In Viaggio con Gaia. Vulcani e montagne d'Antartide

Oggi vi mostro il vulcano Melbourne, in Antartide. Ve lo mostro come lo ho visto dal finestrino dell'aeroplano che mi stava trasportando alla base americana di McMurdo. Da Lì mi sarei recato alla base italiana della Stazione Mario Zucchelli. Ai suoi piedi si osserva la costa ghiacciata, ricoperta da una fragile sfoglia di ghiaccio marino, qua e là rotta in piattaforme galleggianti. Alle sue spalle invece una catena di montagne ricoperte di neve e ghiaccio. L'Antartide infatti non è solo ghiaccio, neve, venti e nient'altro, ci sono montagne e perfino vulcani attivi.⁠⁠
La sua forma dovrebbe ricordarvi un vulcano a noi ben noto, l'Etna. E difatti si tratta di uno stratovulcano, con la classica forma di cono molto ampio.⁠ Perfino l'altezza del monte, 2700 metri sul livello del mare, si avvicina a quella dell'Etna. Potremmo considerarlo un vulcano addormentato, ma ancora attivo.⁠
Siamo portati a pensare che l'Antartide sia spoglio, privo di vita (no, sappiamo tutti che ci sono i pinguini!). Non si parla certo di piante antartiche, e invece dove alcune sorgenti termali raggiungono la superficie ci sono letti di muschi e piante epatiche (Bryophyta) adattate a quell'ambiente certamente estremo.⁠ Riescono a sopravvivere perché intorno alla sorgente si trova acqua liquida, nutrienti, e la sorgente stessa mantiene una certa temperatura attorno a sé.⁠
Sorvolare il monte Melbourne mi ha dato una emozione particolare, e non solo perché ho studiato, secoli fa, geologia e glaciologia, ma perché l'Antartide è per noi qualcosa di monotono, immobile, invece il vulcano è qualcosa di attivo, e attorno al vulcano ci sono comunità vegetali. Là sotto succedono molte più cose di quanto immaginassi, ho pensato.⁠

Altri post di Jacopo Pasotti

Ritratto di jacopolist
03/04/2020 - 10:00
Ho sempre avuto una passione per la palma. Mi piacevano fin da bambino quando ero convinto che fosse una pianta tipica della Liguria o del lago di Como. Ora lo sono diventate, ma ho scoperto solo più tardi che in Italia queste piante fossero state importate. E quindi concedetemi di parlarvene un po...
Ritratto di jacopolist
19/12/2019 - 11:15
Il Bangladesh è un Paese inzuppato nell'acqua. È una immensa colossale Venezia di foreste lussurreggianti, campi. E come Venezia, sprofonda ed è soggetta alle inondazioni. Da un lato il livello marino sale, lento ma inesorabile. Dall’altro le alluvioni sono e saranno più aggressive, un po’ per gli...
Ritratto di jacopolist
30/10/2019 - 09:15
Recentemente ho avuto modo di visitare la cresta del Gornegrat, dall'Hotel Kulm, proprio sopra Zermatt. Dai 3100 metri della stazione di arrivo del trenino a cremagliera rosso, il mitico Gornergrat Bahn, la visuale sul Monte Rosa, il Cervino, ma anche il Dom de Mischabel e Weisshorn è, a dir poco,...
Ritratto di jacopolist
15/08/2019 - 09:30
Ce lo aspettavamo da tempo, ora è un dato certo: anche l'Artico è contaminato dalle nostre plastiche. Le microplastiche inquinano l'acqua dal rubinetto di casa nostra fino alle profondità il mare. La novità è che ora gli scienziati hanno trovato concentrazioni di plastica nella banchisa dello...
Ritratto di jacopolist
01/08/2019 - 14:30
Sono passati 65 anni da quando, il 31 luglio 1954, Lino Lacedelli e Achille Compagnoni piantarono la piccozza nella neve crostosa che copre la vetta del K2, che con i suoi 8611 è il secondo Ottomila della Terra. Un grande risultato per l'alpinismo italiano, voluto, sostenuto, e organizzato da...