In Viaggio con Gaia. Il museo della pesca di Bergen.

Come ho potuto scrivere nel mio post precedente, a Bergen, Norvegia, c'è ben di più da visitare oltre al centro storico della città. E se uno desidera conoscere la storia intima del Paese, non può mancare il Museo norvegese della pesca. Perché, tolte le risorse petrolifere, l'economia centrale norvegese ma recente, la Norvegia ha una storia legata al suo mare e alle risorse ittiche.

Fin dall'inizio della storia moderna, i norvegesi sono stati un popolo di pescatori. Questo non è poi così sorprendente, dato che il paese ha la seconda linea costiera più lunga d'Europa.

Il museo si trova sul lungomare di Sandviken, a pochi passi dagli antichi edifici di Bryggen. Il museo è già da sè allestito in un ambiente caldo, in un edificio di legno sul mare, un antico magazzino del XVIII secolo, ed è vivace e dinamico (molte sono le interazioni con gli allestimenti). Al suo interno c'è un percorso in cui dominano luci, suoni, oggetti che comunicano l'importante storia della costa e della pesca norvegese.

In quel museo potreste imparare che alla Norvegia attualmente compete una porzione di mare ben sette volte più vasta della superficie del Paese.

Qui vedrete che il legame con le risorse marine è sempre stato forte. Già nel 1300 Bergen era una delle maggiori esportatrici di stoccafisso e grasso di merluzzo. Il tutto fu a lungo gestito dalla Lega Anseatica.

Il più grande stock di merluzzo del mondo si trova nelle acque norvegesi. Si tratta di un enorme stock di pesce che è stato il mezzo di sussistenza e poi come merce di scambio per le comunità lungo la costa per migliaia di anni (nel sito del Norwegian Seafood Council la storia della pesca del merluzzo è molto ben narrata).

Potreste poi vedere che fino al 1900 la produzione di salmone era modesta, ma a partire dal 1910-1920 la produzione è salita in un modo quasi inquietante. Dal 2007 il Paese è il maggior produttore di salmone mondiale e due delle maggiori compagnie mondiali hanno sede proprio a Bergen. Poi potreste vedere il crollo delle esportazioni degli anni 1980, che portò a fallimenti di industrie e ricche famiglie borghesi, ed infine la ricrescita con l'introduzione della piscicultura, ovvero la produzione industriale, controllata di salmoni. Attualmente, dopo l'estrazione petrolifera, la Norvegia è la maggior esportatrice mondiale di salmone.

Per maggiori informazioni c'è l'Ufficio del Turismo Norvegese.

 

 

Altri post di Jacopo Pasotti

Ritratto di jacopolist
30/12/2020 - 11:00
Io ho visitato Banda Aceh nel 2012 e nel 2014 per documentare la ricostruzione, il post-trauma, gli studi per la riduzione del rischio appoggiandomi a studiosi e studiose del centro di ricerca sugli tsunami che fu costruito dopo il maremoto del 26 Dicembre del 2004. Un terremoto di magnitudo 9.0...
Ritratto di jacopolist
25/08/2020 - 15:45
Sono ritratti in quasi ogni opuscolo di promozione turistica della Norvegia, sono i Sami. Li vedrete fotografati in vestiti con colori accesi accanto alle loro amate renne. Ma chi sono veramente i Sami? I Sami norvegesi si considerano una nazione all'interno di una nazione. Anzi, potremmo dire che...
Ritratto di jacopolist
20/07/2020 - 16:45
 Sono passati centocinquanta anni da quando lo scrittore Henry David Thoureau passeggiava nella campagna del Massaschuetts, lungo il fiume Concord. Oggi però i prati fioriti che hanno ispirato lo scrittore americano non sono più quelli di un tempo: un terzo delle specie di fiori si sono estinti,...
Ritratto di jacopolist
20/04/2020 - 14:00
Questa sera, e forse potremmo dire che non poteva essere più coerente con il momento storico che stiamo vivendo e che ci costringe in casa a causa del COVID-19, c'è una una splendida iniziativa musicale. Alle 20:00, sul canale Facebook #artistsforplants ci sarà in diretta la trasmissione online di...
Ritratto di jacopolist
03/04/2020 - 10:00
Ho sempre avuto una passione per la palma. Mi piacevano fin da bambino quando ero convinto che fosse una pianta tipica della Liguria o del lago di Como. Ora lo sono diventate, ma ho scoperto solo più tardi che in Italia queste piante fossero state importate. E quindi concedetemi di parlarvene un po...