Cattelan e l'arte della (colta) provocazione

Scegliere Maurizio Cattelan per curare una mostra è già di per sé una performance. L'artista contemporaneo italiano di maggior successo noto per le sue provocazioni, compresa quella di andare in pensione, di certo non avrebbe smentito se stesso con una mostra convenzionale. Inaugurata in questi giorni, come evento parallelo della fiera Artissima di Torino, Shit and die (che non credo abbia bisogno di traduzioni) è allestita a Palazzo Cavour fino all'11 gennaio. Già il luogo scelto fa capire che non si scherza coi confronti. Qui visse il simbolo di Torino e dell'Italia intera, il conte Camillo Benso di Cavour, e tutta la mostra ruota intorno alla storia e ai simboli della città. Dall'omaggio a Carlo Mollino ai ritratti dei vip che con Torino hanno un legame (compresi Del Piero, la Littizzetto, gli Agnelli junior e il sindaco Fassino), fino alla terra delle montagne circostanti incapsulata sotto una pedana, e allo studio del Cavour messo sotto un telone di plastica come a bloccarne per un attimo l'impolveramento. Immediate le polemiche, soprattutto per un paio di sale dedicate alla sessualità, anche spinta, che ha fatto arrossire più di un visitatore, nonché convinto un consigliere comunale a chiedere che il Comune togliesse il patrocino per par condicio nei confronti di un'altra recente mostra torinese, che utilizzava una donna obesa e nuda come immagine di lancio, alla quale il patrocinio era stato effettivamente tolto. Ma vuoi mettere Cattelan? Ogni polemica, discussione, protesta è solo linfa ulteriore per un evento che non può che avere successo sia per il nome del curatore sia per la qualità effettiva del progetto espositivo. È una mostra che merita punto e basta. Una delle migliori proposte in Italia da molti anni a questa parte. E infatti, già in questi primi giorni di apertura è invasa da tantissimi appassionati stranieri (e collezionisti che prima vanno al Lingotto a fare affari in fiera e poi arrivano a Palazzo Cavour per rimanere a bocca aperta). Al di là delle opere esposte è proprio il concetto di base dell'esposizione che è vincente. Ben oltre la provocazione fine a se stessa.

 

Altri post di Barbara Gallucci

Ritratto di barbaragallucci
08/11/2013 - 12:12
P { margin-bottom: 0.21cm; } Milano-Oval Lingotto un'ora tra treno veloce e metro nuova di zecca. Un incentivo in più per fare una scappata ad Artissima, la più importante fiera di arte contemporanea in Italia e tra le prime cinque nel mondo. Il bello di questo evento è che, pur essendo pensato per...
Ritratto di barbaragallucci
11/10/2013 - 16:56
P { margin-bottom: 0.21cm; } Alla fine ce l'ho fatta ad andare a Venezia a vedermi sta benedetta Biennale. Ero curiosa perché il curatore è giovane, l'ho intervistato più volte e si occupa anche del Fondazione Trussardi e del New Museum di New York. Massimiliano Gioni è un cervello in fuga che...
Ritratto di barbaragallucci
05/09/2013 - 16:21
P { margin-bottom: 0.21cm; } Prendete un bel museo di arte contemporanea però un po' ammuffito, affidatelo a un direttore brillante e avrete una delle mostre più interessanti del panorama europeo. Certo, bisogna andare a Varsavia, ma vi abbiamo già raccontato di recente su Touring (http://www....
Ritratto di barbaragallucci
25/07/2013 - 11:22
In questi giorni è tutto un salutare amici e parenti in partenza. Ovviamente chiedono guide e consigli, ma a tutti quelli che partono per l'estero l'unica cosa che dico è: "Mai senza Point it!". Strabuzzano gli occhi poi quando spiego che si tratta di una piccolo volume tascabile con 1300 foto di...
Ritratto di barbaragallucci
13/06/2013 - 16:57
Ci sono artisti dei quali apprezzo i lavori a prescindere. So che mi piaceranno anche prima di vederli dal vivo. Uno di questi è il danese Olafur Eliasson che con le sua installazioni porta il sole anche là dove il sole non c'è, come fece alla Tate Modern di Londra nel 2003, cascate sotto il ponte...