piani gli alti burocrati del “Governo”di Hongkong. Il nome,come altri edifici o strade dell`ex colonia onora e ricorda un governatore inglese del passato.In questo caso sir Murray McLeose,un signore molto,molto alto al quale ricordo di aver, quarant`anni fa ,incolonnato tra altri, stretto la mano.

    

Le stanze d`albergo non sembrano far difetto a Honkong,sono ,diconono i dati ufficiali,ben 95.000.Ma scarseggiano nella lussuosa area urbana di Central,sede di grandi banche, societa`finanziarie,gallerie di negozi eleganti.Questo ha indotto gli amministratori pubblici a riconvertire gli uffici del Murray Building in albergo di lusso. La qualita`architettonica dell`edificio,ormai storico ,in particolare le finestre angolate in modo da evitare l`impatto diretto del sole(asiatico)e`stata preservata facendo ricorso all`opera di un archistar come Norman Foster.Il risultato si e`dimostrato all`altezza delle aspettative e della spesa.L`albergo dispone nei suoi ventisette piani(serviti da otto velocissimi ascensori retaggio del passato burocratico) di 336 grandi camere luminosissime  arredate con moderna,ma  sfarzosa comodita`.Un piacevolissimo bar ristorante,dove abbiamo sentito molto parlare italiano,adagiato tra i grattacieli,una misteriosa piscina ricavata dagli archivi sotterranei e ovviamente, un davvero ottimo ristorante cantonese.

 

Altri post di Leo Grigliè

Ritratto di lgriglie
24/04/2020 - 05:00
TOKYO. Senza infrangere la legge (i dispositivi sanitari del governo giapponese sono stati inizialmente blandi e graduati nelle disposizioni restrittive) ho potuto, seppur brevemente, visitare Okinawa per la prima volta. E’ stata una toccata e fuga, pochi giorni prima che l`isola fosse chiusa ai...
Ritratto di lgriglie
04/11/2019 - 12:30
Tokyo.Quando si dicono le coincidenze.Invitato la sera di Halloween-che in Giappone sifesteggia molto seriamente-a un concerto di musiche composte dalla valente pianista Kaoru Tashiro, scopro che la serata e`dedicata all`opera Clepsydra di Camilo Pessanha,il  poeta simbolista, morto a Macau nel...
Ritratto di lgriglie
20/07/2019 - 13:30
  Hiroshima.Non abbiamo camminato ne` pedalato lungo lo Shimanami kaido,il “ Cammino delle isole”: i sessanta chilometri di autostrada che, grazie una bella sequenza di  ponti panoramici collegano l`Honshu,principale isola dell`arcipelago giapponese allo Shikoku, la minore delle grandi quattro...
Ritratto di lgriglie
03/06/2019 - 13:15
Nagasaki. Come molti giapponesi (turisti indefessi, ma avidi di mete esotiche) conosco abbastanza male il mio paese d`adozione. Ci bazzico da quarant`anni e ci vivo da quasi dieci senza averne visitato luoghi e paesaggi fondamentali come Nagasaki. Ho finalmente scoperto questa bella e simpatica...
Ritratto di lgriglie
26/04/2019 - 14:00
  Fukuoka (Hakata-ku). ”Genkainada” e`un`espressione idiomatica giapponese che si puo`tradurre come: ”trovarsi nei guai”. Letteralmente Genkai-Nada significa: ”mar di Genkai” ed e`il canale marittimo che divide il Giappone dalla Corea. E`anche la baia di Hakata (oggi Fukuoka) nel Kyushu...