SHIMODA:MISHIMA & MADELEINES

Tokyo.”I biscotti italiani sono migliori dei biscotti inglesi”,sosteneva D`Annunzio.Ma non aveva, forse, mai assaggiato quelli nipponici che sono davvero squisiti. Sono piu` di cent`anni,ormai, che in Giappone si sforna un`eccellente pasticceria  da te`(da non confondere con i “wagashi” della omonima cerimonia!) . Gusto  assolutamente europeo,franco-anglo-belga,venduti a caro prezzo -magari su prenotazione(un anno di attesa!)- in negozi snobissimi , fornitori della casa imperiale, come Murakami o Izumya,  i biscotti,sono omai un prodotto di consumo ordinario per tutte le famiglie giapponesi. Democraticamente disponibili, in tutte le fogge e gusti , sugli  scaffali dei supermercati e degli economici, onnipresenti Kombini. Buoni e per tutte le tasche.

 

Questo preambolo per dire che sono stato nei giorni scorsi, di calura agostana,a Shimoda,cento chilometri da Tokyo. Una bella e storica cittadina marinara quasi al fondo della penisola di Izu dove ho assaggiato delle straordinarie” madeleines” sfornate da una vecchia bottega locale,Nisshindo.

La curiosita` e` che  degli spugnosi dolcetti proustiani, a forma di conchiglia, era ghiotto Mishima, un habitue`dei luoghi.

     

Il grande e celebre scrittore trascorreva,infatti, molto tempo a Shimoda.In una suite del  raffinato Shimoda Tokyu hotel-una preservata(Anni Sessanta) meraviglia alberghiera dove ho avuto il piacere di soggiornare- scrisse il finale della sua ultima ,complessa opera:” Il mare della fertilita`”.Si era nell`estate del 1970.A fine novembre, lo scrittore ,si uccise, con rito da samurai, al termine di una plateale dimostrazione politica.

Lo straordinario paesaggio che avvolge Shimoda, non ha affascinato solo Mishima.Un altro grande personaggio della letteratura giapponese, il premio Nobel ,Yasunari Kawabata,che gli era stato in qualche modo maestro,vi aveva gia` ambientato il suo romanzo piu`famoso “La danzatrice di Izu” nel 1926.

  

Tra i tanti e tanti ,l`ospite, indesiderato,ma piu`famoso di Shimoda e` il commodoro Mattew Perry.L`ufficiale di marina che,nel 1854, vi approdo`,al comando di quattro fumose vaporiere americane-le leggendarie “kurofune” o“navi nere”- dotate,pero`, di cannoni-obici Paixhans.

La splendida baia piacque molto al commodoro(poi promosso contrammiraglio e gratificato, dal Congresso riconoscente ,con venticinquemila dollari) e con l`accordo non entusiastico del Bakumastu-l`ormai debole regime shogunale- decreto` l`apertura dello storico porto giapponese al commercio americano.E dopo piu`di due secoli al mondo di fuori.

  

 L`anno dopo fece scalo, sempre a Shimoda,`con lo stesso scopo, una flotta delle marina imperiale russa .I giapponesi,un`altra volta,, come dicono a Roma, abbozzarono.

Altri post di Leo Grigliè

Ritratto di lgriglie
02/12/2020 - 10:45
  Tokyo.Toccando ferro,siamo stati fortunati,qui in Giappone:le misure restrittive”anti Corona”sono state blande e non hanno modificato piu`di tanto le abitudini della gente. Ad ogni incipiente raffreddore,le mascherine si sono sempre portate, baci ,  abbracci, strette di mano,pacche e toccamenti...
Ritratto di lgriglie
22/10/2020 - 12:15
Tokyo.Vita da cani per modo di dire, perche,`il soggiorno,due settimane  fa, allo Shirahama Ocean resort,e`stato dei piu` piacevoli.E`un posto insolito per il Giappone,un abergo che accoglie ospiti cinofili.Cosa rara,ci si puo`andare in compagnia del proprio cane.Intendiamoci la segregazione non e`...
Ritratto di lgriglie
17/09/2020 - 11:00
Kyoto. Non ho mai visto l`antica capitale imperiale cosi sguarnita di turisti. Come per un po`tutte le citta d`arte del mondo-e in Italia ne sappiamo qualchecosa-non tutto il Covid viene per nuocere.L`assedio degli inclusive tours di visitatori cinesi-che gli snobbissimi abitanti considerano...
Ritratto di lgriglie
20/08/2020 - 09:15
Tokyo.La torrida estate ci spinge a visitare, ancora, una perla turistica del Setouchi ,la regione del Mare Interno:Shodoshima.Cioe`”l`isola dei fagiolini”,se traduciamo letteralmente,che si raggiunge con vari traghetti che partono in genere da Takamastu,ma anche da Osaka o da Kobe.    Famosa per...
Ritratto di lgriglie
23/07/2020 - 10:15
Tokyo.Sembra si sia tornati al sakoku,alla seclusione,all`isolameno forzato dei bei tempi andati.Le difficolta`di viaggiare all`estero durante quest`estate di Covid,ci hanno indotto ad approfittare degli incentivi offerti per invogliare i giapponesi ,costretti dalle vigenti restrizioni  a...