OMOTENASHI:IL FASCINO RETRO DELL` HOT SPRINGS GIAPPONESE

Tokyo.Arrivando in treno a Beppu,in Kyushu,la citta`termale piu`famosa del Giappone, si e`subito colpiti da una strana,grottesca, statua messa di sghembo all`entrata della stazione.Il bronzeo soggetto e` un tipo tracagnotto, in knikerbokers e mollettiere,calvo,occhialuto, raffigurato mentre fugge,le braccia alzate,trattenuto per la giacca da un diavoletto nudo e cornuto.La scultura,caricaturale, non ha niente delle usuali,  compunte raffigurazioni, in stile  teutonico-gugliemino,di accigliati benefattori, civili o militari, della patria nipponica.

 Kumahachi Aburaya, il modello della statua,fu,a modo suo, un  benefattore.Fu lui a mettere in pratica  il concetto, spirituale, zen, dell`ospitalia`verso lo straniero,l`omotenashi.Tradusse un aspetto molto sofisticato della tradizione e della cultura giapponese, in una  formula moderna di business turistico.

   

Questo imprenditore visionario divenne, a suo tempo ,il padre-padrone della Beppu moderna.In particolare, nei “ruggenti” Anni Venti del secolo scorso,regnante il giovane imperatore Hirohito,muto`una rustica spa della provincia giapponese,  in una  versione, asiatica, delle americane  Las Vegas/Hot Springs.

 

Kumahachi,era nato,si puo`dire,con il fiuto per gli affari.. Fece precocemente soldi, era figlio d`arte,cioe`di  prosperi di mercanti dello Shikoku e sapeva come guadagnare.Opero`, alla fine dell`Ottocento, sul mercato del riso.Accumulo` una vera fortuna.Ma, a poco piu`di trent`anni, una batosta speculativa, lo ridusse quasi  sul lastrico .Parti` subito, forse per cambiare aria,per l` America dove imparo`l`inglese,si fece cristiano e soprattutto si guardo`attorno.Visse in California dove germogliava il sogno americano(pre Grande Guerra) germogliava.Ne fu impressionato..Decise il ritorno in patria e di farsi albergatore. Mise gli occhi su Beppu, un centro termale ,celebre da secoli, in Giapopone, che grazie ai nuovi,per l`epoca, traghetti con Osaka e i collegamenti con le rotte marittime internazionali, aveva acquisito una certa  notorieta`.Il luogo era molto suggestivo: piu` di duemila fonti e polle termali sulfuree ,ma diverse tra loro.Un paesaggio un po`lunare, stretto tra il mare di Seto e le basse montagne vulcaniche poste a ferro di cavallo.Un`ampia baia con templi e piccoli agglomerati urbani.Le acque termali famose nei secoli per le loro proprieta`curative.Beppu, divenne, per il giovane imprenditore, il “posto”dove bisognava investire.

      

Una campagna pubbliciaria,mai vista prima e   all`americana-subito promossa da Kumahachi-fece di Beppu la destinazione piu`ricercata per gli abbienti vacanzieri nazionali e un ”must”da non perdere i passseggeri delle navi di linea.

Albert Einstein e consorte,Charlie Chaplin,Bernard Show,l`ultimo imperatore Pu Yi ,dame e cavalieri.La “ bella gente” delle crociere dell`epoca, sosto`  a Beppu per i  bagni nelle speciali  acque sulfuree e le rinomate sabbiature sulle bellissime spiagge .In quei tempi,si  videro, per la prima volta in Giappone,donne  con i capelli a la garconne,guidare,disinibite, torpedoni per turisti e biplani sorvolare la citta`con striscioni -reclame`.Parchi a tema per i giovani,precursori dell`odierna Disneyland, bislacche curiosita`per adulti come allevamenti di coccodrilli del Borneo in acqua termale e poi ,ovviamente,bar americani,dancings,centri massaggio e persino un museo del sesso,ormai chiuso,ma famoso in tutto il paese.

I quotidiani nipponici ,diffusissimi e molto influenti,resero celebre  lo slogan: :”Il Giappone ha tre bellezze!La prima, il monte Fuji,la seconda le isole del mare di Seto, la terza, Beppu e le sue duemila terme”.

