di Fabrizio Annibali di Fabrizio Annibali di Fabrizio Annibali di Fabrizio Annibali di Fabrizio Annibali di Fabrizio Annibali di Fabrizio Annibali di Fabrizio Annibali di Fabrizio Annibali di Fabrizio Annibali di Fabrizio Annibali
Febbraio 2013

Giallo in Val Tidone

di Antonio Armano | Fotografie di Fabrizio Annibali

Questa è la storia di una scrittrice, italiana di nascita e americana di formazione, con la passione per i delitti e per l'archeologia. Un giorno lascia gli Stati Uniti (e il marito) e si rifugia in un piccolo borgo tra Emilia e Lombardia. Qui scopre le tracce di numerosi insediamenti preistorici e romani. E tra un romanzo e uno scavo, il mistero si infittisce...

Giallo in Val Tidone

La val Tidone è una zona di confine tra emilia e lombardia, crocevia millenario e luogo di incontri e scontri tra popoli. «Da queste parti ci sono state molte battaglie, grandi morti e morti di grandi», dice Ben Pastor, autrice di gialli storici che dal Vermont, Usa, si è trasferita a Campana di Ferro, località di Rovescala (Pv). Qui si sono combattute la guerra punica e quella greco-gotica. Nella vicina val Trebbia, Annibale sconfisse i Romani: attirati oltre il torrente, i legionari riemersero dalle acque irrigiditi per il gelo (era dicembre). Fu un’ecatombe.
Nel museo archeologico di Pianello Val Tidone, aperto nel 1999, mi mostra una stele romana con epigrafe. Possiamo tradurla così: «Fece costruire Valeria Nardis per Birria Vita­le, figlia piissima che morì a 18 anni». Le epigrafi non sono solo reperti di valore archeologico, ci parlano anche di affetti e dolori ormai remoti. I romani le ponevano lungo le vie di comunicazione perché tutti quelli che passavano le leggessero. La via Emilia continua a portare genti e merci da Nord a Sud, da Rimini e Piacenza, s’interseca con la via Postumia per Genova, prosegue verso Torino. Ieri erano cippi di strade consolari, oggi cartelli di uscite autostradali. I ritrovamenti di epigrafi romane in val Trebbia e val Tidone sono innumerevoli...

 
 
 

NELLO STESSO NUMERO


Shanghai, intorno al futuro
Il viaggiatore. Le voci di Istanbul
Dolce vita in Costa Azzurra