In viaggio con Gaia. Gioielli e artigiani Sami

Immaginate un villaggio, in scandinavia, in Norvegia, per essere precisi. Un villaggio nel cuore della tundra, non sul mare, ma in un territorio di granito, licheni, praterie, laghi, boschi di betulle, salici, e abeti. Un villaggio Sámi, per essere ancora più precisi. Ma no, non che abitano in capanne con il tetto ricoperto da uno spesso strato di terra ed erba. Abitazioni come quelle di un comune abitante di quelle regioni artiche, solo che si tratta di Sàmi. Questa è Koutekeino, in Norvegia, molto vicino ai confini con Svezia e Finlandia.

Se ci passerete in estate troverete il villaggio un po' poco... vivace. Molti degli abitanti di Koutekeino saranno al seguito delle grandi mandrie di renne che avranno condotto verso la costa. In inverno e nelle stagioni di passaggio, invece, la cittadina si anima, è popolosa e si susseguono eventi legati soprattutto alla gestione delle renne, ma anche alla pesca o alla raccolta di prodotti della natura.

Ma vale comunque la pena passarci, anche in estate. Diversi i motivi, tra questi vi segnalo la visita alla Juhl's Gallery, una galleria che mostra i prodotti di gioelleria degli artigiani della regione. La struttura della galleria è speciale: è molto vasta e articolata (non pensate di cavarvela in mezz'ora, prendetevi il vostro tempo). È stata costruita grazie alla visione di Frank e Regine Juhl, che arrivando dal meridione della scandinavia hanno deciso di abitare in quella regione remota e cominciare questa attività.

Erano gli anni '50, e da allora, pezzo per pezzo, padiglione per padiglione, architettura dopo architettura, la galleria si è ampliata. Oggi, come dicevo, si entra in uno spazio espositivo composito, che attraversa architetture eclettiche e creative, segni dei periodi che la galleria ha attraversato.

Vi inviteranno ad una visita. Potrete sorseggiare del te o del caffè con qualche biscotto. E potrete girovagare tra oggetti di gioielleria tipicamente Sámi, tradizionalmente Sámi, ma anche modernamente e Sámi. E non troverete solo oggetti di gioielleria, ma anche di arredamento. Lasciando la galleria, poi, vi chiederete: ma dove sono tutti questi artigiani, in questo paese che sembra deserto. Se è estate, appunto, saranno molto probabilmente a pescare, raccogliere bacche, o al seguito delle loro renne.

Altri post di Jacopo Pasotti

23/03/2017 - 12:00
Non è certo dei più comodi. Per raggiungerlo bisogna innanzitutto prendere una funivia, il cui salto di circa mille metri di altitudine è già una esperienza. Si chiama Luftseilbahn Sunnbuel e per prenderla dovrete andare in Svizzera, a Kandersteg. Poi bisogna camminare, tra montagne calcaree tutte...
15/03/2017 - 08:15
L'inverno è finito, finalmente. E per festeggiare l'arrivo della primavera, cosa può esserci di meglio di una competizione, una corsa coi cavalli?  Sì, perché l'inverno nei Gobi in Mongolia è rigido, rigidissimo. Le temperature sono intorno ai -20°C, ma non mancano puntate fino a -40°C. E poi c'è...
10/02/2017 - 10:30
Questo è stato un altro inverno anomalo, se di anomalia si può parlare quando si parla del tempo atmosferico. Anomalo si, in una ottica climatica: ha nevicato poco al nord, mentre ci sono state nevicate copiose al centro e al sud. Tutto questo era stato a grandi linee annunciato, ma forse non ci si...
30/01/2017 - 14:00
Il CNR ci informa che il ghiacciaio dell'Ortles (3905 metri di altitudine nelle Alpi Orientali) ha cominciato a muoversi a causa del cambiamento climatico. Non accadeva, o almeno il movimento non era tanto evidente, negli ultimi 7000 anni. Anzi, lo studio ha dimostrato che il ghiaccio più profondo...
02/01/2017 - 12:30
Oggi, in questo gelido ma (per ora) soleggiato inverno, vi suggerisco una meta nel cuore delle Alpi, nel cuore della Svizzera, nel cuore dell'Oberland Bernese. Si tratta del lago Oeschinensee, a 1686 metri di altitudine sopra Kandersteg.  Il villaggio di Kandersteg lo raggiungete abbandonando la...