In Viaggio con Gaia. Viaggio nel tempo a Bergen

Quando gli opuscoli dell'ente del turismo ti promettono un tuffo nel passato e mantengono la promessa, ti senti veramente coccolato. Così è stato per Gamle Bergen, il villaggio-museo ad un paio di fermate di autobus da Bergen. Gamle Bergen è il termine norvegese per Old Bergen. La parte principale di questa sorta di museo è una piazza ricostruita con circa 50 edifici in legno.

Gli edifici danno un'idea di come era la vita a Bergen nel XVIII e XIX secolo, quando Bergen aveva un aspetto molto particolare ed era una autentica potenza di import ed export, dai tessuti al legname. All'epoca era la più grande città di legno d'Europa, con molte piazze e vicoli affollati. Anche se periodicamente veniva distrutta da incendi devastanti, tutti ben narrati nel museo archeologico di Bergen.

In tutto ci sono circa 50 strutture. La maggior parte di esse hanno ricostruzioni di abitazioni e laboratori che si possono vedere attraverso le finestre, e in alcuni casi andare dentro. Quando possibile (assicurarsi che il museo sia fruibile! Durante il 2021 è rimasto chiuso per ristrutturazioni) vale la pena dare un'occhiata all'interno di ciascuna di queste abitazioni. Alcune hanno scale che portano a diverse stanze che altrimenti non sono visibili dall'esterno.

Inutile dire che con giornate di sole i colori sono molto vivaci, ma il suo vero spirito - adombrato, nebbioso di quelle nebbie atlantiche di alcuni racconti romantici - emerge nelle giornate cupe e nuvolose.

Con un po' di fortuna, capitando il giorno giusto, non è impossibile partecipare show in cui attori in vestiti del tempo simulano la vita di uomini d'affari, carpentieri, marinai, commercianti, mugnai, contadine o altre mansioni del tempo. Se si desidera muoversi un po' al di là del centro storico di Bergen, questa è una tappa meno battuta dagli stranieri, ma molto apprezzata dal pubblico norvegese.

 

Altri post di Jacopo Pasotti

Ritratto di jacopolist
28/08/2017 - 09:45
Il Tibet è sempre descritto come una terra santa, il suo spirito, la sua storia, catturano il cuore dei viaggiatori. All'inizio di questa estate ho avuto l'opportunità di visitare Lhasa, in Tibet. La città sta cambiando rapidamente, mi hanno detto, la presenza cinese modifica la società, la cultura...
Ritratto di jacopolist
12/07/2017 - 13:45
Talvolta le aspettative giocano strani scherzi. Viaggiando in Tibet, mi attendevo di incontrare fiumi limacciosi, montagne immense, elevate, ricoperte di nevi e ghiacciai (pur sapendo che è soprattutto il versante meridionale dell'Himalaya a essere coperto di neve), e ovviamente templi e monaci...
Ritratto di jacopolist
27/06/2017 - 09:00
In questo villaggio di circa duemila anime, Soredrano, i pescatori devono compiere tutti i giorni un tragitto di 4 chilometri per recupare l'acqua neccessaria per le proprie famiglie. La storia, completa, la abbiamo pubblicata su National Geographic. http://www.nationalgeographic.it/multimedia/2017...
Ritratto di jacopolist
16/06/2017 - 10:45
Si chiama Soredrano, è nel Madagascar meridionale, non lontano da Tolear (Toliara). Nel villaggio c'è un solo pozzo, di acqua salmastra. Poco utile, se non per lavare panni e stoviglie. Il villaggio, di 1650 anime, è fondato su una lingua di sabbia che si protende dalla costa verso l'esterno...
Ritratto di jacopolist
12/05/2017 - 10:30
Non potevo non condividere questo magnifico albero, che ho incontrato in un viaggio in Madagascar. Sono rimasto fermo mezz'ora almeno, a studiare queste screziature, il disegno che la esfoliazione della corteccia (credo, ma se siete esperti nel campo, ditemi) creava sul fusto dell'albero. La specie...