Era stato inventato da Kumahachi, che tra i primi in Giappone,aveva previsto il futuro del business turistico nazionale e ne aveva anticipato il marketing pubblicitario.

  

L`aria di Beppu, sulfurea in senso letterale, lo divenne anche in senso metaforico.Gia`  sonnacchiosa e depressa area agricola della prefettura di Oita, si trasformo` in un`allegra babilonia termale.Ma il tempo passa.

Oggi,la regina degli onsen, e una moderna citta`di centoventimila abitanti,simile a tante altre .Ospita tre universita` e si raggiunge da Tokyo con novanta minuti di volo..La principale attivita`, rimane il turismo termale di massa-alberghi,ristoranti,riokan,ostelli- che si sviluppa attorno a otto zone sorgive principali note come le Beppu Hatto.La clientela e`in prevalenza nazionale ,ma prima del Covid erano significative le presenze di cinesi e di coreane.

I turisti asiatici pre-pandemia erano gli ultimi a subire ancora il fascino della Beppu trasgressiva di un tempo e ad affollare in massa l`ormai obsoleto distretto a luci rosse.Quasi uno scenario da film del neorealismo giapponese, dove troneggia, un po`malandato, l`ultimo vestigio delle terme d`antan, il Takegawara,un maestoso onsen aperto nel 1879.

 

Lo spirito elitista e transoceanico del vecchio Aburaya,sopravvive ormai soltanto piu`all` Ana Intercontinental.E` un albergo e resort termale che si affaccia sontuosamente sulla baia di Beppu tra le colline, verdi, bruciate e sulfuree del distretto di Myoban.

Novanta stanze,pista di atterraggio per elicotteri, bellissima piscina a sfioro,sale di lettura, bar e ristoranti dove uno si aspetta di trovare l`ultima incarnazione di James Bond.Siamo stati, invece,accolti da un simpatico manager triestino,Davide Zanardi,che nonostante gli anni passati lontano da casa, non ha perso del tutto la parlata delle Maldobrie.

   

 

 

 

 

Altri post di Leo Grigliè

Ritratto di lgriglie
27/08/2021 - 11:45
Tokyo.”I biscotti italiani sono migliori dei biscotti inglesi”,sosteneva D`Annunzio.Ma non aveva, forse, mai assaggiato quelli nipponici che sono davvero squisiti. Sono piu` di cent`anni,ormai, che in Giappone si sforna un`eccellente pasticceria  da te`(da non confondere con i “wagashi” della...
Ritratto di lgriglie
08/07/2021 - 09:45
Tokyo.A un giovane e interessante amico italiano,Edoardo,un grande appassionato di cultura giapponese, che vive a Tokyo e lavora per una multinazionale informatica,ho suggerito Ishigaki come meta preferenziale per le sue imminenti,ancorche`brevi, vacanze estive.E`-gli ho detto-uno dei posti piu`...
Ritratto di lgriglie
02/06/2021 - 13:45
Tokio.Un poco tristi in questo inizio d` estate, piovoso,grigio, spiacevole per le protratte restrizioni anti-Covid,volte a propiziare un`improbabile(e non desiderata) olimpiade.Ci  fa bene ricordare un bel posto visitato di recente.Kohama. E`,questa,`con Ishigaki e Iriomote una delle piu`attraenti...
Ritratto di lgriglie
13/05/2021 - 07:45
Tokyo.Sono-stimano gli esperti del Parco Nazionale-poco piu`di cento i gatti selvatici sopravissuti nei Millenni nelle foresta subtropicale di Iriomote,un`isola di 290 chilometri quadrati a cento miglia da Taiwan e tre ore scarse d`aereo dalla capitale giapponese.Specie in via d`estinzione-sono...
Ritratto di lgriglie
06/03/2021 - 06:30
Tokyo.Ho scoperto il Giappone intorno ai dieci anni grazie ai film di Kurosawa.Quelli  piu`famosi li ho visti e rivisti mille volte e ogni volta, mi hanno aiutato a capire qualcosa in piu`di questo difficile paese e della sua gente. Conosco bene molte delle cruente storie guerresche narrate dal...